Rifiuti JPG
Rifiuti JPG

Rischio incendi da rifiuti abbandonati: il vademecum di Coldiretti Puglia

La nostra regione è al terzo posto per reati ambientali, pari al 10% delle infrazioni accertate sul totale nazionale

Cresce l'emergenza in Puglia con il rischio incendi che aumenta anche a causa dei rifiuti abbandonati, con la Puglia che è al terzo posto per reati ambientali a causa dello sversamento nelle campagne di rifiuti di ogni genere, spesso anche tombati e incendiati, pari al 10% delle infrazioni accertate sul totale nazionale. E' quanto afferma la Coldiretti che ha elaborato un vademecum per prevenire i roghi nell'estate 2023 segnata dagli incendi anche nelle mete tradizionali delle vacanze in Puglia.

In provincia di Foggia i campi sono in balia delle ecomafie, con lo sversamento di rifiuti di ogni genere nei campi – insiste Coldiretti Puglia - anche provenienti da regioni limitrofe, poi bruciati, con un danno economico e ambientale incalcolabile, ad Andria nella BAT rifiuti di ogni genere vengono abbandonati negli oliveti arrecando un danno all'ambiente e all'immagine di rilievo, in provincia di Brindisi si moltiplicano le segnalazioni dello scarico notturno di rifiuti nei campi, compreso Eternit e copertoni.

Tra i consigli elaborati da Coldiretti, la prima regola da seguire nel bosco è quella – afferma la Coldiretti – di evitare di accendere fuochi non solo nelle zone boscate, ma anche in quelle coltivate o nelle vicinanze di esse, mentre nelle aree attrezzate, dove è consentito, occorre controllare costantemente la fiamma e verificare prima di andare via non solo che il fuoco sia spento, ma anche che le braci siano completamente fredde. Soprattutto nelle campagne – precisa la Coldiretti – non gettare mai mozziconi o fiammiferi accesi dall'automobile e nel momento in cui si è scelto il posto dove fermarsi verificare che la marmitta della vettura non sia a contatto con erba secca che potrebbe incendiarsi.

Inoltre – continua la Coldiretti – non abbandonare mai rifiuti o immondizie nelle zone boscate o in loro prossimità e in particolare, evitare la dispersione nell'ambiente di contenitori sotto pressione (bombolette di gas, deodoranti, vernici, ecc.) che con le elevate temperature potrebbero esplodere o incendiarsi facilmente. Nel caso in cui venga avvistato un incendio – consiglia la Coldiretti – non prendere iniziative autonome, ma occorre mantenersi sempre a favore di vento evitando di farsi accerchiare dalle fiamme per informare tempestivamente le autorità responsabili.

Dal momento che – continua la Coldiretti – 6 roghi su 10 si stima siano causato volontariamente anche per opera di piromani o di criminali interessati alla distruzione dei boschi, occorre collaborare con la Forestale e con i corpi di Pubblica sicurezza per fermare comportamenti sospetti o dolosi favoriti dallo stato di abbandono dei boschi nazionali.

Ci vorranno almeno 15 anni – ricorda la Coldiretti – per ripristinare completamente le zone verdi distrutte dalle fiamme con danni oltre diecimila euro all'ettaro fra spese immediate per lo spegnimento e la bonifica e quelle a lungo termine sulla ricostituzione dei sistemi ambientali ed economici delle aree devastate.

Proprio per garantire una funzione di controllo e monitoraggio ed intervenire tempestivamente Coldiretti e Vigili del Fuoco, con il supporto dell'Associazione A.B.-Agrivenatoria Biodiversitalia, hanno sottoscritto un protocollo per le attività di lotta attiva agli incendi di bosco o per rischi idrogeologici. L'accordo prevede che gli agricoltori mettano a disposizione – conclude Coldiretti – spazi per i mezzi di pronto intervento e partecipino a progetti mirati per lo sviluppo di procedure per l'allertamento delle squadre operative Vvf in caso di emergenze.
  • Coldiretti Puglia
Altri contenuti a tema
Cenone di fine anno: in Puglia spesa media di 120 euro a famiglia Cenone di fine anno: in Puglia spesa media di 120 euro a famiglia Aumento dei costi del 12% rispetto all'ultimo giorno del 2022
Capodanno in Puglia: per 10mila pugliesi vince l'opzione agriturismo Capodanno in Puglia: per 10mila pugliesi vince l'opzione agriturismo Non mancano anche alternative come il trekking o le gite fuoriporta
Regali di Natale: 6 su 10 cercano l'occasione ai mercatini Regali di Natale: 6 su 10 cercano l'occasione ai mercatini L'analisi di Coldiretti Puglia: il 49% sceglie prodotti enogastronomici
“Dalla terra alla tavola”, a Molfetta un percorso per la valorizzazione delle produzioni locali “Dalla terra alla tavola”, a Molfetta un percorso per la valorizzazione delle produzioni locali Appuntamento giovedì 9 novembre nella sede locale di Coldiretti
Anche gli stand Coldiretti agli Assoluti individuali di atletica a Molfetta Anche gli stand Coldiretti agli Assoluti individuali di atletica a Molfetta Il progetto "Campagna Amica" racconterà le produzioni made in Puglia
Coldiretti Puglia: «Con l'arrivo del caldo è boom sul consumo di pesce» Coldiretti Puglia: «Con l'arrivo del caldo è boom sul consumo di pesce» Crescono anche le importazioni dall’estero di prodotto ittici
Incognita maltempo ma Pasquetta da sold out negli agriturismi in Puglia Incognita maltempo ma Pasquetta da sold out negli agriturismi in Puglia L'analisi di Coldiretti per la giornata odierna
Festa di San Valentino, l'analisi di Coldiretti sulle spese. È spending review Festa di San Valentino, l'analisi di Coldiretti sulle spese. È spending review L'indagine: 1 pugliese su 2 non festeggia
© 2001-2024 MolfettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
MolfettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.