Le operazioni di recupero del peschereccio affondato nel porto di Molfetta
Le operazioni di recupero del peschereccio affondato nel porto di Molfetta
Cronaca

Recuperato il peschereccio affondato nel porto di Molfetta

Alle operazioni, protrattesi per l'intera giornata, hanno partecipato anche i Vigili del Fuoco, intervenuti con i sommozzatori di Bari e Taranto

Si sono concluse ieri pomeriggio le operazioni di recupero di un motopesca iscritto nei registri della Capitaneria di Porto di Molfetta, ormeggiato presso la banchina San Corrado del porto, che dopo aver imbarcato acqua per cause ancora da accertare - ­presumibilmente un'infiltrazione attraverso il fasciame -, è in parte affondato, adagiandosi sul basso fondale.

Immediatamente sono stati attivati i soccorsi da parte della Capitaneria di Porto, allertati dal comandante dell'unità; verificato per prima cosa che nessuna persona avesse bisogno di soccorso, sono state avviate subito le procedure per la messa in sicurezza del motopesca e per la tutela ambientale.

Il recupero dell'unità, un peschereccio a strascico di circa 15 metri di lunghezza, ha impegnato per tutta la mattina il personale della Capitaneria di Porto — Guardia Costiera di Molfetta ed i Vigili del Fuoco, intervenuti con i sommozzatori di Bari e di Taranto, che hanno provveduto ad imbragare il motopesca, successivamente riportato in galleggiamento grazie all'intervento di due autogru dell'impresa portuale Spamat s.r.l..

A quel punto, l'acqua ancora presente all'interno dell'unità è stata estratta per mezzo dell'autopompa, quindi il peschereccio, temporaneamente tappata la falla e messo in sicurezza, è stato trainato in breve tempo e senza difficoltà fino al cantiere, con l'assistenza dei mezzi navali della Guardia Costiera e del personale dei Vigili del Fuoco.

A protezione dell'ambiente, al fine di poter contenere eventuali perdite di idrocarburi, che poi effettivamente non si sono verificate, sono state posizionate per precauzione tutt'intorno all'imbarcazione delle panne galleggianti, in materiale assorbente, ad opera dell'equipaggio del Beluga, l'unità antinquinamento presente nel porto di Molfetta, che ha operato dietro specifica autorizzazione del Ministero dell'Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, su richiesta della Capitaneria di Porto.

Le operazioni, come detto, sono terminate nel primo pomeriggio, quando il peschereccio è stato alato in secca in cantiere, all'interno del porto.
4 fotoRecuperato il peschereccio affondato nel porto di Molfetta
Recuperato il peschereccio affondato nel porto di MolfettaRecuperato il peschereccio affondato nel porto di MolfettaRecuperato il peschereccio affondato nel porto di MolfettaRecuperato il peschereccio affondato nel porto di Molfetta
  • porto
  • Guardia Costiera Molfetta
  • Capitaneria di Porto Molfetta
Altri contenuti a tema
Dopo la protesta i pescherecci di Molfetta tornano al lavoro Dopo la protesta i pescherecci di Molfetta tornano al lavoro A breve, però, potrebbe scoppiare un nuovo caso
Le immagini del ritrovamento delle bombe a Molfetta Le immagini del ritrovamento delle bombe a Molfetta 84 gli ordigni recuperati
Nuovo porto di Molfetta: ultimate le operazioni di recupero e trasferimento degli ordigni Nuovo porto di Molfetta: ultimate le operazioni di recupero e trasferimento degli ordigni 84 gli ordigni a caricamento speciale rinvenuti sul fondale
Marineria di Molfetta in protesta. Pescherecci fermi fino a mercoledì Marineria di Molfetta in protesta. Pescherecci fermi fino a mercoledì Il Sindaco esprime il sostegno dell'amministrazione
Ordigni bellici, arriva l'ordinanza sulla sicurezza della Capitaneria di Porto di Molfetta Ordigni bellici, arriva l'ordinanza sulla sicurezza della Capitaneria di Porto di Molfetta Tutte le prescrizioni sono state presentate in mattinata
Recupero accidentale degli ordigni in mare, la Capitaneria di Molfetta dispone le procedure di sicurezza Recupero accidentale degli ordigni in mare, la Capitaneria di Molfetta dispone le procedure di sicurezza Questa mattina la presentazione nel corso di una conferenza stampa
Fino al 4 febbraio è possibile partecipare al concorso per diventare Ufficiale del Corpo delle Capitanerie di Porto Fino al 4 febbraio è possibile partecipare al concorso per diventare Ufficiale del Corpo delle Capitanerie di Porto Pubblicato il bando
Burrasca nella notte, nel porto di Molfetta marinai a "vegliare" le barche Burrasca nella notte, nel porto di Molfetta marinai a "vegliare" le barche Torna prepotentemente il tema dell'assenza di sicurezza
© 2001-2019 MolfettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
MolfettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.