Pasquale Mancini
Pasquale Mancini
Cronaca

Petardo in via Quintino Sella, Mancini: «È un chiaro gesto intimidatorio»

L'assessore alla Sicurezza ribadisce «con forza e compattezza la condanna verso ogni forma di delinquenza»

Dolore e rabbia. Molfetta ferita dalla deflagrazione che ha devastato il portone d'ingresso al civico n. 13 di via Quintino Sella. Un incubo che si è materializzato alle ore 00.10 con l'esplosione di un ordino rudimentale.

E poi i dubbi per l'attentato contro il portone d'ingresso, sede di cinque studi legali, tra cui quello dell'avvocato Alessandro Capursi, presidente dell'associazione Avvocati di Molfetta, e di abitazioni private, compresa quella di Matteo d'Ingeo, coordinatore del Liberatorio Politico, ndr) che ancora non ha ancora un movente, la paura e la voglia di reagire.

«Ci auguriamo che il lavoro delle forze dell'ordine - il commento di Pasquale Mancini, raggiunto telefonicamente dalla nostra redazione - porti presto a conoscere movente e autori di quello che è voluto essere un chiaro gesto intimidatorio. In circostanze come questa la città ha imparato a farsi comunità, a stringersi attorno a chi è stato colpito, a ribadire con forza e compattezza la condanna verso ogni forma di delinquenza».

Secondo l'assessore alla Sicurezza del Comune di Molfetta «solo così la sottocultura della violenza e della minaccia perde terreno, e il lavoro di bonifica di chi crede in Molfetta prosegue. Inarrestabile e incessante. Perché trova forza in ognuno di noi, in chi non gira lo sguardo da un'altra parte ma - termina - si impegna profondamente, giorno dopo giorno, a costruire una comunità impermeabile e coesa».

Intanto proseguono le indagini dei Carabinieri della Compagnia di Molfetta. I militari, dopo aver ascoltato alcuni residenti e passato al setaccio le immagini delle telecamere di videosorveglianza della zona, hanno avviato i necessari accertamenti per risalire ai responsabili del gesto.
  • Bombe Molfetta
  • Pasquale Mancini
  • Petardi Molfetta
Altri contenuti a tema
Altri ordigni bellici rinvenuti nel porto di Molfetta Altri ordigni bellici rinvenuti nel porto di Molfetta Ancora bombe a ridosso dell''imboccatura prossima al nuovo porto commerciale
Ordigni bellici nel porto di Molfetta, oggi il brillamento al largo Ordigni bellici nel porto di Molfetta, oggi il brillamento al largo Le bombe sono state rinvenute nei giorni scorsi in prossimità dell'ingresso del bacino
Mancini: «Evidente escalation di delinquenza a Molfetta» Mancini: «Evidente escalation di delinquenza a Molfetta» Il commento all'episodio di cronaca che ha scosso la città
Pasquale Mancini: «A Molfetta ci aspettano anni di non-scelte e di uffici paralizzati dalle inchieste» Pasquale Mancini: «A Molfetta ci aspettano anni di non-scelte e di uffici paralizzati dalle inchieste» Le parole dell'esponente del gruppo Officine - CON
13 Pasquale Mancini commenta la "lettera delle dimissioni" di Lillino Drago Pasquale Mancini commenta la "lettera delle dimissioni" di Lillino Drago Le sue parole: «Volevo e voglio una città migliore»
Mancini: «Il Consiglio Comunale di Molfetta si autotassi per gli aiuti ai profughi ucraini» Mancini: «Il Consiglio Comunale di Molfetta si autotassi per gli aiuti ai profughi ucraini» Dal consigliere di "Officine": «500 euro a testa per comprare qualcosa di utile per questa gente»
Mancini: «PNRR, a Molfetta resta il problema legato ai fondi pubblici» Mancini: «PNRR, a Molfetta resta il problema legato ai fondi pubblici» Le riflessioni del consigliere comunale dopo la conferenza dei giorni scorsi
Consiglio Comunale sulla sfiducia al sindaco, Mancini: «Voto contro Minervini» Consiglio Comunale sulla sfiducia al sindaco, Mancini: «Voto contro Minervini» Il consigliere comunale di Officine Molfetta è tra i firmatari della mozione di sfiducia
© 2001-2023 MolfettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
MolfettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.