Giorgio Marchesi. <span>Foto Profilo Instagram Giorgio Marchesi </span>
Giorgio Marchesi. Foto Profilo Instagram Giorgio Marchesi

Teatro, Giorgio Marchesi ed Enzo De Caro a Molfetta

I due attori amati dal grande pubblico nella rassegna organizzata in città

Sono Giorgio Marchesi ed Enzo De Caro i due protagonisti della rassegna"Metti un libro a Teatro", prossima ad andare in scena nell'anfiteatro di Molfetta.

Un format, di Alessandra Pizzi, prodotto da Ergo sum, con l'intento di realizzare una rete tra luoghi della cultura interessati nella messa scena di grandi classici della letteratura e creare vari appuntamenti che mirino a costruire un itinerario storico culturale, tra i grandi autori del passato, letti ed interpretati da attori, accompagnando lo spettatore attraverso la musica e i testi di noti autori, per ricomporre e ricostruire miti, fiabe, racconti e leggende che costituiscono un preziosissimo bagaglio narrativo utile a conoscere tutto il sostrato simbolico autoriale della nostra nazione e non.

La rassegna, inserita nel cartellone Eventi Molfetta 2020 a cura dell'Assessorato alla cultura, prevede 2 appuntamenti nella cornice dell'Anfiteatro di Ponente. Grandi ospiti del panorama artistico nazionale, accompagneranno lo spettatore – lettore, alla ri-scopertta del valore delle grandi opere patrimonio della collettività.

La direzione artistica è di Alessandra Pizzi. Che cura anche la drammaturgia degli spettacoli in programma.

Il 20 agosto si partirà con Giorgio Marchesi che porterà in scena "Se una notte d'inverno un viaggiatore" dall'omonimo romanzo di Italo Calvino con la collaborazione al contrabbaso di Raffaele Toninelli.
Calvino disse del suo libro:
«È un romanzo sul piacere di leggere romanzi; protagonista è il Lettore, che per dieci volte comincia a leggere un libro che per vicissitudini estranee alla sua volontà non riesce a finire. Ho dovuto dunque scrivere l'inizio di dieci romanzi d'autori immaginari, tutti in qualche modo diversi da me e diversi tra loro.»
Se una notte d'inverno… è un gioco in cui Calvino ostenta in modo quasi provocatorio i suoi "trucchi" di narratore. Un romanzo di "artificio", in cui emerge l'abilità dello scrittore/narratore. In cui il romanzo, dai toni quasi irriverenti nei confronti del pubblico, a poco a poco diventa serio, a denunciare l'impossibilità di giungere alla conoscenza della realtà
Emerge la maestria dello scrittore Calvino, e quella del romanziere, che inventa storie, le plasma, le trasforma, e la parola diventa materia plastica da modificare.
La lettura accompagna il pubblico nella dimensione noir di un racconto, che a mano a mano, svela verità, cela dubbi, risolve incertezze, perché più forte della lettura è il piacere di leggere. Ed ecco che il contenuto del racconto si sostituisce al piacere della lettura.
Calvino è un genio del secolo scorso e, a ragion veduta, questo è il suo romanzo migliore.
Giorgio Marchesi, che presta voce allo scrittore/narratore, accompagna il pubblico in questo viaggio tra le pagine, alla ricerca del piacere della riscoperta di un classico, di quella fiamma che tiene vivo il racconto, perché "se la scintilla non scocca, niente da fare: non si leggono i classici per dovere o per rispetto, ma solo per amore", come sostiene appunto Calvino.

Enzo De Caro sarà l'interprete di "Un'Odissea Infinita" che andrà in scena il 28 agosto.
Un itinerario nella grande e variegata produzione letteraria e musicale dedicata ad Ulisse, a scandire le tappe di un viaggio e il suo "essere circolare". Si parte da casa e si ritorna a casa, per ripartire. Perché più forte del desiderio del ritorno e la bramosia della conoscenza. In questo viaggio Ulisse non incontra mostri e lestrigoni, ninfe e creature divine, ma "dialoga" con il partimonio culturale che i grandi gli hanno dedicato. Incontra Francesco Guccini, e il suo racconto di Odysseo, incontra Dante e i dannati del canto XXVI dell'Inferno, incontra Lucio Dalla e i versi di Itaca, incontra la Poesia di Pascoli e di montale, di Tyson, di D'Annunzio, i versi delle canzoni di Caparezza, la letteratura di Borges e di Kafka e termina nell'infinito di Leopardi.
Perché tra epica e invenzione, tra commento e narrazione, tra esegesi e interpretazione, vale in valore della parola che incanta… come il coro delle Sirene di Ulisse.
Al pianoforte Francesco Mancarella, al beato box Filippo Scrimieri


Tutti gli spettacoli andranno in scena alle ore 21:00 presso l'Anfiteatro di Ponente di Molfetta.
Biglietterie su curcuito www.ciaotickets.com
Info spettacoli e prenotazioni 327 9097113
Biglietti a partire da euro 13,00
  • Teatro
Altri contenuti a tema
Il collettivo teatrale "Dino La Rocca" torna in scena a Molfetta Il collettivo teatrale "Dino La Rocca" torna in scena a Molfetta Spettacolo il 5 settembre all'anfiteatro di Ponente
Nasce a Molfetta il Coordinamento dei teatri cittadini. Quale il loro futuro? Nasce a Molfetta il Coordinamento dei teatri cittadini. Quale il loro futuro? Insieme anche per i diritti dei lavoratori dello spettacolo
“E mò ci su teine a zì Cosemudde?", su MolfettaViva torna la commedia in vernacolo “E mò ci su teine a zì Cosemudde?", su MolfettaViva torna la commedia in vernacolo L'opera trasmessa alla ore 18.00 di oggi sulla pagina Facebook del nostro giornale
"La bella di mammà": torna la commedia in vernacolo su MolfettaViva "La bella di mammà": torna la commedia in vernacolo su MolfettaViva Domenica 26 aprile alle ore 18.30 l'opera portata in scena dal collettivo teatrale "Dino La Rocca"
"Re mèlelèngue": la commedia in vernacolo alle ore 18 su MolfettaViva "Re mèlelèngue": la commedia in vernacolo alle ore 18 su MolfettaViva L'opera, portata in scena nel 2018, sarà riproposta nel pomeriggio
Omaggio a Orazio Panunzio nel decennale della morte Omaggio a Orazio Panunzio nel decennale della morte Tra ottobre e novembre manifestazioni a cura del gruppo teatrale dello Sporting Club Molfetta
Applausi per il secondo appuntamento di «Molfetta in Prosa» con Buscemi protagonista Applausi per il secondo appuntamento di «Molfetta in Prosa» con Buscemi protagonista All'Anfiteatro di Ponente la messa in scena di «Tartufo ovvero l'Impostore»
Francesco Tammacco risponde alla polemica su Andrea Buscemi a Molfetta: «Lui è qui per le sue doti teatrali» Francesco Tammacco risponde alla polemica su Andrea Buscemi a Molfetta: «Lui è qui per le sue doti teatrali» Il direttore artistico de «Il Carro dei Comici» era stato attaccato sui social per la fede politica del suo ospite
© 2001-2020 MolfettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
MolfettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.