Gli arresti della Direzione Investigativa Antimafia
Gli arresti della Direzione Investigativa Antimafia
Cronaca

Traffico di droga. Coinvolto anche un carabiniere: era in servizio a Molfetta

Giuliano Pasquale, di 54 anni, è finito ai domiciliari: è accusato di aver fornito informazioni riservate a un narcotrafficante albanese

Elezioni Regionali 2020
C'è anche un carabiniere accusato di aver fornito informazioni riservate a un narcotrafficante albanese tra le 37 persone arrestate ieri (27 in Italia, 15 in carcere e 12 agli arresti domiciliari) su disposizione della Direzione Distrettuale Antimafia di Bari e dell'Autorità Giudiziaria albanese.

Al militare, l'appuntato Giuliano Pasquale, di 54 anni, sono stati concessi i domiciliari. All'epoca - i fatti contestati risalgono agli anni 2017-2018 - era in servizio alla Stazione di Molfetta, città in cui risiedeva il narcotrafficante albanese, poi fu trasferito quando l'Arma ebbe cognizione del suo coinvolgimento nell'inchiesta. L'uomo si sarebbe attivato dopo che l'Antimafia sequestrò un carico di droga custodito in un camper di un barese che è stato arrestato a Saranda, in Albania.

Dopo quest'episodio, il narcotrafficante chiese aiuto al militare il quale, entrando più volte nella banca dati interforze utilizzando le credenziali della Stazione di Molfetta, avrebbe fornito informazioni attinte dalla banca dati del Ministero dell'Interno e contribuito alla fabbricazione di documenti di identità falsi. Durante le indagini, infatti, sono state sequestrate carte d'identità italiane contraffatte, intestate a ignari cittadini pugliesi, utilizzate dagli albanesi per espatriare in Europa.

Il procuratore di Bari, Giuseppe Volpe, ha evidenziato che l'inchiesta ha rivelato un «fenomeno che ha visto la criminalità albanese impegnata nei traffici avvalersi di manovalanza pugliese e anche di personalità deviate delle istituzioni».
  • Droga Molfetta
  • Arresti Molfetta
  • Carabinieri Molfetta
  • Arresti Carabinieri
Altri contenuti a tema
1 Droga: traffico Albania-Italia, operazione "Kulmi". I nomi degli arrestati a Molfetta Droga: traffico Albania-Italia, operazione "Kulmi". I nomi degli arrestati a Molfetta In carcere Giovanni D'Angelo, Erind Garubi e Kreshnik Laçi. L'indagine è partita dal sequestro di un grosso quantitativo di marijuana a Molfetta
"Ghost Wine": chiuse le indagini, 61 indagati. C'è un 56enne di Molfetta "Ghost Wine": chiuse le indagini, 61 indagati. C'è un 56enne di Molfetta Si tratta dell’operazione per l'adulterazione del vino che ha portato all'arresto di imprenditori, dipendenti ed enologi
Un mare di droga dall'Albania: 37 arresti. Blitz anche a Molfetta Un mare di droga dall'Albania: 37 arresti. Blitz anche a Molfetta In Italia sono state arrestate 27 persone. In città le manette sono scattate ai polsi di due albanesi e di un italiano
Droga, traffico internazionale tra l'Albania e l'Italia: 37 arresti, 3 a Molfetta Droga, traffico internazionale tra l'Albania e l'Italia: 37 arresti, 3 a Molfetta Si tratta di due albanesi e un italiano, tutti residenti in città. All'operazione ha collaborato la Guardia di Finanza
Evasero dal carcere e rapinarono auto: 15 arresti. C'è anche un molfettese Evasero dal carcere e rapinarono auto: 15 arresti. C'è anche un molfettese Maxi-fuga il 9 marzo scorso: alcuni detenuti riuscirono a trafugare delle auto. Fra i 15, anche il 32enne Pasquale Fiore
Soldi per pilotare le indagini. In silenzio davanti al Gip: restano in carcere Soldi per pilotare le indagini. In silenzio davanti al Gip: restano in carcere Ieri gli interrogatori: si sono tutti avvalsi della facoltà di non rispondere, nessuna istanza di attenuazione della misura cautelare
Pagina buia per lo Stato. Depalma: «Noi stiamo con i Carabinieri» Pagina buia per lo Stato. Depalma: «Noi stiamo con i Carabinieri» Il sindaco: «Chiederemo al Prefetto ogni intervento utile per contrastare le infiltrazioni mafiose». Domani gli interrogatori di garanzia
1 Denaro e regali per i due Carabinieri al soldo del clan Di Cosola Denaro e regali per i due Carabinieri al soldo del clan Di Cosola Dal 2012, in cambio di informazioni riservate, avrebbero ottenuto favori e beni per circa 400mila euro
© 2001-2020 MolfettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
MolfettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.