Un'aula del Tribunale
Un'aula del Tribunale
Cronaca

Omicidio Parisi, riconosciuta la premeditazione: 22 anni a Farinola

L'uomo fu ucciso nel 2019 e il suo delitto fu premeditato. Lo hanno stabilito i giudici della Corte d'Assise del Tribunale di Trani

Per i giudici della Corte d'Assise del Tribunale di Trani quello di Corrado Parisi, il 47enne assassinato a colpi di pistola il pomeriggio del 7 luglio 2019, a Molfetta, fu un omicidio premeditato. Per questo Sergio Farinola, il 45enne accusato di quel delitto ed attualmente detenuto ai domiciliari per motivi di salute, è stato condannato a 22 anni di reclusione.

La pubblica accusa, rappresentata dal pubblico ministero Francesco Tosto, aveva chiesto una condanna a 25 anni per l'autore del delitto, avvenuto con premeditazione. Una richiesta accolta dai giudici (presidente Giulia Pavese) che hanno condannato l'imputato, al termine dell'udienza dibattimentale di questa mattina, alla pena di 22 anni di carcere per i reati di omicidio volontario, detenzione e porto illegale di arma comune da sparo, aggravati dalla premeditazione. All'uomo, inoltre, interdetto in perpetuo dai pubblici uffici, è stata anche applicata la libertà vigilata per 3 anni.

Stando alle indagini dei Carabinieri, intervenuti sul posto, Sergio Farinola si sarebbe fatto giustizia da solo al culmine di una lite. Il fatto avvenne all'esterno del bar Meeting di via Capotorti, periferia della città. Farinola impugnò la pistola e aprì il fuoco, sparando tre colpi al torace dell'uomo: Corrado Parisi morì poco dopo l'arrivo in ospedale, al don Tonino Bello. Successivamente Farinola, accompagnato dai suoi legali, Andrea Calò e Angelo Mascolo, si costituì presso gli uffici della Compagnia di Molfetta, dove confessò il delitto, prima di essere condotto nel carcere di Trani.

Nel corso delle udienze sono state ammesse le costituzioni di parte civile dei familiari della vittima: la vedova, i figli, e i germani, assistiti dall'avvocato Marco Di Bartolomeo, e la mamma, difesa dal legale Michele Salvemini. I giudici, nei loro confronti, hanno riconosciuto una provvisionale di 40mila euro alla madre, di 50mila alla moglie e ai tre figli e di 10mila euro ai quattro germani, tutte immediatamente esecutive, e stabilito altresì che il risarcimento dei danni cagionati alle costituite parti civili venga deciso e poi liquidato per intero in un separato giudizio di natura civile.

Per conoscere le argomentazioni dei giudici della Corte d'Assise del Tribunale di Trani si dovrà attendere il deposito delle motivazioni, previsto entro il termine di 90 giorni. Bisognerà dunque attendere il mese di maggio per conoscere le motivazioni di una sentenza che, come già comunicato dalla difesa del 45enne, sarà impugnata in Appello.

Il commento degli avvocati Di Bartolomeo e Salvemini

«Esprimiamo a nome della madre, della vedova e dei quattro figli di Corrado Parisi, grande soddisfazione per la sentenza odierna che ha sancito, seppur in primo grado, l'aggravante della premeditazione a carico dell'imputato Sergio Farinola. Chiaramente non vi è condanna o risarcimento alcun che possa riavvolgere il nastro di quel tragico giorno. Ma siamo sicuri che la sentenza di oggi, risponda alla richiesta di giustizia, da sempre dignitosamente ed umilmente espressa dai nostri assistiti».

Il commento dell'avvocato Calò

«All'esito del processo posso ritenermi parzialmente soddisfatto pur riservandomi di leggere attentamente le motivazioni, in quanto la ritenuta equivalenza tra l'aggravante della premeditazione e le attenuanti generiche ha indotto la Corte alla individuazione di una pena più mitigata rispetto a quella chiesta dal pm. In ogni caso si ricorrerà in Appello puntando ad ottenere una esclusione della aggravante della premeditazione, che, secondo la prospettazione difensiva, non è affatto condivisibile, nonché ad ottenere il riconoscimento della ulteriore attenuante della provocazione».
  • Corrado Parisi
  • Sergio Farinola
  • Michele Salvemini
  • Andrea Calò
  • Marco Di Bartolomeo
  • Angelo Mascolo
  • Omicidi Molfetta
Altri contenuti a tema
1 Omicidio Parisi, l'avvocato Di Bartolomeo: «Nessuno oltraggi la memoria di Corrado» Omicidio Parisi, l'avvocato Di Bartolomeo: «Nessuno oltraggi la memoria di Corrado» La precisazione in una nota: «Nessuna richiesta estorsiva alla base del delitto, abbiamo fiducia nella giustizia»
Omicidio Parisi: il pm chiede 25 anni di carcere per Farinola Omicidio Parisi: il pm chiede 25 anni di carcere per Farinola L'omicida, ristretto ai domiciliari, è accusato di omicidio premeditato. La sentenza è attesa per il 19 febbraio
Colpo da 15mila euro al Compro Oro: due condanne, un'assoluzione Colpo da 15mila euro al Compro Oro: due condanne, un'assoluzione Per quel fatto Gianfranco Del Rosso è stato condannato a 4 anni e 2 mesi. Assolto, invece, Domenico Gigante
Droga in viaggio sull'asse Italia-Albania. Ai domiciliari un 29enne Droga in viaggio sull'asse Italia-Albania. Ai domiciliari un 29enne L'albanese Erind Garubi, coinvolto nella maxi operazione "Kulmi", era in carcere dal 30 giugno scorso
"Halloween", Cassazione annulla sentenza di condanna: 32enne torna in libertà "Halloween", Cassazione annulla sentenza di condanna: 32enne torna in libertà Accolto il ricorso presentato dall'avvocato Michele Salvemini. Inammissibili i ricorsi presentati per altre 8 persone
Omicidio Parisi: rinviato a giudizio Farinola. La difesa chiede il rito abbreviato Omicidio Parisi: rinviato a giudizio Farinola. La difesa chiede il rito abbreviato I familiari della vittima si sono costituiti parte civile, i legali dell'omicida hanno chiesto l'abbreviato: la nuova legge lo impedisce
Omicidio Parisi, il questore chiude il New Meeting Cafè per 15 giorni Omicidio Parisi, il questore chiude il New Meeting Cafè per 15 giorni La decisione dopo l'arresto del titolare: «La sua condotta ha pregiudicato la pubblica incolumità ed ha creato allarme sociale»
Omicidio Parisi: dissequestrato il bar New Meeting Cafè Omicidio Parisi: dissequestrato il bar New Meeting Cafè L'avvocato Calò: «Non sappiamo ancora quali siano le intenzioni dei familiari circa le sorti dell'attività»
© 2001-2021 MolfettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
MolfettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.