gaetano cataldo
gaetano cataldo
Politica

«Un nuovo corso per l’Europa è possibile»

Gano Cataldo analizza il voto del 25 maggio

«Non è stato il Pd a vincere le elezioni ma Renzi che ha voluto puntare tutto su quelle sorta di ballottaggio che lo vedeva impegnato prima di tutto contro il movimento creato da Grillo e in seconda battuta contro Berlusconi». È questa l'analisi che Gano Cataldo, candidato per la lista Tsipras alle Europee, ha fatto a risultati ormai acquisiti e ufficiali. Un'analisi che parte dai circa 21mila e 600 voti raccolti nel corso di una campagna elettorale scandita, più che dai programmi dei singoli contendenti, dai reciproci attacchi anche di tipo personale.

«Di Europa non si è mai parlato – afferma Cataldo – Renzi ha vinto grazie all'eco mediatico che è stato capace di sollevare. Siamo stati gli unici a parlarne, ad essere presenti sul territorio, a stare tra la gente. E l'esito del voto, nonostante il poco spazio che ci è stato offerto dai media, ci ha premiato». Ancor di più a Molfetta che con il suo 34% di votanti, è risultata essere tra le città in tutta Italia con le percentuali più basse per l'affluenza alle urne. «Abbiamo lavorato molto avvicinando e mobilitando gli elettori – continua Cataldo – proponendo la nostra visione di Europa. Il risultato nel suo complesso dimostra la bontà della nostra azione. La sinistra nel Parlamento europeo sarà adesso rappresentata da tre nostri eletti. Una base di partenza utile, insieme agli Onorevoli e Senatori di "Sel" presenti nel Parlamento italiano, su cui poter contare e poter intraprendere politiche nuove che guardino ai reali bisogni dei cittadini». Anche il risultato personale raggiunto soddisfa Cataldo.

«Quanto ho raggiunto è perfettamente in linea con quelle che erano le mie aspettative – afferma – Per una incollatura non sono stato eletto, ma chi della "Lista Tsipras" siederà a Bruxelles è degno di tutta la fiducia possibile. Nel frattempo sono tornato al mio lavoro di sempre ma, come giusto che sia, già dal giorno dopo gli scrutini, sono tornato ad impegnarmi per cercare di far crescere "Sinistra Ecologia e Libertà" il partito da cui provengo». All'orizzonte già si affacciano le votazioni che tra un anno rinnoveranno il Consiglio regionale. «C'è da rinnovare e rinforzare l'alleanza con tutte le forze del centrosinistra – conclude Cataldo – e in questo il mio partito potrà avere un ruolo determinante». Proprio alla luce dei risultati raggiunti.
© 2001-2021 MolfettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
MolfettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.