La poiana salvata a Molfetta
La poiana salvata a Molfetta
Cronaca

Poiana finita in mare: salvata dai bagnanti e dal WWF

Il rapace, visibilmente sofferente, era precipitato in acqua. Sarà curato dai volontari

Alcuni bagnanti salvano una poiana in difficoltà. È successo nei giorni scorsi a Molfetta, dove l'uccello ha perso il controllo ed è precipitato in mare, proprio nello specchio d'acqua antistante la Prima Cala, a poca distanza dalla costa. L'animale, con il piumaggio bagnato, ha tentato di raggiungere la riva, ma era stremato.

Per fortuna ad assistere alla scena c'erano alcuni bagnanti che, viste le condizioni dell'animale, l'hanno immediatamente prelevato e allertato il WWF: i volontari, giunti sul posto, hanno prestato le prime cure e valutato il suo stato di salute. «Il caldo intenso di queste ultime settimane - ha dichiarato Pasquale Salvemini - sta creando non pochi problemi alla fauna selvatica, già stremata per la carenza d'acqua». Ed è proprio il caso della poiana, il più grosso rapace presente in zona.

L'uccello, in seria difficoltà, che non riusciva più a spiccare il volo e sembrava destinato ad una fine atroce, era stremato e visibilmente soffrente. Adesso riceverà le cure necessarie a fare in modo che possa tornare a solcare nuovamente i cieli di Molfetta e sarà rimesso in libertà non appena si sarà ristabilito. «Attualmente si contano in tutto il territorio non più di 5 coppie di poiane». Un «numero esiguo», secondo Salvemini, anche referente della Lega per l'Abolizione della Caccia.

«Si tratta di un rapace che non disdegna nella sua dieta - spiega ancora - piccoli mammiferi, uccelli, rettili e di topi», come quelli che scorrazzano per le strade del centro. «Diverse le minacce per questa specie - termina Salvemini - tra cui il bracconaggio, la scomparsa degli habitat naturali e vari i cambiamenti climatici».
  • WWF
  • WWF Puglia
  • Poiana Molfetta
Altri contenuti a tema
Serpente in un condominio, recuperato dai volontari del WWF Serpente in un condominio, recuperato dai volontari del WWF Si tratta di un biacco, un esemplare non velenoso. Il rettile è stato poi liberato all'interno del Pulo
Recuperato un animale esotico: è un petauro dello zucchero Recuperato un animale esotico: è un petauro dello zucchero L'animale, detto anche scoiattolo volante, è stato ritrovato a Lama Martina e affidato al WWF
Gabbiani sparati e feriti. «Gioco al massacro sulla pelle degli animali» Gabbiani sparati e feriti. «Gioco al massacro sulla pelle degli animali» Il ritrovamento ieri: gli animali mostrano una serie di ferite. Sul posto i volontari della Gepa e del WWF
Ghiandaia impigliata a testa in giù, i Vigili del Fuoco la salvano Ghiandaia impigliata a testa in giù, i Vigili del Fuoco la salvano Gli uomini del 115 sono intervenuti in piazza De Gasperi. Oggi, dopo le cure dei volontari del WWF, la liberazione
Taglio di alberi al parco di Mezzogiorno, interviene il WWF: «È una strage» Taglio di alberi al parco di Mezzogiorno, interviene il WWF: «È una strage» Critico il movimento ambientalista. Salvemini: «Oltre al taglio dei pini c'è anche il disturbo arrecato alla fauna»
1000 tartarughe liberate in 2 anni, numeri da record per il WWF 1000 tartarughe liberate in 2 anni, numeri da record per il WWF 10 di esse sono monitorate grazie alla tecnologia satellitare a beneficio di studi universitari nel mare Adriatico
Verde pubblico, il WWF accusa: «Alberi abbattuti senza criterio» Verde pubblico, il WWF accusa: «Alberi abbattuti senza criterio» Salvemini elenca «alberi sofferenti, altri privi di tutore, molti potati in un periodo errato»
Sorpresa tra le campagne di Molfetta: salvato esemplare di barbagianni Sorpresa tra le campagne di Molfetta: salvato esemplare di barbagianni Il rapace in difficoltà è stato recuperato e consegnato ai Carabinieri. Adesso è in cura presso il WWF Puglia
© 2001-2021 MolfettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
MolfettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.