Molfetta vista dal mare
Molfetta vista dal mare
Cronaca

Un teschio umano in mare. È mistero nelle acque di Molfetta

Pesca macabra: è stato recuperato nelle reti a strascico di un peschereccio. Per identificarlo servirà l'esame del Dna

Con il pescato, hanno tirato su pure un teschio umano. È mistero a Molfetta dove un giallo è emerso dall'azzurro delle acque: martedì pomeriggio l'equipaggio di una peschereccio intento nella pesca a strascico (che prevede il trascinamento di una rete sul fondo del mare, nda) ha scorto l'inconfondibile sagoma umana.

È stata una pesca macabra. In mezzo ai pesci, infatti, è spuntato il teschio, pescato in un'area molto vasta al largo di Molfetta, tra l'incredulità dell'equipaggio. Era finito nella rete durante lo strascico in Adriatico. A quel punto i pescatori, rientrati nel porto, hanno allertato i militari della Capitaneria di Porto che si sono subito portati sulla banchina. A loro, in poco tempo, si sono affiancati, per effettuare il recupero del cranio in un'attività congiunta, i Carabinieri della locale Compagnia.

Spetteranno proprio a quest'ultimi le indagini per provare a risalire all'identità del teschio ritrovato in mare che, su disposizione della Procura della Repubblica di Trani, competente per territorio, è stato sequestrato: sarà adesso analizzato con accurati esami medico-legali che potranno contribuire a fare luce sul misterioso ritrovamento. Ovviamente, gli investigatori sono molto abbottonati e non trapela quasi nulla. Per il momento, quindi, ci si trova davanti a un vero e proprio giallo.

Ma i dubbi di fondo (a chi appartiene? com'è arrivato sul fondo del mare?) rimarranno intatti sino a quando non saranno svolti gli esami tecnici e di antropologia forense all'Istituto di Medicina Legale di Bari, dove il teschio è stato già trasportato, per risalire al sesso, all'età della vittima ed all'epoca del decesso. Con queste prime indicazioni, i dati saranno incrociati con quelli delle persone scomparse che hanno le stesse caratteristiche e poi si procederà alla comparazione del Dna.

Quando la notizia è corsa di bocca in bocca, nella città di Molfetta il pensiero è andato subito ai due marittimi che risultano ancora dispersi dopo il naufragio del rimorchiatore Franco P, avvenuto il 18 maggio a 53 miglia dalla costa di Bari. Tuttavia, lo stato di conservazione e la circostanza che non sia stato trovato l'intero scheletro portano ad escludere «fatti recenti e recentissimi», rivelano fonti inquirenti, e fanno propendere invece per una lunga permanenza sul fondale marino.

Un decesso che potrebbe risalire negli anni, forse nei decenni, ma ogni possibilità - dal naufrago morto in mare ad una persona scomparsa - è prematura, seppur tenuta in considerazione. Ci vorrà tempo prima di ottenere delle risposte e gli investigatori, in attesa degli esami medico-legali, non escludono nessuna ipotesi.
  • Guardia Costiera Molfetta
  • Capitaneria di Porto Molfetta
  • Carabinieri Molfetta
Altri contenuti a tema
«C'è qualcuno in quella casa». Era stata occupata abusivamente «C'è qualcuno in quella casa». Era stata occupata abusivamente È successo in un alloggio popolare di via Ruvo, sul posto Carabinieri e Polizia Locale. Denunciate tre persone
In fiamme Miragica. La Procura vuol vederci chiaro, si sospetta il dolo. LE FOTO In fiamme Miragica. La Procura vuol vederci chiaro, si sospetta il dolo. LE FOTO L'intervento dei Vigili del Fuoco s'è protratto sino a sera. Pochi i dubbi sul fatto che dietro vi sia stata la mano dell'uomo
«Nessun legame con la mafia». Colpo di scena: assolto l'appuntato Laforgia «Nessun legame con la mafia». Colpo di scena: assolto l'appuntato Laforgia Non hanno retto le accuse di concorso esterno in associazione mafiosa e corruzione mosse al militare. È tornato in libertà
24enne morto nel cantiere, la famiglia chiede «silenzio». Oggi l'autopsia 24enne morto nel cantiere, la famiglia chiede «silenzio». Oggi l'autopsia L'avvocato Petruzzella: «Nella tragedia, una sola certezza: si trattava di un ragazzo per bene». Proseguono le indagini
Tenta di rapinare un anziano in strada: «Minacciato con un paio di forbici» Tenta di rapinare un anziano in strada: «Minacciato con un paio di forbici» È accaduto lungo corso Umberto, l'uomo ha 83 anni ed è ancora sotto shock. Il rapinatore si è dato alla fuga
Forze dell'ordine: anche a Molfetta l'uso della pistola taser Forze dell'ordine: anche a Molfetta l'uso della pistola taser L'annuncio del sottosegretario Molteni. Si tratta di un'arma ad impulsi elettrici per la gestione di situazioni critiche
Agguato in via Ruvo: il 18enne lascia il carcere. Ai domiciliari Agguato in via Ruvo: il 18enne lascia il carcere. Ai domiciliari Il Gip di Trani ha accolto l’istanza dell'avvocato del giovane, riconoscendo l’affievolimento delle esigenze cautelari
Vite bruciate: armiere a 16 anni, proseguono le indagini a Molfetta Vite bruciate: armiere a 16 anni, proseguono le indagini a Molfetta Il minore, che sognava di fare il calciatore, è finito agli arresti domiciliari. Si scava fra le sue frequentazioni
© 2001-2022 MolfettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
MolfettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.