incontro porto
incontro porto
Vita di città

L’immobilismo del porto penalizza la città

L’opera deve ripartire

Il porto non ha colore, non è né di destra, né di sinistra, ma della città. Questa la voce unanime che si è levata nell'Auditorium Regina Pacis di Molfetta, da imprenditori, politici e tanti cittadini, gli stessi che hanno apposto in cinquemila la firma affinchè l'opera ripartisse.

In rappresentanza dell'associazione "Opera da condurre in porto" c'era al tavolo dei relatori Vincenzo Tatulli, da sempre promotore di questa battaglia, affiancato da Vito Totorizzo ed Enzo Poli, imprenditori che avevano puntato sul porto di Molfetta per incrementare i loro traffici commerciali. La classe imprenditrice ha denunciato durante la serata l'assenteismo e l'immobilismo dell'attuale amministrazione. "In un momento in cui si assiste ad un rilancio della portualità, Molfetta è in stallo con un porto bloccato". Questa la loto tesi.

Dopo l'incontro tenutosi lo scorso dicembre fra amministrazione ed imprenditori, i lavori sarebbero dovuti ripartire a febbraio, data questa disattesa. La situazione sta nettamente peggiorando a causa delle forti mareggiate che stanno compromettendo la sicurezza della diga. Sono mesi che il porto è stato dissequestrato, ma non si è fatto nulla, a detta degli imprenditori, che ribadiscono ritardi ed inoperosità. Il porto rappresenta la storia di Molfetta, non si può parlare di Molfetta senza associarvi il porto, dove si sono formati vogatori, marinai, gente di mare, carpentieri, ufficiali e pescatori. Il suo immobilismo ha portato danni non solo agli imprenditori, ma a tutta la città perchè sono girati meno capitali, è venuta meno la forza lavoro. Il porto da sempre ha dato lavoro a famiglie molfettesi, rappresentava il fiore all'occhiello, lo invidiavano tutte le città per il ruolo che rivestiva.

Il porto, opera da condurre in porto, non deve essere uno slogan, ma una realtà. Il porto molfettese ha delle peculiarità particolari per cui, da esperti del settore, era definito uno dei migliori. Per il collegamento a strade ed autostrade, alla rete ferroviaria, per il fatto che era al centro di una vasta area industriale fra due città, insomma svolgeva un ruolo strategico importante. Solo il faro di Molfetta illumina un orizzonte che però gli imprenditori ora vedono nero, viste le prospettive. Un porto moderno crea occupazione, rilancia l'economia e fà girare il commercio. Totorizzo ha infatti affermato che ha dovuto dirottare su Bari le sue merci, che invece sarebbero potute partire ed arrivare a Molfetta.

"Tutte le città ambiscono ad avere un porto e noi lo stiamo perdendo", la sua affermazione. Al coro di "darsi da fare" in tempi strettissimi si è unito anche Enzo Poli, che pur essendo toscano, porta un cognome molfettese, città a cui è molto legato e su cui aveva investito. Ha parlato di quanto gli imprenditori avessero investito e rischiato di tasca loro. "Un porto bloccato fà perdere posizioni e ci porta indietro" ha detto. Il buon senso, quello che si dovrebbe mettere in certe situazioni, non ha colore politico. Più politico è stato invece il discorso di Vincenzo Tatulli che ha ripercorso l'iter procedurale, le varie tappe importanti della vicenda. Il porto porta economia, lavoro e questo è fondamentale per una città. il promotore dell' associazione ha affermato di aver sposato la causa dello sviluppo economico della città e che non è interessato a fare carriera politica. "Anche il fatto che il porto di Molfetta sia passato sotto la giurisdizione dell'Autorità del Levante - ha affermato - rappresenta una perdita di autonomia per la città".

L'appello è corale. Bisogna portare "il porto in porto", non è più tempo di tergiversare e trovare scuse.
  • nuovo porto
Altri contenuti a tema
Ritorno degli anarchici? Scritte comparse in diversi punti di Molfetta Ritorno degli anarchici? Scritte comparse in diversi punti di Molfetta La più visibile quella sul nuovo porto commerciale
12 Il "Porto fantasma" di Molfetta: ne parla la RAI Il "Porto fantasma" di Molfetta: ne parla la RAI L'approfondimento è andato in onda nello Speciale nazionale Mezzogiorno ed al TG3
3 Nuovo porto: la ditta Conteco srl si aggiudica il bando di gara Nuovo porto: la ditta Conteco srl si aggiudica il bando di gara Con un punteggio di 88,40 su 100 la spunta sugli altri 7 partecipanti
1 Progetto esecutivo nuovo porto, il 5 luglio convocata la seduta di gara Progetto esecutivo nuovo porto, il 5 luglio convocata la seduta di gara Mercoledì 5 luglio presso gli uffici di Lama Scotella
3 I "porti" e il progetto di Palazzo Dogana al centro dell'incontro di Isabella de Bari I "porti" e il progetto di Palazzo Dogana al centro dell'incontro di Isabella de Bari Presentata davanti ad una folta platea l'idea progettuale che potrebbe cambiare l'immagine marinara di Molfetta
1 Nuovo porto: in arrivo i rilievi dei cassoni e del molo Nuovo porto: in arrivo i rilievi dei cassoni e del molo Si procede per la messa in sicurezza. In corso le analisi sui fondali
29 Eliminata la scritta "No grandi opere" dal nuovo porto Eliminata la scritta "No grandi opere" dal nuovo porto Al suo posto un drappo rosa posizionato dagli uomini della Multiservizi
18 Porto di Molfetta: Minervini incontra l'assessore Regionale Giannini - LE FOTO Porto di Molfetta: Minervini incontra l'assessore Regionale Giannini - LE FOTO Incontro a 360 gradi sul futuro del porto molfettese
© 2001-2020 MolfettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
MolfettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.