Un'aula del Tribunale
Un'aula del Tribunale
Cronaca

Rapina sull'Intercity: scatta la condanna, ma cade l'accusa di violenza sessuale

Un 36enne di Molfetta, condannato a 4 anni, avrebbe rapinato e palpeggiato una 26enne. Ma il Tribunale lo ha assolto dall'accusa più grave

Un 36enne è stato arrestato dai Carabinieri per aver molestato una studentessa di 26 anni, che è stata anche colpita al volto e rapinata del borsello contenente 50 euro. I fatti sono avvenuti su un vagone dell'Intercity Bologna-Bari, in prossimità di Molfetta. Il caso è stato deciso dal Tribunale di Trani.

Il giudice per le indagini preliminari, Maria Grazia Caserta, ha inflitto all'uomo, il molfettese D.C.C., difeso dall'avvocato Michele Salvemini, una condanna a 4 anni per rapina, lesioni personali, porto di oggetti atti a offendere e interruzione di pubblico servizio, assolvendolo dall'accusa più grave, quella di violenza sessuale. La Procura della Repubblica aveva chiesto 15 anni di reclusione, considerata anche la violenza sessuale, da cui, però, l'imputato è stato assolto.

L'uomo era finito sotto processo per rapina aggravata e violenza sessuale di minore gravità. Stando ai fatti, il 5 aprile scorso, dopo le ore 19.00, i Carabinieri intervennero nella stazione ferroviaria di Molfetta, dove all'interno di una vettura dell'Intercity Bologna-Bari un uomo con il volto parzialmente coperto, dopo aver colpito in viso una studentessa 26enne del posto, le aveva rubato il borsello e si era dileguato approfittando dell'apertura delle porte.

Il traffico ferroviario rimase bloccato per circa 30 minuti per i rilievi. La ragazza fu trasportata al Policlinico di Bari, mentre scattarono rapidamente le ricerche del rapinatore. Fondamentali furono le immagini di videosorveglianza e le testimonianze di alcune persone che avevano assistito alla fuga: l'uomo, un 36enne del luogo, D.C.C., fu rintracciato e arrestato poco dopo a Bitonto, accusato dei reati di rapina aggravata e violenza sessuale di minore gravità

La ragazza, da sola nello scompartimento, dopo essere stata colpita con calci e pugni in viso, sarebbe stata palpeggiata nelle parti intime. Ma l'ipotesi di violenza sessuale a carico del 36enne è caduta. Il giudice, infatti, condividendo la prospettazione di Michele Salvemini, ha condannato l'uomo a 4 anni per rapina, lesioni personali, porto di oggetti atti a offendere e interruzione di pubblico servizio, assolvendolo dall'accusa più grave, quella di violenza sessuale.

Il giudice per le indagini preliminari, Maria Grazia Caserta, ha infatti evidenziato come «il breve lasso di tempo tra l'inizio dell'aggressione e la fermata a Molfetta nonché l'indubbia necessità dell'imputato di procurarsi denaro hanno lasciato indimostrata la volontà di commettere una violenza sessuale».
  • Arresti Molfetta
  • Arresti Carabinieri
Altri contenuti a tema
Oltre 300 grammi di marijuana sul soppalco: preso un 20enne Oltre 300 grammi di marijuana sul soppalco: preso un 20enne Recuperate dai Carabinieri ben 310 dosi pronte per essere vendute. Arrestato, è ai domiciliari
Da Molfetta per rifornirsi di droga. 25 arresti nel clan Dello Russo Da Molfetta per rifornirsi di droga. 25 arresti nel clan Dello Russo Operazione "Anno Zero" a Terlizzi, considerato uno snodo importante dello spaccio. Le dosi ordinate per telefono
Armi e droga dall'Albania, le Fiamme Gialle piombano a Molfetta Armi e droga dall'Albania, le Fiamme Gialle piombano a Molfetta Operazione della Guardia di Finanza: 20 gli arrestati, c'è anche il molfettese Raffaele Grosso. Sequestrati beni per oltre 1 milione di euro
1 Stalking, la perseguita e danneggia la sua auto: preso grazie al "Codice Rosso" Stalking, la perseguita e danneggia la sua auto: preso grazie al "Codice Rosso" L'uomo, un noto professionista, è stato fermato dai Carabinieri: non potrà più avvicinarsi alla vittima. È il primo caso a Molfetta
Sorpreso mentre cede droga ad un coetaneo: arrestato 20enne Sorpreso mentre cede droga ad un coetaneo: arrestato 20enne Il ragazzo è stato sorpreso dai Carabinieri mentre spacciava 2 grammi di marijuana ed è finito in carcere
Rubano cavi di rame da un'azienda della zona Asi: arrestati 4 rumeni Rubano cavi di rame da un'azienda della zona Asi: arrestati 4 rumeni I quattro sono stati intercettati perché stavano cambiando una ruota alla loro auto, dopo aver rubato quella di scorta da un altro veicolo
Operazione "Ghostbusters", svolti gli interrogatori: presentate due istanze di scarcerazione Operazione "Ghostbusters", svolti gli interrogatori: presentate due istanze di scarcerazione Attesa la decisione del gip di Trani sul caso dei due molfettesi, zio e nipote, che provvedevano a ricettare sul mercato nero la merce rubata
«Erano i ricettatori della banda dei furti». In manette zio e nipote di Molfetta «Erano i ricettatori della banda dei furti». In manette zio e nipote di Molfetta 14 i fermati dai Carabinieri, fra cui Francesco Grosso e suo nipote Peter De Bari. 12 gli arrestati, i colpi anche a Molfetta
© 2001-2020 MolfettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
MolfettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.