Walter Veltroni alle Vecchie Segherie Mastrototaro di Bisceglie. <span>Foto Luca Ferrante</span>
Walter Veltroni alle Vecchie Segherie Mastrototaro di Bisceglie. Foto Luca Ferrante

Walter Veltroni presenta le nuove avventure del commissario Buonvino. Intervista video

Un giallo che mischia realtà e fantasia per riflettere sul tema della memoria attraverso un caso spinoso del 1944. L'evento alle Vecchie Segherie Mastrototaro

Tornano i casi del commissario Buonvino, personaggio nato dalla penna di Walter Veltroni. L'autore è stato ospite della libreria Vecchie Segherie Mastrototaro di Bisceglie, mercoledì 15 marzo, per presentare il quarto capitolo della saga di indagini del commissario romano. Una saga fortunata, con cui la gente si trova facilmente a empatizzare, ricca di dettagli - come ogni giallo che si rispetti - e di colpi di scena.

"Buonvino tra amore e morte" si apre subito dopo l'attentato a Veronica, moglie del protagonista, e parte proprio dalla complessa indagine attraverso cui il commissario cerca di comprendere chi abbia compiuto il gesto e perché, trovandosi anche a scandagliare il passato della sua compagna. Non si tratta di un'indagine semplice per Buonvino, a tratti è anche dolorosa. E si percepisce tutto il dolore di questo personaggio tra le pagine di questo nuovo romanzo in cui il protagonista si trova a riscoprire la propria vita prima di conoscere la moglie.

«Buonvino è un uomo come tutti noi» ha raccontato l'autore. «È un personaggio mite, a cui piace fare squadra. Non è un solista, è un direttore d'orchestra» e proprio quella squadra che gli è stata affidata, quasi a sfregio, diventa uno degli elementi più importanti per il lavoro del protagonista, relegato nel piccolo commissariato di Villa Borghese: «A me piacciono gli sconfitti, perché in uno sconfitto non c'è arroganza, non c'è la boria che contraddistingue i vincitori. I personaggi attorno a lui sono solo apparentemente imperfetti, perché nessuno è perfetto» ha aggiunto. Una squadra composita in cui tutti hanno la libertà di dire la propria, perché «La libertà è l'incontro con l'altro. L'educazione all'altro è la base della democrazia» ha precisato.

Tutti i personaggi che popolano queste storie, da quelli principali al barista, parlano ed esprimono opinioni, per quanto divergenti tra loro: «Non c'è la mia voce in questo, a Buonvino ho messo le caratteristiche che a me piacciono, ma non sono io». Il commissario è un personaggio che non urla, che ascolta e che crede molto al dubbio, quando deve risolvere il mistero, convoca tutti i sospetti e con le parole costruisce la verità. «Mi fa piacere che le persone si siano affezionate a questo personaggio e a questa storia» ha ammesso Veltroni.

La narrazione si intreccia poi con fatti di storia realmente accaduti: «Ho cercato di mischiare fantasia e realtà - ha spiegato Veltroni -, Bovino si troverà ad indagare anche sul caso di un uomo, giustiziato nel cuore di Villa Borghese nel 1944, un caso sul quale mi sono informato e che ho scoperto per caso, documentandomi per il libro precedente». Il dopoguerra è un periodo che ritorna spesso nei lavori di Veltroni che ha rivelato di essere molto appassionato di questo tema: «Mi ha sempre affascinato perché da un momento all'altro un regime durato vent'anni e supportato da una grossa parte del popolo, crolla come un castello di carte e non c'è nessuno del partito che reagisce. E mi affascina molto capire cosa sia successo nelle case degli italiani in quei giorni». Una storia che si presta, per stessa ammissione dell'autore, a una riflessione di carattere civile, proprio perché legata al tema della memoria e della nostalgia: «È importante tenere memoria di quel periodo e il gioco della memoria, anche se fatto attraverso le pagine di un libro giallo secondo me è fondamentale» ha concluso.

  • Cultura
  • Libri
  • Bisceglie
  • Vecchie Segherie Mastrototaro
  • Walter Veltroni
Altri contenuti a tema
Sarà presentata a Molfetta la graphic novel “Primo volo” di Lucrezia Porta Sarà presentata a Molfetta la graphic novel “Primo volo” di Lucrezia Porta Verrà affrontato il tema del bullismo grazie alla sinergia con la cooperativa Chàrisma
Biscegliese disperso in mare. Ricerche in corso anche a Molfetta Biscegliese disperso in mare. Ricerche in corso anche a Molfetta Sono operative le forze dell'ordine: non si avrebbero più notizie dell'uomo da diverse ore
Un 2023 ricco di eventi culturali a Molfetta: il riepilogo Un 2023 ricco di eventi culturali a Molfetta: il riepilogo Dai tanti concerti agli appuntamenti con la storia della città
Lorenzo Scaraggi presenta in anteprima a Molfetta "Lungomare Italia" Lorenzo Scaraggi presenta in anteprima a Molfetta "Lungomare Italia" Appuntamento stasera alle 19:45 nell'ambito dell'evento "A Daisc è nudde"
Vincenzo Schettini, il prof più famoso del web, alle Vecchie Segherie di Bisceglie Vincenzo Schettini, il prof più famoso del web, alle Vecchie Segherie di Bisceglie Appuntamento oggi alle 18.30 per la presentazione del libro 'Ci vuole un fisico bestiale'
Lo spettacolo “Abulivia” del molfettese Francesco Tammacco approda in Senato Lo spettacolo “Abulivia” del molfettese Francesco Tammacco approda in Senato Gli ulivi spiantati rappresentano il vuoto lasciato dai giovani del Sud che partono
“L’incendio”, la giornalista Cecilia Sala presenta il suo libro a Bisceglie “L’incendio”, la giornalista Cecilia Sala presenta il suo libro a Bisceglie Alle Vecchie Segherie domenica 17 alle 11.30 la presentazione dell’ultima pubblicazione
Il molfettese Gianni Spadavecchia e il primo giallo scritto in quattro giorni Il molfettese Gianni Spadavecchia e il primo giallo scritto in quattro giorni Il giovane autore si racconta attraverso il suo nuovo progetto
© 2001-2024 MolfettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
MolfettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.