Palazzo Tattoli JPG
Palazzo Tattoli JPG
Vita di città

Palazzo Tattoli, urgenti i lavori di messa in sicurezza

Lanciata petizione online per segnalare al Governo l'immobile, "scrigno di storia" molfettese

Palazzo Tattoli è una delle perle di Via Amente, passaggio imprescindibile per ogni turista che visita il Centro storico, testimonianza di un passato fatto di famiglie nobili che si contendevano il prestigio urbano anche per mezzo delle loro residenze, sontuose e imponenti.

La dimora, adesso, versa in condizioni assolutamente precarie e di degrado e il Comune di Molfetta sta cercando di intervenire per mezzo di lavori urgenti di messa in sicurezza tanto da non poter essere posticipati.

La vicenda, abbastanza triste e desolante, tocca il proprio apice la sera del 20 marzo 2015 quando ci fu il crollo di una muratura portante interna: si intervenne subito. Per tre mesi una squadra di operai fu a lavoro per compiere interventi mirati alla rimozione delle cause determinanti il crollo con una operazione costata 159.60,00 Euro.
Tuttavia, proprio questi lavori hanno consentito di rendersi effettivamente conto dello stato del luogo, per anni abbandonato alle intemperie e ai vandali.
"L'aver osservato dall'alto Palazzo Tattoli, ha evidenziato oltre all'importanza di questa ultima testimonianza storica, soprattutto la necessità assoluta di preservare, conservare e recuperare l'immobile per evitare la perdita di questo ultimo contenitore storico di importanti testimonianze del nostro passato, degli stili di vita, delle tecniche costruttive impiegate, nonché della società di un tempo, e dei materiali che si utilizzavano", si legge nella determinazione dirigenziale che ricostruisce la vicenda.

Tra interessamenti anche della Regione Puglia e del Ministero dei Beni Culturali, adesso sta per compiersi l'ultima tappa: si è provveduto all'affidamento dei lavori, che riguarderanno anche gli edifici adiacenti. Circa 100 mila Euro servirebbero per riconsegnare alla città un pezzo importante della sua storia.

Per Palazzo Tattoli è partita anche una mobilitazione da parte dei cittadini. Infatti, il Governo mette a disposizione 150 milioni di euro per recuperare i beni culturali dimenticati. Fino al 31 maggio tutti i cittadini potranno segnalare all'indirizzo di posta elettronicabellezza@governo.it un luogo pubblico da recuperare, ristrutturare o reinventare per il bene della collettività o un progetto culturale da finanziare.
Il Laboratorio di Urbanistica Partecipata - LUP di Molfetta ed altre associazioni e realtà che operano sul territorio molfettese hanno segnalato Palazzo Tattoli.

La petizione è sottoscrivibile al sito www.change.org.
Palazzo Tattoli JPGPanoramica di Palazzo Tattali JPG
  • centro storico
  • Palazzo Tattoli
Altri contenuti a tema
Torna l'estate e la muraglia del centro storico di Molfetta è di nuovo "ad ore" Torna l'estate e la muraglia del centro storico di Molfetta è di nuovo "ad ore" Divieto di passaggio pubblico dalle ore 14 alle ore 16 e dalle ore 23 alle ore 08
Il giardino delle aloe a Molfetta vecchia sarà riqualificato Il giardino delle aloe a Molfetta vecchia sarà riqualificato Stessa decisione anche per il giardino in via Mammone
Aggiudicati definitivamente i locali nel centro storico con il progetto "Cuore antico" Aggiudicati definitivamente i locali nel centro storico con il progetto "Cuore antico" Dodici già assegnati sui diciotto totali. Si attende per gli altri sei
"Cuore antico": il 25 marzo la seduta per le offerte arrivate al Comune di Molfetta "Cuore antico": il 25 marzo la seduta per le offerte arrivate al Comune di Molfetta Al centro la locazione agevolata di immobili del centro storico a realtà commerciali e artigianali
"Cuore antico", il nuovo progetto che rilancia Molfetta vecchia "Cuore antico", il nuovo progetto che rilancia Molfetta vecchia Il sindaco: «Puntiamo sull'imprenditorialità». Il delegato Spadavecchia: «Coinvolgeremo tutti»
Bando di gara per l'acquisto di ruderi all'interno di Molfetta vecchia Bando di gara per l'acquisto di ruderi all'interno di Molfetta vecchia Minervini: «Sinergia pubblico-privato per completare la rinascita del centro storico»
1 Stop alle occupazioni abusive nel centro storico. Il Comune di Molfetta mura gli accessi Stop alle occupazioni abusive nel centro storico. Il Comune di Molfetta mura gli accessi Informata anche la Prefettura di Bari
Giacomo Spadavecchia subito operativo nel centro storico di Molfetta Giacomo Spadavecchia subito operativo nel centro storico di Molfetta Delega ricevuta dall'amministrazione comunale
© 2001-2021 MolfettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
MolfettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.