misteri
misteri
Chiesa locale

Processione dei “Cinque misteri”, una magia senza eguali

Si è conclusa la processione del Venerdì Santo tra il cambio di percorso, l’inchino e il caratteristico inizio notturno

Quando alle 13 in punto la statua raffigurante Gesù morto ha varcato la soglia della porticina di Santo Stefano mentre nell'intero Borgo risuonava la marcia funebre "Palmieri" si è rinnovata la magia di un rito che rende unico il programma dei riti della Settimana Santa e della Quaresima a Molfetta.

Lo stesso rito partito nella note quando alle 3.30 ha fatto capolino il bellissimo ramo d'ulivo di "Cristo orante nel Getsemani", seguito da "Cristo flagellato", l'"Ecce Homo" e il "Calvario", accompagnati dalla fiumana di confratelli con le loro candele accese e in preghiera verso il Centro storico.
Alle 4, invece, ecco "l'uscita" di Gesù Morto, con i tantissimi confratelli dell'arciconfraternita di Santo Stefano, proprio nel momento in cui nell'aria si ascoltavano i tocchi delle campane delle chiese su Corso Dante.

La processione ha seguito il classico percorso: centro storico, passaggio davanti alla Chiesa del Purgatorio aperta per l' "inchino" tra la Pietà e il Figlio, come da tradizione dei riti in tutta Puglia. Poi ancora via Roma, piazza Cappuccini, Corso Margherita e Largo Sant'Angelo.

Cambiamenti, invece, per l'ultimo tratto. Per un ritorno quanto più forte possibile alle origini è stato omesso il passaggio nei pressi della Villa comunale per tornare di nuovo nel centro storico, percorrere via San Pietro, piazza Municipio e Corso Dante prima della "ritirata".
Processione dei MisteriProcessione dei MisteriProcessione dei MisteriProcessione dei MisteriProcessione dei MisteriProcessione dei MisteriProcessione dei MisteriProcessione dei MisteriProcessione dei MisteriProcessione dei MisteriProcessione dei MisteriProcessione dei MisteriProcessione dei MisteriProcessione dei MisteriProcessione dei MisteriProcessione dei MisteriProcessione dei MisteriProcessione dei MisteriProcessione dei MisteriProcessione dei Misteri
  • Processione
  • arciconfraternita
  • settimana santa
  • arciconfraternita di santo stefano
Altri contenuti a tema
Le origini delle Processioni della Settimana Santa a Molfetta Le origini delle Processioni della Settimana Santa a Molfetta Dalle prime confraternite a tante usanze ormai perdute
"Gesù Morto e deposto dalla Croce": l'antica funzione nella Chiesa di Santo Stefano in diretta su MolfettaViva "Gesù Morto e deposto dalla Croce": l'antica funzione nella Chiesa di Santo Stefano in diretta su MolfettaViva Il rito antichissimo trasmesso sul nostro giornale dalle ore 15 di oggi
Annullate le processioni dell'Addolorata e del Sabato Santo a Molfetta Annullate le processioni dell'Addolorata e del Sabato Santo a Molfetta La comunicazione dell'Arciconfraternita della Morte
Riti Settimana Santa a Molfetta patrimonio immateriale della Regione Puglia Riti Settimana Santa a Molfetta patrimonio immateriale della Regione Puglia L'ufficialità arriva dal Consiglio regionale. Legge approvata all'unanimità
La Confraternita dell'Assunta di Molfetta ha un nuovo consiglio d'amministrazione La Confraternita dell'Assunta di Molfetta ha un nuovo consiglio d'amministrazione Questo pomeriggio la cerimonia di insediamento
Le processioni pasquali di Molfetta patrimonio dell'Unesco? Le processioni pasquali di Molfetta patrimonio dell'Unesco? A parlarne è Pasquale Mancini, promotore dell'iniziativa
1 In diretta sul network Viva la Festa dei Santi Medici di Bitonto In diretta sul network Viva la Festa dei Santi Medici di Bitonto Due collegamenti per vivere dal vivo i momenti più suggestivi della processione
Oggi le celebrazioni e la processione dell'"Assunta" a Molfetta Oggi le celebrazioni e la processione dell'"Assunta" a Molfetta Inizio della processione alle ore 18 dalla Chiesa San Gennaro. "Ritirata" alle ore 21
© 2001-2020 MolfettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
MolfettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.