Lo sciame d'api nel cimitero di Molfetta
Lo sciame d'api nel cimitero di Molfetta
Cronaca

Sciame d'api al cimitero: intervengono la Gepa e l'apicoltore

Le api si sono dapprima poggiate su una parete e su una statua e poi sono andate via

Guardie zoofile mobilitate, sin da ieri mattina, per cercare di far allontanare uno sciame d'api posizionato dapprima su una parete e poi su una statua del cimitero di Molfetta: i volontari si sono avvalsi della collaborazione di un apicoltore. Le api sono andate via questa mattina.

Ieri mattina, le Guardie Ecozoofile Protezione Ambientale, di servizio all'esterno del cimitero nell'ambito dei controlli connessi all'emergenza Coronavirus, hanno notato uno sciame d'api che stazionava fra una parete del'area e una statua, creando apprensione fra i visitatori. Le api sono degli imenotteri tutelati e per questo le guardie zoofile, pur sapendo quali misure andavano messe in atto, si sono avvalse della collaborazione di un apicoltore.

L'apicoltore, con molta pazienza, ha provato a recuperare la massa di api (dopo aver recuperato e collocato nell'arnia l'ape regina, tutte le altre l'avrebbero seguita, nda) ma l'ape regina, abbastanza irrequieta in questa particolare fase riproduttiva del sistema alveare, ha rinviato l'operazione di recupero al giorno successivo. E così tutti quanti sono stati costretti a desistere. L'area è stata comunque tenuta sotto controllo.

Questa mattina, però, gli uomini del presidente Giuseppe Battista e l'apicoltore sono tornati sul posto, ma lo sciame d'api è scomparso all'improvviso così come all'improvviso era arrivato nel cimitero di Molfetta.
  • Associazione Gepa
  • Api Molfetta
Altri contenuti a tema
Coronavirus, a Molfetta parte la raccolta alimentare di Gepa e Gadit Coronavirus, a Molfetta parte la raccolta alimentare di Gepa e Gadit I cittadini che vorranno donare potranno recarsi presso la sede di via San Domenico n. 36
Macabro ritrovamento a Molfetta: canarino morto gettato fra i rifiuti Macabro ritrovamento a Molfetta: canarino morto gettato fra i rifiuti Abbandonato in via capitano Azzarita come se fosse un semplice rifiuto da buttare via
Schiuma e acqua putrida a Torre Calderina: la denuncia della Gepa Schiuma e acqua putrida a Torre Calderina: la denuncia della Gepa Depuratori ko o scarichi abusivi? Non solo schiuma, anche una sostanza densa e maleodorante
La Gepa Molfetta dona 30 alberi al Molise La Gepa Molfetta dona 30 alberi al Molise In ricordo del sisma che colpì San Giuliano di Puglia e che provocò la morte di 28 persone
Discarica di rifiuti sulla vecchia provinciale Corato-Molfetta Discarica di rifiuti sulla vecchia provinciale Corato-Molfetta Servizio congiunto GADIT - GEPA Molfetta
«Espiantati numerosi ulivi nella zona industriale di Molfetta. Perché?» «Espiantati numerosi ulivi nella zona industriale di Molfetta. Perché?» La denuncia delle Guardie Ecozoofile Protezione Ambientale e delle Guardie Ambientali d'Italia
Pezzi di auto rinvenuti a pochi metri dalla strada statale 16 bis Pezzi di auto rinvenuti a pochi metri dalla strada statale 16 bis A scoprirli, nel corso della quotidiana attività di controllo, le Guardie Ecozoofile Protezione Ambientale
Plastica, eternit, anche un motocarro a tre ruote. Scoperta una nuova discarica abusiva Plastica, eternit, anche un motocarro a tre ruote. Scoperta una nuova discarica abusiva Scoperto dalle Guardie Ecozoofile Protezione Ambientale un sito, in località San Pancrazio, in cui si trovano rifiuti di ogni tipo
© 2001-2020 MolfettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
MolfettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.