Libro per Don Tonino
Libro per Don Tonino

“La coscienza e il potere”: presentato il libro di Nicola Magrone, nel ricordo di Don Tonino Bello

L'opera riprende un reale dialogo avvenuto nel marzo del 1992

"In memoria di Don Tonino Bello", questo il titolo dato alla serata di ieri presso l'Auditorium San Domenico di Molfetta. Fortemente voluta dal Centro Culturale Auditorium, presieduto dal prof. Damiano D'Elia, e dall'Associazione Nazionale Educatori Benemeriti (ANEB) di Molfetta, presieduta dal prof. Michele Laudadio, la manifestazione ha visto la presenza di importanti relatori come il prof. Gianni Antonio Palumbo e il dott. Nicola Magrone, magistrato, sindaco di Modugno, nonché autore del libro, edito da La Meridiana "La coscienza e il potere".

A quasi un anno dalla visita a Molfetta di Papa Francesco e in prossimità del 26° anniversario dalla morte Don Tonino Bello, l'iniziativa di ieri sera ha avuto principalmente lo scopo di riflettere sui poteri forti e su quanto possono influenzare ed agire sulla coscienza di molti. Il volume, presentato ottimamente dal prof. Palumbo, nasce proprio come un dialogo tra lo stesso sindaco di Modugno, il compianto Guglielmo Minervini, Clara Zagaria e don Tonino. Punto di partenza la produzione di Ignazio Silone, scrittore abbruzzese caro al magistrato. L'opera riprende un dialogo, realmente avvenuto nel marzo 1992, un anno prima della morte del vescovo di Molfetta. Don Tonino e il magistrato Magrone (tra l'altro ospite della serata di ieri) si confrontano sul rapporto tra il potere e la "struttura", sul rigore a cui la coscienza non può sottrarsi, e si confrontano a partire da alcune sollecitazioni dello scrittore abruzzese.

È a partire dai nodi della riflessione di Silone che, incalzato dalle domande dei suoi interlocutori, don Tonino Bello giunge ad affrontare argomenti di stringente attualità per l'epoca; nodi centrali verso cui il cristiano (e in particolare il politico cristiano) non può arretrare: il ruolo e il servizio, la libertà e l'obbedienza, il dogma e la fede, la conservazione e il cambiamento, la verità e la carità. In sintesi, la coscienza e il potere. I l teologo don Tonino non si sottrae al confronto. Conosce il Magistero della Chiesa ma non è avulso dalla realtà. La tensione costante tra coscienza e potere era presente continuamente nella riflessione e nell'impegno missionario del Servo di Dio e nella sua contingenza quotidiana di uomo. Sapeva bene che la coscienza è «il Tribunale dove c'è una legge dall'esterno che viene a fare sintesi con la mia libertà». E che il credente si trova nella posizione di ascolto dell'altro (il Vescovo, la Chiesa, il compagno di partito, altri ancora) per giungere ad un equilibrio. Egli stesso afferma che «perché un'idea possa camminare deve entrare nella struttura. Però a un certo momento deve anche trascendere la struttura e uscirne, altrimenti si assolutizza la struttura».
  • Don Tonino Bello
Altri contenuti a tema
Presentato a Molfetta il libro di Marcello Bello “Caro Tonino. Appunti e disappunti” Presentato a Molfetta il libro di Marcello Bello “Caro Tonino. Appunti e disappunti” E’ il dialogo costante avuto con il fratello, sono le riflessioni meditate sulla sua tomba
Marcello Bello a Molfetta per parlare del fratello don Tonino Marcello Bello a Molfetta per parlare del fratello don Tonino Il 3 maggio la presentazione del volume dedicato al fratello Vescovo
20 aprile 2018: un anno fa la visita di Papa Francesco a Molfetta nel segno di Don Tonino 20 aprile 2018: un anno fa la visita di Papa Francesco a Molfetta nel segno di Don Tonino Cosa resta di un evento storico e indimenticabile
“Periferie” pubblicato l’album della “Diolovuole Band” dedicato agli ultimi “Periferie” pubblicato l’album della “Diolovuole Band” dedicato agli ultimi Pubblicato da Paoline Audiovisivi e ispirato dall’insegnamento di don Tonino Bello, come il titolo del singolo “Collocazione provvisoria”, il cui video è online
Ventisei anni fa ci lasciava don Tonino Bello Ventisei anni fa ci lasciava don Tonino Bello Le testimonianze e i ricordi delle persone che hanno vissuto il suo tempo
18 aprile 1993, il giorno del testamento di don Tonino Bello 18 aprile 1993, il giorno del testamento di don Tonino Bello Le ultime volontà del Vescovo. Sarebbe deceduto due giorni dopo
A Molfetta ultima tappa  degli Artigiani dell’Imprudenza: Lazzaro Gigante racconta Don Tonino A Molfetta ultima tappa degli Artigiani dell’Imprudenza: Lazzaro Gigante racconta Don Tonino Nel pomeriggio l'incontro nella biblioteca del Liceo Scientifico
Marcello Bello scrive al fratello don Tonino. Domani la presentazione del libro Marcello Bello scrive al fratello don Tonino. Domani la presentazione del libro Evento ad Alessano domenica 7 aprile alle ore 18.30
© 2001-2019 MolfettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
MolfettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.