ospedale don bello
ospedale don bello
Sanità

Riordino ospedaliero, il sindaco Natalicchio: “non si adoperi la calcolatrice come un bisturi”

Intervento in difesa del “don Tonino Bello”

"Siamo preoccupati, non poco, dalle indiscrezioni sull'approvazione del Piano di riordino ospedaliero al quale sta lavorando la Regione Puglia, che dovrebbe essere approvato entro fine anno. È allarmante la prospettiva della chiusura più volte minacciata o annunciata dal Presidente Michele Emiliano, che regge anche la delega alla sanità, di 25 presidi ospedalieri in tutta la Puglia". Così il sindaco di Molfetta Paola Natalicchio interviene sulla questione che in questi ultimi giorni è sulle prime pagine di tutti i giornali.

"Si stanno finalmente concludendo i lavori per 6 milioni di euro – spiega – che hanno interessato l'ospedale 'don Tonino Bello' di Molfetta, riportando la struttura su moderni standard. Le nuove sale operatorie, il nuovo pronto soccorso ultimato a maggio, a luglio abbiamo accolto con soddisfazione l'accreditamento del centro trasfusionale in via di ampliamento e il rafforzamento dell'organico dell'ambulatorio di pediatria.
Non possiamo chiudere o depotenziare questo importante presidio che serve un bacino di utenza di oltre 100.000 persone e ha reparti di eccellenza come la chirurgia, la cardiologia e UTIC, l'urologia, il servizio di nefrologia e dialisi che ha assistiti anche di Bitonto e Ruvo".

"Non si smantella così la salute – sottolinea il sindaco Natalicchio – non si adopera la calcolatrice come un bisturi sulla pelle della comunità.
I tagli del governo sul fondo sanitario nazionale non possono ricadere a cascata sui presidi ospedalieri locali.
La direttiva europea che regola i turni dei medici negli ospedali, molti dei quali operano davvero in maniera eroica per coprire i turni di servizio e le reperibilità, non può essere applicata a discapito dei servizi ospedalieri, perché in Puglia siamo già lontani dagli standard ministeriali di posti letto per abitante previsti. E allora ci si adoperi per sbloccare il piano delle assunzioni, tenere sotto controllo la spesa sanitarie e non si rimedi, come dieci anni fa voleva fare Fitto, con il taglio degli ospedali senza assicurare i servizi territoriali di base".

"Siamo pronti subito – conclude il Sindaco –a metterci alla testa di Comitato per salvare il nostro ospedale e difenderlo in tutte le sedi. Chiediamo al Presidente Emiliano e al direttore Montanaro che qualunque decisione sia assunta in ascolto delle comunità e in difesa della salute dei cittadini pugliesi".
  • Ospedale
Altri contenuti a tema
Minervini rassicura Molfetta sulle sorti dell'ospedale Minervini rassicura Molfetta sulle sorti dell'ospedale Il Sindaco annuncia a breve una delibera del direttore generale dell'Asl
Ospedale di Molfetta, Isa de Bari contro Tommaso Minervini Ospedale di Molfetta, Isa de Bari contro Tommaso Minervini La consigliera comunale chiede chiarimenti pubblici al primo cittadino
5 Ospedale di Molfetta: in arrivo nuove sale operatorie, Tac, palazzina per Medicina territoriale Ospedale di Molfetta: in arrivo nuove sale operatorie, Tac, palazzina per Medicina territoriale Annunciate le novità riguardanti il presidio ospedaliero dopo incontro con vertici della sanità regionale
Parto anonimo e diritto a conoscere le proprie radici. A che punto siamo? Parto anonimo e diritto a conoscere le proprie radici. A che punto siamo? Che diritti ha la madre? E quali sono quelli, da adulto, del bambino abbandonato?
Tamponamento all'ingresso dell'ospedale di Molfetta, traffico rallentato Tamponamento all'ingresso dell'ospedale di Molfetta, traffico rallentato Coinvolti in tuitto tre mezzi, non sembrano esserci feriti
2 Ospedale di Molfetta, Minervini incontra Emiliano Ospedale di Molfetta, Minervini incontra Emiliano Chiesto un incontro ufficiale
Il reparto di cardiologia a Molfetta chiude il 31 dicembre 2018? Il reparto di cardiologia a Molfetta chiude il 31 dicembre 2018? Quanto disposto dalla deliberazione della Giunta regionale
Ospedale di Molfetta funzionale? Si, ma non tra i "primi della classe" Ospedale di Molfetta funzionale? Si, ma non tra i "primi della classe" Le pagelle di Agenas e Aress, presentate nei giorni scorsi davanti a Michele Emiliano
© 2001-2019 MolfettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
MolfettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.