Un'ambulanza del 118
Un'ambulanza del 118

L'appello di un medico del 118: «In prima linea contro il COVID-19 ma trascurati dalle istituzioni»

Lettera alla nostra redazione: «Chiedo di essere considerata con qualche tutela»

Riceviamo e pubblichiamo una lettera giunta alla nostra redazione da parte di un medico del 118 impegnato, come i suoi colleghi di tutta Italia, nell'emergenza sanitaria legata all'epidemia di Coronavirus.

«Buonasera direttore,
sono Maria Patimo, un medico 118. Sto rientrando adesso a casa dalla mia famiglia dopo aver fatto la mattina al lavoro. Vorrei provare a descrivere il mio stato d'animo attuale: ad inizio turno è paura frammista a un "devo farcela", facendo fondo a tutto quello che la mente dispone e cercando di ripassare mentalmente segnali e sintomi da considerare al fine di effettuare un'ipotesi diagnostica. A fine turno, nonostante la stanchezza, perché lavorare per strada e con i DPI non è cosa banale, si è felici per avercela fatta anche questa volta. Perché i medici 118 stanno combattendo in prima linea anche a mani nude, perché i DPI non arrivano o arrivano in maniera assolutamente inadeguata per quantità e a volte anche per qualità».

«I medici 118 stanno affrontando con abnegazione e professionalità secondo il giuramento di Ippocrate una guerra speciale oltre che spietata perché il nemico è invisibile. I medici 118 vanno avanti nonostante tutto perché continuano ad essere in regime di convenzione pur essendo a tutti gli effetti ospedalieri o, meglio, possiamo parlare di sanitari che gestiscono l'emergenza pre-ospedaliera anche tempo dipendente. Vorrei fare un esempio a concretizzare l'assenza di tutele per il medico convenzionato: un medico dipendente se messo in quarantena per il Coronavirus non perde il proprio stipendi, un medico convenzionato, invece, ha decurtazione dello stesso con un compenso integrativo da parte dell'assicurazione Enpam, per giunta in tempi "biblici"».

«Il Ministro Conte, con il provvedimento "Cura Italia", lodevole perché nonostante tutto riesce a guardare oltre, pone poi incentivi al lavoro straordinario nella sanità: ciò renderebbe ancora più disumano lo sforzo e l'abnegazione dei professionisti portandoli al massacro. Gli incentivi al personale dipendente SSN sono di circa 600 euro già dal mese di marzo ma, a tal proposito, lo stesso Dott. Oliveti (presidente Enpam) denuncia questo provvedimento sottolineando la disparità dello stesso prevedendo di contro, ai medici convenzionati, un "fondo per il reddito di ultima istanza" con una dotazione procapite molto inferiore e con tempi e modalità di attribuzione lasciati all'incertezza».

«Insomma, i medici 118 sono in prima linea al lavoro ma per il Governo e le istituzioni sono al massimo da tutelare "in ultima istanza". Questo è il malessere che lascia l'amaro in bocca quando rientro a casa dopo aver messo a repentaglio la mia vita e quella dei miei familiari per arginare la pandemia.
Mi scusi per lo sfogo, grazie per l'attenzione.
P.S. Alcuni cittadini chiamano i medici eroi: io chiedo solo di essere considerata con qualche tutela.
Maria Patimo».
  • Coronavirus
Altri contenuti a tema
Negozi e uffici e aria condizionata: le indicazioni dell'assessore all'igiene Balducci Negozi e uffici e aria condizionata: le indicazioni dell'assessore all'igiene Balducci L'accensione a condizione della manutenzione e sostituzione dei filtri
Manovra della Regione Puglia da 750 milioni di euro a sostegno dell'economia Manovra della Regione Puglia da 750 milioni di euro a sostegno dell'economia Interventi a favore del sistema imprenditoriale, turistico e sanitario
Anche Molfetta inserita nell'indagine di sieroprevalenza dell'infezione di Coronavirus Anche Molfetta inserita nell'indagine di sieroprevalenza dell'infezione di Coronavirus Il test verrà eseguito su un campione di 150mila persone residenti in 2mila Comuni
Coronavirus, in Puglia solo 2 nuovi casi su 2.203 tamponi: 0 in provincia di Bari Coronavirus, in Puglia solo 2 nuovi casi su 2.203 tamponi: 0 in provincia di Bari I guariti totali nella regione arrivano a 2.436
Giardini e parchi: a Molfetta a breve la riapertura Giardini e parchi: a Molfetta a breve la riapertura Minervini: «Agire sempre con responsabilità»
A Molfetta un solo caso di Coronavirus: l'annuncio di Tommaso Minervini A Molfetta un solo caso di Coronavirus: l'annuncio di Tommaso Minervini Il sindaco ne parla in un nuovo video alla città
Coronavirus, altri 9 casi registrati nella provincia di Bari Coronavirus, altri 9 casi registrati nella provincia di Bari In totale 11 contagi nelle ultime 24 ore in Puglia
Nelle sede del Comune di Molfetta a piazza Municipio arriva il termoscanner Nelle sede del Comune di Molfetta a piazza Municipio arriva il termoscanner Il dispositivo sarà utilizzato per monitorare tutti gli accessi nella struttura
© 2001-2020 MolfettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
MolfettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.