I controlli di Coldiretti al Brennero
I controlli di Coldiretti al Brennero
Cronaca

Made in Italy: al Brennero scoperta uva indiana con destinazione Molfetta

Frutta e verdura stranieri in testa alla classifica dei prodotti più pericolosi, 6 su 10 sono extra Ue

Uva indiana destinata a diversi punti vendita della grande distribuzione, tra cui anche alla zona industriale di Molfetta, ma anche pere dal Belgio dirette a Mottola, nel tarantino, quando nell'ultimo anno è scoppiato pure in Italia oltre un allarme alimentare al giorno con ben 422 allerte che hanno riguardato prodotti stranieri.

È quanto emerge da una analisi di Coldiretti sui dati Rasff al 1° aprile 2024 diffusa per la mobilitazione di 10.000 agricoltori in due giorni al Brennero per fermare l'invasione di prodotti alimentari stranieri spesso spacciati per italiani, con un aumento degli allarmi alimentari del 42%, dove in 6 casi su 10 si trattava di prodotti provenienti da paesi extra Ue, per la presenza di pesticidi vietati in Italia e micotossine, metalli pesanti, inquinanti microbiologici, diossine o additivi e coloranti.

«Frutta e verdura sono al primo posto per numero di segnalazioni, pari al 30% del totale. Si va dai pistacchi turchi e iraniani con alti livelli d'aflatossine - ha rilevato Coldiretti in una nota stampa - sino alle carote dall'Egitto con residui di Linuron, un pesticida vietato in Europa. Ma ci sono pure i fagioli all'occhio del Madagascar con Chlorpirifos, una sostanza bandita in Europa perché sospettata di danneggiare il cervello dei bambini, presente peraltro anche sui fagioli dal Bangladesh».

«Norovirus sui frutti di bosco congelati tedeschi e serbi, ma neppure il succo d'arancia congelato è sicuro - ha proseguito Coldiretti -, poiché su quello iraniano ci sono residui di Propiconazole, sostanza vietata. Pesticidi banditi pure sui peperoncini dal Kenya, mentre sui fichi secchi turchi sono state rinvenute aflatossine».
  • Coldiretti Puglia
Altri contenuti a tema
Coldiretti denuncia: «Il 57% del territorio pugliese a rischio desertificazione» Coldiretti denuncia: «Il 57% del territorio pugliese a rischio desertificazione» Nella provincia di Bari addirittura il 90% dei Comuni a rischio
Dieta mediterranea: balzo dell’export dei prodotti agricoli made in Puglia Dieta mediterranea: balzo dell’export dei prodotti agricoli made in Puglia Olio extravergine (+25%), ortofrutta (+18%) e pasta (+10%) sul podio
Giornata mondiale per la sicurezza sul lavoro: l'analisi di Coldiretti in Puglia Giornata mondiale per la sicurezza sul lavoro: l'analisi di Coldiretti in Puglia Il report parla di dati negativi per il settore agricolo
Cenone di fine anno: in Puglia spesa media di 120 euro a famiglia Cenone di fine anno: in Puglia spesa media di 120 euro a famiglia Aumento dei costi del 12% rispetto all'ultimo giorno del 2022
Capodanno in Puglia: per 10mila pugliesi vince l'opzione agriturismo Capodanno in Puglia: per 10mila pugliesi vince l'opzione agriturismo Non mancano anche alternative come il trekking o le gite fuoriporta
Regali di Natale: 6 su 10 cercano l'occasione ai mercatini Regali di Natale: 6 su 10 cercano l'occasione ai mercatini L'analisi di Coldiretti Puglia: il 49% sceglie prodotti enogastronomici
“Dalla terra alla tavola”, a Molfetta un percorso per la valorizzazione delle produzioni locali “Dalla terra alla tavola”, a Molfetta un percorso per la valorizzazione delle produzioni locali Appuntamento giovedì 9 novembre nella sede locale di Coldiretti
Rischio incendi da rifiuti abbandonati: il vademecum di Coldiretti Puglia Rischio incendi da rifiuti abbandonati: il vademecum di Coldiretti Puglia La nostra regione è al terzo posto per reati ambientali, pari al 10% delle infrazioni accertate sul totale nazionale
© 2001-2024 MolfettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
MolfettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.