messa crismale
messa crismale
Chiesa locale

Messa Crismale, il Vescovo: «La chiesa ha il compito di curare le ferite della gente».

Celebrato il rito religioso in una gremita cattedrale.


«La Chiesa ha il compito di curare le ferite della gente»: è l'esortazione del Vescovo Luigi Martella ai sacerdoti, nell'omelia per la Messa del Crisma presieduta nella Cattedrale Santa Maria Assunta in questo Giovedì Santo.

Come sempre tanti, tantissimi, i fedeli per la Messa Crismale. Cosí come, numerosi i sacerdoti diocesani e religiosi che hanno accolto l'invito a condividere la celebrazione eucaristica del Crisma. È il segno tangibile di unità dell'intera comunità ecclesiale nel giorno in cui i sacerdoti rinnovano la loro promessa formulata nel momento dell'ordinazione presbiterale. Ad unirsi al Vescovo, in questa solenne concelebrazione, sono stati anche i diaconi, i seminaristi, i laici impegnati a vario titolo a livello diocesano e parrocchiale, i ragazzi che riceveranno il sacramento della Cresima nell'arco dell'anno e un folto popolo di Dio proveniente da comunità parrocchiali anche periferiche. Durante il rito, inoltre, vengono benedetti gli Oli dei Catecumeni e degli Infermi e il Crisma, che saranno poi distribuiti ai sacerdoti della Diocesi di Molfetta-Ruvo-Giovinazzo-Terlizzi per l'amministrazione dei Sacramenti nel corso dell'anno.

Colpito dalla numerosa partecipazione di sacerdoti diocesani e religiosi, il vescovo nell'omelia ha commentato: «Questa celebrazione è la piú importante nel corso dell'anno liturgico ed esprime l'unità del sacerdozio ministeriale e l'unità del popolo di Dio. Noi, vescovi, presbiteri, diaconi, cristiani consacrati, esistiamo per questo popolo».

Il vescovo si è soffermato sul ruolo della Chiesa e ha dato qualche cenno anche sull'importante evento che vedrà tutta la Chiesa impegnata dal prossimo 8 dicembre: il Giubileo Straordinario della Misericordia indetto dal Papa. «La chiesa - dice il Vescovo - ha il compito di curare le ferite della gente. Sarà un anno della Misericordia e lo vogliamo vivere alla luce della Parola del Signore. Gesù è volto vivo. Tutto questo ci sprona a camminare più spediti e lieti nella via della conversione del cuore e della vita personale ed ecclesiale». Sulla misericordia, ha proseguito Martella, «è un grande dono. La misericordia riguarda tutto il mondo e ogni uomo, soprattutto i più bisognosi. La misericordia è la sostanza del santo Vangelo. Occorrono parole e gesti che dicono che Dio è presente. Cristo è il volto della misericordia del Padre - ricorda il Vescovo -, perché rende il cuore di Dio vicino a noi, prossimo alla miseria umana, all'umanità povera. Icona evangelica della misericordia di Dio è la Parabola del Buon Samaritano, nella quale Gesù non solo annuncia l'azione misericordiosa del Padre, ma ne esplicita i diversi sentimenti e i gesti concreti».
  • Riti quaresimali
Altri contenuti a tema
3 Mostra sui riti pasquali in centro: rubata una fotografia. Altre danneggiate Mostra sui riti pasquali in centro: rubata una fotografia. Altre danneggiate Ennesimo episodio di vandalismo
Presentato a Molfetta l'iniziativa "Volti quaresimali" Presentato a Molfetta l'iniziativa "Volti quaresimali" Percorso multisensoriale dal 2 al 20 aprile nella Chiesa della Morte
"Volti quaresimali": a Molfetta la Quaresima diventa un'esperienza multisensoriale "Volti quaresimali": a Molfetta la Quaresima diventa un'esperienza multisensoriale Dal 2 al 20 Aprile presso la Chiesa della Morte sita in Via Morte centro storico
Si dà il via alla Quaresima 2017 Si dà il via alla Quaresima 2017 L’attesa processione della Croce sempre sentita e partecipata dai fedeli
La tradizione della "Quarantana" a Molfetta La tradizione della "Quarantana" a Molfetta Prima appesa e poi fatta scoppiare: la ''Quarantana'', bambola pagana e Pasquale
Quaresima 2016: il Rito della Croce a Molfetta Quaresima 2016: il Rito della Croce a Molfetta Iniziata la Quaresima a Molfetta.
Il taglio della frasca Il taglio della frasca Cominciano i riti della Quaresima
Alle 17 la processione dell’Addolorata Alle 17 la processione dell’Addolorata I confratelli con "il muccio" e le consorelle con il velo
© 2001-2022 MolfettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
MolfettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.