pescherecci
pescherecci

La marineria incontra il vice presidente della Commissione pesca del Parlamento europeo

Sanzioni, "problema" tonni, burocrazia e iprite al centro della discussione

E' una marineria sempre più stanca e scoraggiata quella molfettese ma mai doma, appassionata al proprio lavoro e ancora vogliosa di continuare una tradizione, per quasi tutti di famiglia. "Altrimenti, demoliamo", è il coro, quasi commosso, che si erge dalla platea riunita nella sede dell'associazione armatori da pesca nel mercato ittico all'ingrosso.

Con tanta dignità, immenso orgoglio e voglia di farsi ascoltare, una folta rappresentanza di armatori e associazioni legate al mondo della pesca ha incontrato il vicepresidente alla commissione europea per la pesca, Renata Briano e l'europarlamentare Elena Gentile, all'ascolto della gente di mare di Puglia dal Gargano fino a Monopoli.

La tanta burocrazia: sedici punti, sedici azioni per le quali occorrono ventiquattr'ore e "nel frattempo dobbiamo dormire, mangiare, lavorare, tenere gli occhi aperti", spiega un armatore. Sedici passaggi che, anziché agevolare, mettono i bastoni tra le ruote. Senza tralasciare, per esempio, la fornitura di una cassetta per il pronto soccorso, da rinnovare a più di 500 euro ogni anno, con strumenti sul cui uso nessuno informa e istruisce l'equipaggio.

Ci sono poi i tonni, in aumento, che mangiano il pesce e che accidentalmente finiscono nelle reti di chi non ha la licenza per pescarli perché la licenza, in tutta Italia, spetta a sole dodici imbarcazioni del Mar Tirreno.
"Se peschiamo un tonno, ma arriviamo a prenderne anche quaranta, cinquanta durante la stessa battuta, siamo obbligati a gettarlo in mare perché non possiamo pescarlo, perchè rischiamo multe salatissime, decurtazioni nei punti della patente e della licenza. Allora succede che il tonno, morto, non fa più crescere altro pesce, succede che nel frattempo abbiamo danni ingenti alla reti che spezzano. Oltre il danno la beffa. Piuttosto mi si dica che non posso pescarlo e se lo pesco devo darlo agli anziani nelle case di riposo, ai bambini negli orfanotrofi. Lo faremo volentieri", racconta l'armatore di una lampara.

Altro passaggio riguarda da vicino il porto di Molfetta che, denunciano tutti i presenti, non è più sicuro: la costruzione del nuovo porto ha cambiato il flusso del moto ondoso, attraccare alla banchina è pericoloso "e l'ingresso dall'imboccatura un rebus", precisa un altro dei partecipanti.

Infine, spazio all'iprite che ha causato anche morti.
"Al largo della nostra costa c'è il relitto di una imbarcazione con dei gas di cui nessuno sa nulla. I nostri pescatori rischiano ogni giorno per la sopravvivenza. A causa dell'iprite, poi, ci sono marinai che non possono più vedere il sole, uscire, molti sono morti", è il grido d'allarme.

I due politici hanno promesso di fare subito qualcosa per la pesca "perchè si capisca definitivamente che è un settore fondamentale".

All'incontro ha preso parte anche il sindaco Paola Natalicchio e l'assessore comunale alle pesca Tommaso Spadavecchia.
Elezioni Amministrative 2022
Candidati sindaco
Candidati al consiglio comunale
  • Pesca
Altri contenuti a tema
Crisi comparto pesca, una delegazione di Molfetta in Regione Crisi comparto pesca, una delegazione di Molfetta in Regione Presenti il presidente di Federpesca, il sindaco e il consigliere regionale Tammacco
Corso Fornari è a sostegno dei pescatori di Molfetta Corso Fornari è a sostegno dei pescatori di Molfetta L'iniziativa nella mattinata di oggi
1 Pescato a Molfetta un rarissimo esemplare di granchio reale Pescato a Molfetta un rarissimo esemplare di granchio reale Si tratta di una specie pericolosa per bagnanti ed ecosistema marino
Blocco della pesca in Puglia, divieto da Bari a Manfredonia Blocco della pesca in Puglia, divieto da Bari a Manfredonia Scatta il fermo pesca in Adriatico: 30 giorni di stop. Impresapesca Coldiretti mette in guardia i consumatori
Pesca, Montecitorio si accinge a discutere la riforma ittica Pesca, Montecitorio si accinge a discutere la riforma ittica Parte la discussione delle proposte di legge di riforma del comparto ittico
Pesca, si accelera per la liquidazione del fermo biologico 2016 Pesca, si accelera per la liquidazione del fermo biologico 2016 Intanto prosegue l'iter parlamentare della legge di riordino
Firmato protocollo di intesa per la raccolta dei rifiuti in mare a Molfetta Firmato protocollo di intesa per la raccolta dei rifiuti in mare a Molfetta Molfetta la prima marineria della Puglia ad aderire a tale progetto
6 La Giunta Minervini vara il tavolo permanente per lo sviluppo della pesca e dell'agricoltura La Giunta Minervini vara il tavolo permanente per lo sviluppo della pesca e dell'agricoltura Punti di incontro tra istituzioni e addetti ai lavori, consentiranno ai settori di tornare centrali nell'economia cittadina
© 2001-2022 MolfettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
MolfettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.