Scontrini
Scontrini

Spese anche da soli novanta centesimi: gli scontrini nei supermercati

Supermercati al limite della sopportazione: «La gente non ha capito la gravità della situazione»

Elezioni Regionali 2020
Ci sono i due litri di Tavernello ma anche la confezione della birra Dreher. Se non piace ci sono due Nastro Azzurro che se poi sono troppe ne basta solo una.
E che dire delle nocciole sgusciate e dei dolci, al cacao o alla cioccolata.

E' la spesa di tanti molfettesi al tempo del Coronavirus. Che nei supermercati anzichè andare una volta a settimana per fare una spesa sufficiente per tanti giorni, ci vanno di continuo per acquistare da soli beni che di certo non sono di prima necessità.

Lo scontrino da soli 0,95 centesimi di Euro è l'apoteosi dell'idiozia. Un pò come quelli da 0,99 centesimi di Euro, 1,05 Euro, 1,50 Euro a salire fino a un massimo dell'irrisoria somma di 2,97 Euro.

«La gente non ha capito la gravità della situazione», è il commento amaro di un titolare di un supermercato cittadino. Le sue parole sono le stesse di tutti gli altri (compresi panifici) che ormai solo allo stremo delle forze «non tanto per la mole di lavoro quanto perchè dobbiamo ogni giorno combattere contro l'idiozia e l'ignoranza: noi non possiamo vietare questo tipo di spesa, possiamo solo invitare a non recarsi ogni giorno, per più volte in alcuni casi. Bisogna che qualcuno prenda decisioni serie che tutelino la nostra salute», è il commento di un altro imprenditore.

La questione sollevata è di estrema urgenza e necessità: i lavoratori temono l'esposizione a un mole di pubblico che aumenta anzichè razionalizzare le proprie uscite, mettendo così a repentaglio la loro salute visto che poi «ognuno di noi torna a casa dove ci sono mariti, moglie e figli, in tanti casi bambini, anche molto piccoli», sottolinea ancora l'imprenditore.

Servirebbero forse più controlli o semplicemente buon senso.
  • Coronavirus
Altri contenuti a tema
Controlli più serrati e più responsabilità. La Regione Puglia ancora contro il Covid Controlli più serrati e più responsabilità. La Regione Puglia ancora contro il Covid Dal 24 agosto la sperimentazione del vaccino sull'uomo
1 Paziente "falso positivo" al Covid. Cosa è successo nell'ospedale di Molfetta Paziente "falso positivo" al Covid. Cosa è successo nell'ospedale di Molfetta La nota del Comune che spiega l'accaduto con le parole del sindaco
Nessun caso di Covid nell'ospedale di Molfetta. Il secondo tampone ha dato esito negativo Nessun caso di Covid nell'ospedale di Molfetta. Il secondo tampone ha dato esito negativo L'episodio ieri. Sanificato il nosocomio locale
È un 45enne terlizzese il paziente positivo al Covid passato nell'ospedale di Molfetta È un 45enne terlizzese il paziente positivo al Covid passato nell'ospedale di Molfetta L'uomo è asintomatico: la notizia riportata da TerlizziViva
Paziente positivo al Covid. Sanificato l'ospedale di Molfetta Paziente positivo al Covid. Sanificato l'ospedale di Molfetta Il paziente, tuttavia, proviene da una città limitrofa
Via libera della Regione: niente distanziamento tra amici in auto e luoghi pubblici Via libera della Regione: niente distanziamento tra amici in auto e luoghi pubblici Nuove linee guida contenute nell'ordinanza firmata da Michele Emiliano
Non solo Molfetta. Anche le città circostanti Covid-free Non solo Molfetta. Anche le città circostanti Covid-free Giovinazzo, Terlizzi e Ruvo a 0 casi. Ma la guardia deve restare altissima
Coronavirus in Puglia: zero contagi e zero decessi. Non ci sono più pazienti in terapia intensiva Coronavirus in Puglia: zero contagi e zero decessi. Non ci sono più pazienti in terapia intensiva Restano solo 218 persone positive in tutta la regione
© 2001-2020 MolfettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
MolfettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.