io sono mateusz
io sono mateusz
Eventi e folklore

La Draka produce un film che tocca le corde del cuore

La storia straordinaria di Mateusz

Elezioni Regionali 2020
Temi impegnati, attori di spicco, storie avvincenti dai forti sentimenti, denuncia della corruzione e lotta per un mondo migliore. Sono solo alcuni dei temi che caratterizzano i due film prodotti e distribuiti dalla "Draka" di Corrado Azzollini in uscita in questi giorni nelle sale cinematografiche italiane.

Il 12 marzo esordirà "Io sono Mateusz", una produzione internazionale del regista polacco Maciej Pieprzyca, già detentore del "Silver Hugo Award" al "Chicago International Film Festival". Il 26 marzo invece sarà nelle sale "Nomi e cognomi" di Sebastiano Rizzo, un film interamente girato tra Molfetta e Giovinazzo..

Secondo "livrecinema.com", un portale di critica cinematografica, "Io sono Mateusz", già uscito in Francia e Polonia, Paesi dove ha ottenuto un grande successo «è un film toccante e commovente dove il protagonista, Dawid Ogrodnik, tra l'altro è tra gli interpreti di "Ida" il film di Pawel Pawlikowski, vincitore del premio Oscar 2015 quale miglio film straniero, ha dimostrato un talento eccezionale tanto da chiedersi con quale forza abbia ricoperto questo ruolo». Tratto da una storia vera, è un film sulla disabilità, un tema che viene trattato con tanto tatto rispetto, senza pietismo ma con realismo, che commuove e tocca le corde del cuore. Spinge chiunque a non abbattersi, a vedere il mondo con altri occhi, in maniera positiva.

La pellicola racconta tutte le fasi della crescita di "Mateusz", un ragazzo affetto da paralisi celebrale e quindi con gravi problemi di movimento. Ma che ha la forza di non abbattersi, nonostante sia condannato dai medici alla totale incapacità di intendere e di volere. Invece si dimostrerà essere in grado di comunicare con il mondo. Un tema quello trattato da Pieprzyca che è stato fatto proprio dall'associazione "Mano nella mano Onlus" che ha deciso di promuoverlo, perché vicino alla propria "mission", perché è veicolo di emozioni e cultura.

«E' un film per tutti: ragazzi, famiglie, addetti ai lavori e per chiunque voglia vivere delle sane e belle emozioni». è il commento del presidente dell'associazione Francesco Manfredi. E' una storia vera, affrontata con leggerezza, tanto che talvolta si sorride, che ha come protagonista le tanti situazioni che il mondo della disabilità racchiude in tutte le sue sfaccettature (la famiglia, gli amori, il bambino che diventa adulto, il rapporto con i fratelli, la sessualità e tanto altro).

Parte dell'incasso sarà devoluto in beneficenza per attività e servizi per persone con disabilità.
  • Film
  • disabilità
Altri contenuti a tema
Disabilità e diritto: la Legge sul “Dopo di Noi” Disabilità e diritto: la Legge sul “Dopo di Noi” A cura dell'avvocato Giuseppe Prascina
1 Disabilità, si sceglie per l'affidamento del Servizio Centro Sociale Polivalente a Molfetta Disabilità, si sceglie per l'affidamento del Servizio Centro Sociale Polivalente a Molfetta Avviso pubblico per selezionare il Presidente della Commissione di gara
“Un mare senza barriere” a Molfetta è possibile con Poseidon Blue Team “Un mare senza barriere” a Molfetta è possibile con Poseidon Blue Team Alessandro Perrelli: «è una bella sensazione fare gli stessi esercizi che fanno gli altri»
"Artigiani dell'Imprudenza", insegnare l'educazione nel campo della disabilità "Artigiani dell'Imprudenza", insegnare l'educazione nel campo della disabilità Domani il secondo incontro della mini-rassegna
1 Acqua e disabili: il progetto della Poseidon Blu Team di Molfetta Acqua e disabili: il progetto della Poseidon Blu Team di Molfetta Il Presidente Riccardo Cifarelli a Taranto per un corso di formazione a subacquei
Molfetta set del nuovo film di Maria Grazia Cucinotta Molfetta set del nuovo film di Maria Grazia Cucinotta Riprese al via domani. Ciak anche a Terlizzi
Caro incivile ti scrivo. A Molfetta biglietti di ammonimento sulle auto Caro incivile ti scrivo. A Molfetta biglietti di ammonimento sulle auto La segnalazione di un lettore che ha notato i messaggi lasciati su un'auto del lungomare
2 Molfetta città a misura di disabili? Macchè «paese di furbi e arroganti» Molfetta città a misura di disabili? Macchè «paese di furbi e arroganti» La toccante lettera di un cittadino a Tommaso Minervini e Pasquale Mancini
© 2001-2020 MolfettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
MolfettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.