infermiera
infermiera
Sanità

Infermiera da Molfetta a Bologna, passando per Münster e Tubinga

Il racconto della giovane: «In Italia c'è ancora molta strada da fare per riconoscere il nostro lavoro»

Il 12 maggio è la Giornata Internazionale dell'Infermiere, che ricorre in questa data perchè è il giorno in cui, nel 1820, nacque Florence Nightngale, considerata fondatrice delle Scienze Infermieristiche moderne.

Per restituire uno spaccato della complessità di questa professione, abbiamo rintracciato una molfettese che ha svolto la sua prima esperienza lavorativa in Germania, a Münster nel 2017 e a Tubinga dal 2019, per poi tornare a Nord Italia all'inizio del 2023. Ecco il racconto della sua esperienza, tra crescita e riflessioni.

Come hai scelto di diventare infermiera?
«Ho sempre avuto una spinta per aiutare il prossimo e un forte interesse per il mondo sanitario. Quando mi chiedo se ho fatto la scelta giusta, la risposta che mi ripeto è sempre la stessa: non saprei immaginarmi altrove. La mia è stata una decisione dettata da una serie di circostanze, l'idea di lavorare in ospedale e di rendermi utile hanno tracciato per me questa strada».

Perché hai scelto di spostarti all'estero?
«In verità mi sono lanciata. Era il 2017 e stavo lavorando a Molfetta facendo assistenze domiciliari, ma non faceva per me. Avevo inviato candidature a vari enti, tra cui un' agenzia che assumeva infermieri per la Germania. Il caso, o forse il destino, hanno voluto che io abbia dato le dimissioni a Molfetta e, poco dopo, fossi contatta per il colloquio in quest'agenzia. Il colloquio è andato a buon fine e io sono partita senza pensarci troppo, mi sono gettata a capofitto in un'esperienza nuova, quella che considero la mia prima vera esperienza lavorativa».

Cosa ti ha insegnato l'esperienza in Germania?
«Sono sicuramente cresciuta tanto, la Germania mi ha lasciato molto dal punto di vista umano e lavorativo. Quando sono partita non conoscevo neanche una parola in lingua tedesca, l'ho imparata da zero e anche questo mi ha fortificata perché mi sono dovuta rapportare con colleghi e conoscenti in una lingua che non avevo mai praticato».Come avete gestito il periodo covid?
«Io sono stata fortunata in quel periodo, lavoravo in un reparto di cardiochirurgia e chirurgia toracica, in cui il 90% degli interventi sono programmati. Però nel reparto avevamo bisogno spesso di posti in terapia intensiva. Nel periodo di pandemia le terapie intensive, specie all'inizio, erano piene, c'erano necessità di ogni tipo che molto spesso non si potevano prevedere. Cosí abbiamo dovuto ridurre notevolmente il numero degli interventi. La situazione è rimasta tutto sommato gestibile, ma non è mancata la paura che all'inizio ha colpito tutti indistintamente. Ricordo quando ancora non sapevamo come trattare i casi di pazienti positivi al covid e dovevamo abituarci a svolgere il nostro lavoro con le mascherine e tutti i DPI del caso. Ma presto abbiamo imparato a rapportarci al coronavirus e ci siamo abituati anche questo».

Secondo te quali sono le differenze nella professione di infermiere tra l'Italia e la Germania?
«Le differenze la sto notando adesso, perché da qualche mese sto lavorando in un ospedale a Bologna. Innanzitutto ho avvertito una forte differenza nel rapporto medico-infermiere. In Germania ho notato molto più rispetto nei confronti della mia professione, invece penso che in Italia ci sia ancora molta strada da fare per riconoscere questo lavoro nella sua complessità. Sebbene il medico e l'infermiere siano due figure complementari, l'idea diffusa è che il medico sia il titolare dell'infermiere, ma non c'è niente di più sbagliato. Questa concezione radicata nei piú, ti porta a vivere una serie di situazioni non molto piacevoli, che si aggiungono alle turnazioni. In Germania non esistono i doppi turni, sono illegali. In Italia se sei chiamato a fare un doppio turno, non puoi tirarti in dietro, non esistono "se" e non esistono "ma". Naturalmente un'altra differenza risiede negli stipendi, che in Germania sono più alti che in Italia. Questo è anche legato al fatto che gli scioperi e le manifestazioni che si svolgono in Germania portano a risultati e obiettivi concreti, mentre in Italia tutto resta fermo, nonostante le proteste».
  • Sanità
Altri contenuti a tema
Da settembre attivi a Molfetta i servizi di telemedicina oncologica Da settembre attivi a Molfetta i servizi di telemedicina oncologica Il progetto dell'Istituto Tumori "Giovanni Paolo II" è finanziato dal PNRR
Oggi a Molfetta l'incontro "La professione medica nella transizione verso la sanità" Oggi a Molfetta l'incontro "La professione medica nella transizione verso la sanità" Appuntamento nella Fabbrica San Domenico alle ore 19:00
Gianluigi De Gennaro nel comitato consultivo esterno dell'Istituto Oncologico di Bari Gianluigi De Gennaro nel comitato consultivo esterno dell'Istituto Oncologico di Bari Minervini: «Si tratta di una notizia che fa onore all’intera città»
Anziani senza medico curante a Molfetta, la segnalazione: «Chiediamo risposte» Anziani senza medico curante a Molfetta, la segnalazione: «Chiediamo risposte» Il racconto di un lettore: «Ben 1.500 persone sono adesso prive di un riferimento»
ASL Bari, in arrivo 537 nuove unità: a Molfetta si attiva la terapia intensiva ASL Bari, in arrivo 537 nuove unità: a Molfetta si attiva la terapia intensiva Nuovi professionisti specializzati in anestesia e rianimazione saranno destinati al "don Tonino Bello"
Si conclude il progetto SAVE: coinvolto anche l'istituto san Giovanni Bosco di Molfetta Si conclude il progetto SAVE: coinvolto anche l'istituto san Giovanni Bosco di Molfetta 7 scuole e 900 studenti resi partecipi dal Dipartimento di Prevenzione ASL Bari
1 Troppa attesa al pronto soccorso di Bari: il calvario di una famiglia di Molfetta Troppa attesa al pronto soccorso di Bari: il calvario di una famiglia di Molfetta Al Giovanni XXIII «Un caso che porta alla luce una problematica ben più grave inerente alla mancata organizzazione»
Sanità: prosegue la somministrazione dei vaccini anti Covid da parte dei farmacisti Sanità: prosegue la somministrazione dei vaccini anti Covid da parte dei farmacisti Approvata oggi dalla Giunta la proroga fino alla fine del 2024
© 2001-2024 MolfettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
MolfettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.