prima cala
prima cala
Territorio e Ambiente

Spiagge e fondali puliti. Il 2 giugno con Legambiente

Anche ACR, Nucleo Sub Molfetta, AGESCI, CNGEI, Mercatino dell’usato al lavoro alla Prima Cala

Puliamo il mare. Legambiente rinnova l'appello, anche quest'anno, con l'operazione Clean up the Med, Spiagge e Fondali puliti.
A Molfetta, a organizzare l'iniziativa con il locale circolo Legambiente "Giovanna Grillo", l'Azione Cattolica Italiana, il Nucleo Sub Molfetta, l'AGESCI, il CNGEI, il Mercatino dell'usato. L'Asm patrocina l'operazione; collabora anche la Capitaneria di Porto di Molfetta che sovrintende allo svolgimento in sicurezza delle operazioni subacquee.

Le operazioni di pulizia interesseranno la Prima Cala, una delle spiagge libere più frequentate della città.

I volontari saranno attrezzati per liberare la battigia e i fondali antistanti di rifiuti di ogni tipo. Il nemico numero uno sarà, al solito, la plastica, il materiale che non muore mai e che, scambiato per cibo da mammiferi marini, tartarughe e uccelli, danneggia e spesso uccide parte della fauna ittica. Inoltre, le micro-particelle di plastica originate dalla disgregazione dei rifiuti, se ingerite dai pesci o altri organismi marini, contaminano la catena alimentare con effetti nocivi, a lungo termine, anche per l'uomo.
L'altra presenza, sempre più ingombrante sulle spiagge (e non solo), è quella dei mozziconi di sigaretta, numerosi e difficili da eliminare con convenzionali operazioni di pulizia. Il problema, per anni, è stato ingiustamente trascurato. Uno studio di Enea e Ausl di Bologna ha evidenziato, tuttavia, che l'abbandono dei mozziconi implica il rilascio nell'ambiente di pericolose sostanze nocive e inquinanti (oltre alla nicotina, polonio-210, composti organici volatili, gas tossici, catrame e condensato, acetato di cellulosa). E in mare, secondo i dati del Programma delle Nazioni unite per l'ambiente (Unep), le cicche rappresentano ben il 40% dei rifiuti. Molti fumatori, però, continuano a usare scogli e sabbia come una comoda pattumiera.
Oggi, in verità, esiste uno strumento normativo nazionale, già diffusamente applicato e fatto rispettare in altre città vicine (a Bari, ad esempio), che prevede multe esose - fino a 300 euro- per chi getta le 'cicche' su suolo pubblico.

Serve (ed è ovviamente obbligatorio) che anche Molfetta si adegui. Magari, a cominciare dalle spiagge.

«È importante che la città recepisca l'annuale appuntamento di 'Spiagge e fondali puliti' non solo nella sua valenza simbolica, ma anche come opportunità di riflessione sui problemi, globali e locali», dichiarano i volontari. «Ed è importante che tutta la città se ne senta coinvolta, perché la cura delle spiagge è affare di tutti».
  • asm
  • capitaneria di porto
  • prima cala
  • Legambiente Molfetta
  • Azione Cattolica Molfetta
Altri contenuti a tema
"Alga Tossica" assente nei primi quindici giorni di giugno a Molfetta "Alga Tossica" assente nei primi quindici giorni di giugno a Molfetta L'Arpa Puglia diffonde i dati. Libero tutto il litorale
Interventi alla Prima Cala: si recupera battigia e si sistema l'area Interventi alla Prima Cala: si recupera battigia e si sistema l'area Operai al lavoro nelle prime ore di ieri. Spazi già fruibili
Asm Molfetta: ecco il programma delle disinfestazioni Asm Molfetta: ecco il programma delle disinfestazioni Si parte lunedì 10 giugno. Programma fino ad ottobre
1 Discarica al Villaggio Belgiovine, ASM: «Su fondo privato. Intimazione alla rimozione per il proprietario» Discarica al Villaggio Belgiovine, ASM: «Su fondo privato. Intimazione alla rimozione per il proprietario» Dopo la segnalazione di un gruppo di cittadini, giunge la risposta dell'azienda municipalizzata
Asm e Auser insieme nel "porta a porta" per gli anziani: ottime risposte nelle prime ore del progetto Asm e Auser insieme nel "porta a porta" per gli anziani: ottime risposte nelle prime ore del progetto Prossimo appuntamento sabato 15 giugno dalle ore 09 alle ore 11.30
Rischio idraulico alla zona industriale di Molfetta, Legambiente: «L’attuale progetto non risolve il rischio inondazioni» Rischio idraulico alla zona industriale di Molfetta, Legambiente: «L’attuale progetto non risolve il rischio inondazioni» L'associazione: «Si alla rinaturalizzazione delle lame»
Sequestro di ricci di mare nel porto di Molfetta. Sanzioni della Capitaneria Sequestro di ricci di mare nel porto di Molfetta. Sanzioni della Capitaneria Un uomo è stato anche deferito all'Autorità Giudiziaria: ha ostacolato l'attività dei militari
Auser e Asm Molfetta insieme per agevolare il "porta a porta" agli anziani Auser e Asm Molfetta insieme per agevolare il "porta a porta" agli anziani L'iniziativa, nella sua fase pilota, presentata alla città ieri
© 2001-2019 MolfettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
MolfettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.