L'intervento dei Carabinieri
L'intervento dei Carabinieri
Cronaca

Lite familiare, poi se la prende anche con i Carabinieri: arrestato

I militari della locale Compagnia si sono mobilitati dopo una richiesta d'intervento al 112. L'uomo è stato trasferito in carcere

Ieri sera i Carabinieri della locale Compagnia hanno arrestato un uomo, di cui non sono state rese note le generalità, per il reato di resistenza a pubblico ufficiale, commesso nel corso di un intervento svoltosi in piazza Vittorio Emanuele Il.

L'uomo aveva perso il controllo di sè. Una violenta lite con i familiari iniziata per strada. Parole forti. Al punto che qualcuno, impaurito, ha deciso di chiedere aiuto ai Carabinieri, attraverso il numero gratuito 112. Ma l'uomo, alla vista della gazzella dell'Aliquota Radiomobile, delle altre divise giunte in supporto e forse infastidito da questa "ingerenza" nei suoi affari privati, ha iniziato a mostrarsi indisponente.

L'uomo ha continuato a dare in escandescenze ed i militari, dal canto loro, hanno cercato di riportare la situazione alla calma, senza fortuna. Solo l'ausilio di altre pattuglie, condotte dal personale della locale Compagnia, ha consentito agli operatori di assicurare l'uomo, che ha cercato in tutti i modi di opporsi all'attività di accertamento in corso, all'interno dell'auto di servizio.

Pertanto, sentito il pubblico ministero di turno presso la Procura della Repubblica di Trani e dopo aver espletato le formalità di rito, l'arrestato è stato associato presso il carcere di Trani a disposizione della competente Autorità Giudiziaria.
  • Arresti Molfetta
  • Arresti Carabinieri
Altri contenuti a tema
Operazione "Ghostbusters", svolti gli interrogatori: presentate due istanze di scarcerazione Operazione "Ghostbusters", svolti gli interrogatori: presentate due istanze di scarcerazione Attesa la decisione del gip di Trani sul caso dei due molfettesi, zio e nipote, che provvedevano a ricettare sul mercato nero la merce rubata
«Erano i ricettatori della banda dei furti». In manette zio e nipote di Molfetta «Erano i ricettatori della banda dei furti». In manette zio e nipote di Molfetta 14 i fermati dai Carabinieri, fra cui Francesco Grosso e suo nipote Peter De Bari. 12 gli arrestati, i colpi anche a Molfetta
1 Banda dei furti in casa, 12 arresti. Anche uno zio e un nipote di Molfetta Banda dei furti in casa, 12 arresti. Anche uno zio e un nipote di Molfetta 9 ordinanze in carcere, 3 ai domiciliari: eseguiti anche 2 obblighi di dimora
Sorpreso a cedere droga ad un ragazzo. Arrestato dai Carabinieri un 20enne Sorpreso a cedere droga ad un ragazzo. Arrestato dai Carabinieri un 20enne Il giovane è stato trovato in possesso di 23 dosi di hashish e 590 euro. Arrestato, è stato sottoposto agli arresti domiciliari
Estorsioni, sì ai domiciliari per un 18enne. Restano in carcere gli altri 3 arrestati Estorsioni, sì ai domiciliari per un 18enne. Restano in carcere gli altri 3 arrestati Il Tribunale di Trani ha disposto la sostituzione della misura cautelare. Rigettate le altre richieste
Estorsioni, si costituisce l'ultimo componente della banda. È un 26enne Estorsioni, si costituisce l'ultimo componente della banda. È un 26enne Si tratta di Domenico Minervini, molfettese già noto alle forze dell'ordine. Si è presentato a Trani con il suo avvocato
Furti in appartamento, attenti ai pezzettini di plastica sotto le porte Furti in appartamento, attenti ai pezzettini di plastica sotto le porte Quattro i georgiani fermati dai Carabinieri: due bloccati a Bari, gli altri due a Potenza. Era chiamata la "banda della compieta"
Presi i rapinatori con l'ombrello. Arrestati, sono sospettati di altri colpi Presi i rapinatori con l'ombrello. Arrestati, sono sospettati di altri colpi Fermati dalla Polizia di Stato a Casamassima. Sono gli stessi delle rapine all'MD e alla Farmacia Pesca?
© 2001-2019 MolfettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
MolfettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.