Piazza Aldo Moro
Piazza Aldo Moro
Cronaca

Tangenti, tutto è partito da un commento su MolfettaViva

La pubblicazione di un articolo su piazza Moro e un post su Facebook hanno incuriosito le Fiamme Gialle

È partita da un articolo pubblicato su MolfettaViva.it l'inchiesta della Procura della Repubblica di Trani che all'alba di martedì 8 giugno ha portato all'arresto di 16 persone, tra cui l'ex assessore Mariano Caputo, con l'accusa di corruzione per presunte tangenti legate all'assegnazione degli appalti del Comune di Molfetta.

Lo scrive, a chiare lettere, il giudice per le indagini preliminari Rossella Volpe nelle 374 pagine dell'ordinanza di applicazione della misura cautelare della custodia in carcere e degli arresti domiciliari: «L'attività d'indagine prendeva le mosse dalla consultazione da parte dei militari della Guardia di Finanza di Molfetta - si legge a pagina 26 - di un articolo pubblicato sul portale Facebook di MolfettaViva.it il giorno 02/08/2019, relativo all'inaugurazione della fontana di piazza Moro».

In particolare il nostro articolo, dal titolo "Molfetta scopre piazza Moro riqualificata e la nuova fontana: le immagini dell'inaugurazione", era seguito dal commento del 02/08/2019 «postato - è scritto negli atti giudiziari - da persona con il nome di [...]: "Visto l'ingente esborso economico (denaro pubblico), mi auguro che duri il più a lungo possibile e non faccia la fine di quella precedente. Conoscendo la proverbiale civiltà dei molfettesi, i dubbi e le perplessità nascono spontanei"».La pubblicazione del nostro articolo e del successivo commento di un nostro utente su Facebook sui lavori di riqualificazione di piazza Moro hanno incuriosito gli investigatori. «La Guardia di Finanza di Molfetta - si legge ancora nei documenti - effettuava al riguardo approfondimenti in merito alla realizzazione dell'opera pubblica ed acquisiva direttamente dal sito web del Comune di Molfetta documentazione», ricostruendo l'intero iter amministrativo e la sua gara d'appalto.

I militari, coordinati dal tenente Salvatore Mercone, hanno così iniziato a scandagliare le delibere di giunta (a partire dal 2015) e le determinazioni dirigenziali (dal 2016) pubblicate sull'albo pretorio comunale per verificare gli sfoghi pubblicati sui social. Il resto l'hanno fatto le intercettazioni: l'imprenditore di turno, una volta salito a bordo dell'autovettura del funzionario arrestato, senza proferire parola, lasciava la busta con i soldi nel vano portaoggetti o nelle mani del medesimo.

I fatti contestati vanno dal 2019 al 2020. Caputo, parlando al telefono, dice: «Dobbiamo incassare il più possibile, devo incassare il più possibile! [...]. Con calma il 2020 sarà un anno straordinario per me! Insomma... dalle strade non meno di 100mila euro». Per il gip Caputo aveva «chiaro il piano di incasso delle tangenti».
  • Mariano Caputo
  • Arresti Molfetta
Altri contenuti a tema
Operazione antidroga dei Carabinieri di Molfetta, 19 arresti Operazione antidroga dei Carabinieri di Molfetta, 19 arresti Impegnati oltre 100 militari in 7 comuni: Bitonto, Palo del Colle, Modugno, Corato, Bisceglie e Ruvo di Puglia
Abusata a soli 14 anni, condanne definitive: in carcere i 4 stupratori Abusata a soli 14 anni, condanne definitive: in carcere i 4 stupratori Gli imputati, come confermato dai giudici, hanno abusato sessualmente di una minorenne. Arrestati dai Carabinieri
Estorsione, imprenditore taglieggiato: arrestato un 29enne di Molfetta Estorsione, imprenditore taglieggiato: arrestato un 29enne di Molfetta L'uomo è stato fermato dai Carabinieri dopo aver riscosso 500 euro. Pronto il ricorso al Riesame
4 "Appaltopoli", Caputo e Lisena tornano liberi. Stop ai domiciliari "Appaltopoli", Caputo e Lisena tornano liberi. Stop ai domiciliari Entrambi erano stati arrestati l'8 giugno scorso. Revocate anche le loro ultime misure cautelari
Agguato in piazza Paradiso, i due cugini «mossi da sentimenti di vendetta» Agguato in piazza Paradiso, i due cugini «mossi da sentimenti di vendetta» I due omonimi Vito Magarelli sono in carcere. Oggi compariranno davanti al gip Altamura per l’interrogatorio di garanzia
Un affronto da lavare col sangue. Due arresti per i fatti di piazza Paradiso Un affronto da lavare col sangue. Due arresti per i fatti di piazza Paradiso Ricostruito dai Carabinieri il tentato omicidio di Leonardo Squeo: in manette due cugini omonimi, di 48 e 34 anni
"Appaltopoli", Caputo e Lisena lasciano il carcere. Ai domiciliari "Appaltopoli", Caputo e Lisena lasciano il carcere. Ai domiciliari Entrambi erano stati arrestati l'8 giugno scorso, accolte le istanze delle difese. Torna in libertà la Castriotta
Sorpreso a rubare nel centro commerciale. Arrestato un 34enne Sorpreso a rubare nel centro commerciale. Arrestato un 34enne L'uomo ha asportato ricambi elettrici per auto del valore di 300 euro. Dopo la direttissima, è tornato in libertà
© 2001-2022 MolfettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
MolfettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.