Torre Calderina 1
Torre Calderina 1
Cronaca

Schiuma, fanghi e liquami: Torre Calderina finisce di nuovo in Procura

Salvemini: «La città metropolitana e la regione devono intervenire con urgenza»

Ancora una denuncia. Non la prima e, probabilmente, nemmeno l'ultima a essere depositata in queste ore in Procura da Lac e WWF a proposito della situazione in cui versa l'oasi di Torre Calderina a pochi metri dallo scarico dei Comuni di Molfetta, Ruvo, Terlizzi, Corato e Bitonto.

«Durante l'attività di controllo i volontari della Lac Puglia e del WWF nei giorni scorsi hanno notato e fotografato la presenza di una forte concentrazione di schiuma e fanghi allo sbocco del depuratore, una chiazza scura in mare che si estendeva per diverse centinaia di metri. Oltre alla schiuma depositata sulla battigia, c'era anche un nauseabondo odore tipico dei tensioattivi e bolle di colore scuro», racconta a "La Gazzetta del Mezzogiorno" Pasquale Salvemini, delegato regionale Lac ed esponente del WWF.

«La città metropolitana e la regione devono intervenire con urgenza», continua Salvemini.

L'Acquedotto pugliese, invece, si chiama fuori dalla questione Torre Calderina.
«Il depuratore a servizio di Ruvo e Terlizzi non è responsabile dell'inquinamento rilevato» ha fatto sapere l'azienda attraverso una nota.

«Le chiazze di colore scuro rilevate sul litorale di Molfetta, in località Torre Calderina, non possono in alcun modo essere ascritte al cattivo funzionamento del depuratore a servizio di Ruvo e Terlizzi. Il refluo depurato da questo impianto ha come recapito finale il Canale Lama dell'Aglio con condotta intubata in un punto situato a circa 8 km dalla costa. Il canale prosegue, quindi, a cielo aperto, in territorio di Bisceglie e di Molfetta, per poi sfociare in prossimità di Torre Calderina. Non è nella competenza di Aqp vigilare sullo stato delle acque nell'ultimo tratto fino a mare. Eventuali responsabilità dell'inquinamento del canale, qualora fossero accertate, potrebbero dipendere da scarichi abusivi di reflui non conformi e non autorizzati, a valle del punto di scarico dell'impianto» hanno rimarcato i responsabili dell'ente.

«L'impianto di depurazione, come più volte comunicato in passato, anche recentemente, scarica un refluo conforme ai limiti di legge, come si evince dalle determinazioni analitiche di Arpa Puglia, sulla base dei campioni prelevati dalla stessa Agenzia presso l'impianto di depurazione, oltre che dalle determinazioni analitiche condotte da Acquedotto Pugliese sui campioni di autocontrollo previsti per legge».
  • WWF
  • torre calderina
  • lac puglia
  • Procura Trani
Altri contenuti a tema
Procedono a Molfetta i lavori di recupero per Torre Calderina Procedono a Molfetta i lavori di recupero per Torre Calderina Al Comune quasi 600mila euro per il restauro del sito
Dentista e assistente indagati per la morte di Dorotea Scardigno Dentista e assistente indagati per la morte di Dorotea Scardigno La famiglia, intanto, è chiusa nel massimo riserbo
Morte Dorotea Scardigno, la Procura di Trani indaga per omicidio colposo Morte Dorotea Scardigno, la Procura di Trani indaga per omicidio colposo Già effettuato un primo esame esterno della salma, l'autopsia sarà eseguita la prossima settimana
Riqualificazione di Torre Calderina: presentato il progetto a Molfetta Riqualificazione di Torre Calderina: presentato il progetto a Molfetta Le novità illustrate in conferenza stampa
Torre Calderina e Cala San Giacomo tornano al centro di Molfetta Torre Calderina e Cala San Giacomo tornano al centro di Molfetta Domani dal Comune il punto sui progetti di riqualificazione dell'intera area
Poiana finita in mare: salvata dai bagnanti e dal WWF Poiana finita in mare: salvata dai bagnanti e dal WWF Il rapace, visibilmente sofferente, era precipitato in acqua. Sarà curato dai volontari
Avvistate famiglie di delfini nelle acque di Oasi Torre Calderina a Molfetta Avvistate famiglie di delfini nelle acque di Oasi Torre Calderina a Molfetta Il video condiviso da Villaggio Lido Nettuno, racconta Andrea Pertuso: «Ci siamo presi cura di questo tratto di costa»
Rispettare l'ambiente: i più piccoli puliscono l'oasi naturale di Torre Calderina Rispettare l'ambiente: i più piccoli puliscono l'oasi naturale di Torre Calderina L'iniziativa è stata supportata dall'Asm
© 2001-2022 MolfettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
MolfettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.