L'intervento dei Carabinieri
L'intervento dei Carabinieri
Cronaca

Tenta di violentare una ragazza. Fugge e ora è ricercato

La vittima sarebbe stata aggredita da un uomo di colore in via Madonna della Rosa. Nessuna conseguenza, a parte il forte spavento

Un braccio per immobilizzarla ed una mano sul petto per spingerla contro il muro. Una di quelle scene che sembravano dovessero essere risparmiate a Molfetta. E, invece, una storia di violenza ha visto vittima una ragazza, la sera del 29 giugno.

L'inquietante episodio è avvenuto intorno alle ore 23.00. La vittima, una ragazza molfettese sulla cui identità vige un comprensibile quanto rigoroso riserbo, si trova a percorrere da sola via Madonna della Rosa. È buio, la zona è completamente deserta. Improvvisamente, all'altezza dello sbocco del sottopasso pedonale della stazione ferroviaria, sente la voce di un uomo, sbucato dal nulla.

Una voce sempre più vicina e insistente. Lei tira dritto, accelerando il passo, ma lo sconosciuto la raggiunge e l'afferra per un braccio. La ragazza, ignara di come un'anonima serata estiva si sarebbe trasformata in incubo, ha sangue freddo, prova a difendersi con un morso, ma poi, dopo un tentativo di fuga, si ritrova in un attimo spinta contro un muro, stretta per non poter chiedere aiuto, e con la mano dell'aggressore sul petto.

Ed è in quel momento che la giovane reagisce, raccoglie le forze e sferra un calcio alla gamba che non stende l'aggressore, ma certo lo coglie di sorpresa. E così la vittima riesce a fuggire verso via Ungaretti, dove l'aggressione ha finalmente la parola fine. La sorte, fortunatamente, è stata clemente con lei, e il responsabile del vile gesto ha desistito dal portare avanti il piano.

È fuggito senza consumare alcuna violenza, grazie anche ad un passante che stava transitando nei paraggi e che, raccogliendo la richiesta d'aiuto della giovane, è intervenuto. Il fuggitivo, invece, è attivamente ricercato dai Carabinieri della Compagnia di Molfetta, a cui la giovane si è rivolta attraverso il 112. Le gazzelle piombano in zona, per avviare le ricerche dell'uomo, ma del presunto violentatore nessuna traccia.

Nonostante lo shock e la paura, la ragazza, il giorno successivo, negli uffici di via Vittime di Nassirya, è riuscita a raccontare agli investigatori come sono andate le cose: «Stavo camminando da sola, quando ho visto un uomo di colore, di circa 30 anni. Mi ha fatto dei complimenti, ma ho fatto finta di niente sperando che la smettesse. Purtroppo non è servito, perché a quel punto si è avvicinato e ha cominciato a molestarmi».

«Un ragazzo di colore, di circa 30 anni, alto circa 1.65, con capelli corti e che indossava una maglia di colore rosso», questo l'identikit già fornito dalla ragazza in sede di denuncia presso i Carabinieri della Stazione di Molfetta, il giorno dopo. Dettagli importanti, ma di poco valore per imprimere all'indagine iniziata a tempo di record un'accelerazione decisiva, una svolta.

Gli inquirenti dovranno visionare adesso le registrazioni effettuate dagli impianti di videosorveglianza presenti in zona, soprattutto tra Madonna della Rosa e via Ungaretti, dove il tentativo di violenza è avvenuto. La caccia, adesso, è aperta.
  • violenza sulle donne
  • violenza donne
  • violenza sessuale
  • Carabinieri Molfetta
Altri contenuti a tema
Nessuna violenza sessuale nei confronti di una minore, assolto un 70enne Nessuna violenza sessuale nei confronti di una minore, assolto un 70enne I fatti nel 2016. Dal Tribunale di Trani è arrivata l'assoluzione con formula piena: «Non ha commesso il fatto»
Ordigno sul cofano di un'Alfa Romeo Giulietta. Individuato l'autore Ordigno sul cofano di un'Alfa Romeo Giulietta. Individuato l'autore È stato ripreso dalle telecamere e denunciato in stato di libertà dai Carabinieri della locale Compagnia
Ripulivano le scuole di Molfetta, rinvenuta refurtiva della "Battisti-Pascoli" Ripulivano le scuole di Molfetta, rinvenuta refurtiva della "Battisti-Pascoli" Arrestato un 18enne dai Carabinieri. Trovati a Giovinazzo 7 pc, radio ricetrasmittenti e arnesi da scasso
Presentato a Molfetta il progetto di autodifesa “Dai un pugno alla paura” Presentato a Molfetta il progetto di autodifesa “Dai un pugno alla paura” Le iscrizioni sono aperte sino al 17 gennaio. La prima lezione si terrà il prossimo 25 gennaio
Soldi per ritirare una querela ad un 56enne di Molfetta. Arrestati Soldi per ritirare una querela ad un 56enne di Molfetta. Arrestati Due terlizzesi di 57 e 43 anni sono stati colti in flagranza di reato dai Carabinieri
Sparatoria in piazza Paradiso: arresto convalidato, "Danny" Grosso resta in carcere Sparatoria in piazza Paradiso: arresto convalidato, "Danny" Grosso resta in carcere Il gip ha convalidato l'arresto al termine dell'interrogatorio. Intanto si cerca la pistola utilizzata dal 22enne
Fiamme nel ristorante Tango, ma è mistero sulle cause Fiamme nel ristorante Tango, ma è mistero sulle cause L'incendio intorno alle ore 03.00. Sul posto sono intervenuti i Vigili del Fuoco per spegnere le fiamme
San Silvestro a Molfetta, piazza Paradiso sorvegliata speciale San Silvestro a Molfetta, piazza Paradiso sorvegliata speciale Messo a punto il piano: in azione Carabinieri, Finanza e Polizia Locale. In strada barriere new jersey, divieti e modifiche alla viabilità
© 2001-2019 MolfettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
MolfettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.