nyssa
nyssa
Cronaca

Nyssa, dal cassonetto dei rifiuti alla speranza

Una piccola donazione e una casa per salvarle la vita

Lei è Nyssa. La fortunata di sei gattini abbandonati, a meno di dieci giorni di vita, in un cassonetto dei rifiuti. La più piccola eppure l'unica superstite. Chi l'ha trovata se ne è presa cura ma Nyssa ha da subito mostrato problemi di salute con difficoltà respiratorie e conseguenti anomalie nello svolgimento delle funzioni fisiologiche. Nyssa ha rischiato più volte di morire ma la sua balia umana l'ha sempre aiutata con le cure necessarie. Ora è ricoverata presso la clinica del dottor Battelli a Bari perchè ha un emipolmone collassato e l'altro fatica a funzionare.

Nyssa ora ha bisogno dell'aiuto di tutti, un piccolo contributo per riuscire a curarsi e per guarire. Basta davvero poco. Nyssa ce la sta mettendo tutta.
Quando guarirà del tutto potrà vivere esclusivamente in casa per questo cerca anche una sistemazione per il futuro, qualcuno che possa accoglierla. E' una gattina dolcissima e merita una vita dignitosa a dispetto di chi l'ha gettata in un cassonetto tra i rifiuti.

Questa è la storia di Nyssa ed è simile a quella di tanti gattini nate da micie che non sono state sterilizzate. Sterilizzare non è contro natura ma, in certi casi, è un vero atto d'amore.

Chi volesse aiutare Nyssa può fare una donazione al numero postpay 4023600671231761 di Valentina Mastrapasqua MSTVNT85S55C514H
Oppure consegnare il vostro regalo per Nyssa a
Valentina Mastrapasqua 3490788058
Angela Digeo 3203262688
Nyssa cerca casa e cure
  • gattina
  • donazione
Altri contenuti a tema
71enne di Molfetta muore ma vengono donati fegato, reni e cornee 71enne di Molfetta muore ma vengono donati fegato, reni e cornee Gli interventi nell'ospedale di Andria: a lavoro più équipe di specialisti
© 2001-2022 MolfettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
MolfettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.