Canale
Canale
Cronaca

Moria di uccelli e alberi: in contrada Manganelli è emergenza

I reflui fognari che sfociano a Torre Calderina stanno portando morte e distruggendo le colture

Colture distrutte, alberi morti come i tanti uccelli che frequentano la zona di Contrada Manganelli. Insomma, a pochi metri dall'oasi di Torre Calderina sarebbe emergenza, oltre che morte e distruzione.

È quanto emerge dal racconto di Pasquale Salvemini, responsabile Wwf, a "La Gazzetta del Mezzogiorno". E' lui a riferire che lo scenario terribile è causato dalle acque provenienti dall'emissario che porta i reflui delle città di Ruvo e Terlizzi verso il mare, ostruito dalla fitta vegetazione e dalla mancanza di manutenzione in prossimità di alcune abitazioni ubicate nella contrada.

«Le acque reflue ormai si stanno espandendo sui terreni a perdita d'occhio e questo aumenta il rischio inquinamento delle falde acquifere e notevoli problemi di carattere igienico sanitario nonchè rischi per la salute dell'avifauna per evidenti intossicazioni alimentari», spiega Salvemini, anche delegato regionale Lac, «è impensabile che da oltre un mese i gestori della condotta non si attivino per ripristinare il corretto deflusso delle acquei».

«Per quanto ci riguarda attueremo tutte le iniziative possibili per assicurare alla giustizia i responsabili di questo scempio», conclude Salvemini.
  • WWF
  • Pasquale Salvemini
  • lac puglia
  • contrada manganelli
Altri contenuti a tema
Il centro di Molfetta protagonista al summit internazionale sulle tartarughe Il centro di Molfetta protagonista al summit internazionale sulle tartarughe Da ieri sino al 22 ottobre. L'obiettivo è salvaguardare una delle specie marine su cui l’attenzione è molto alta
Al lavoro per pulire cala San Giacomo, trovano 15 grammi di eroina Al lavoro per pulire cala San Giacomo, trovano 15 grammi di eroina La scoperta, domenica, nel corso di Ri-Party-Amo, il progetto nazionale del Wwf. Sul posto i Carabinieri
«Oggi rinasco dopo 17 anni. È stato un calvario, ma voglio ripartire» «Oggi rinasco dopo 17 anni. È stato un calvario, ma voglio ripartire» Pasquale Salvemini fu indagato nel 2005 dopo la morte di un cacciatore e arrestato. Mercoledì è stato scagionato da ogni accusa
Arrestato e assolto dopo 17 anni. Il calvario di Pasquale Salvemini Arrestato e assolto dopo 17 anni. Il calvario di Pasquale Salvemini L'ambientalista, indagato dal 2005, era finito ai domiciliari nel 2008. La Corte d'Appello lo ha scagionato da ogni accusa
Appello della Lac: «Basta botti di fine anno, uccidono gli animali» Appello della Lac: «Basta botti di fine anno, uccidono gli animali» L'associazione animalista invita tutti a «non acquistare petardi, fuochi artificiali o lanterne volanti»
Poiana finita in mare: salvata dai bagnanti e dal WWF Poiana finita in mare: salvata dai bagnanti e dal WWF Il rapace, visibilmente sofferente, era precipitato in acqua. Sarà curato dai volontari
Si arrampicano per rubare i pappagalli: raid anche a Molfetta Si arrampicano per rubare i pappagalli: raid anche a Molfetta Gli episodi sono stati denunciati ai Carabinieri. Per il WWF ogni esemplare può arrivare a costare 120 euro
Sequestrate 20 tartarughe d'acqua dolce e affidate al WWF Puglia Sequestrate 20 tartarughe d'acqua dolce e affidate al WWF Puglia Recuperate dai Carabinieri, sono state prese in carico dai volontari del centro di Molfetta. Salvemini: «Un problema dilagante»
© 2001-2022 MolfettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
MolfettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.