Giovanni Infante
Giovanni Infante
Politica

Infante: «Non conosciamo i reali benefici del nuovo porto commerciale di Molfetta»

Il consigliere comunale: «Opera che rischia di nascere già obsoleta»

Si è tenuto mercoledì 8 novembre il consiglio comunale monotematico sul nuovo porto commerciale, convocato su richiesta di tutte le opposizioni a seguito dell'inchiesta condotta dalla procura di Trani sui lavori di completamento del molo di sopraflutto. È stata un'occasione per dissequestrare il dibattito sul tema, mettendo al corrente la città sullo stato di un'opera che ne condiziona le sorti oramai da più di vent'anni.

Per questo ho dedicato il mio intervento in aula ad aspetti squisitamente politici della vicenda, tralasciando le vicende giudiziarie che ritengo debbano essere discusse in altra sede. Così per l'ennesima volta registriamo un rallentamento dei lavori nella realizzazione di un'infrastruttura concepita nel lontano 2002, in un contesto geopolitico ed economico completamente diverso da quello attuale e che rischia una volta completata di nascere già obsoleta. A ciò si aggiunga che ad oggi non ne conosciamo le prospettive di crescita e la ragion d'essere sul piano commerciale. Come forza di opposizione negli anni abbiamo sempre avuto un atteggiamento critico nei confronti del grande porto, ma alle critiche legittime, una volta iniziati i lavori, abbiamo affiancato delle proposte di sviluppo e modifica dell'opera.

Lo abbiamo fatto nel 2017 mettendo attorno ad un tavolo alcuni importanti attori economici locali e un accademico esperto di trasporto intermodale, con l'intento di ripensare e modernizzare l'opera, assolvendo un compito che doveva invece essere svolto dall'ente comunale. Siamo ad oggi ancora in attesa di capire quali merci verranno movimentate nel porto di Molfetta, quali rotte permetteranno i tanto decantati benefici economici e le ricadute sulla città.

E non bastano le parole del sindaco, che dice di aver presentato un business plan al Consiglio Superiore dei Lavori pubblici, la città deve essere ragguagliata in merito, perché si tratta di un'opera pubblica, finanziata con i soldi di tutti, sottratti ad altri servizi. Né può bastare la proposta progettuale del terminal e la volontà di un privato nel finanziarne la realizzazione a legittimare l'esistenza del porto, in una folle corsa al cantiere più costoso e più impattante senza alcuna strategia concreta alle spalle.

Dopodiché assolutamente lunare è stata la dichiarazione del primo cittadino che ha annunciato l'avvenuto completamento dei lavori del porto. Mi chiedo come possa considerarsi completato e fruibile il porto commerciale, se per stessa ammissione del Sindaco il dragaggio dei fondali previsto dal PRP è ancora in alto mare, se l'opera di sminamento è ancora in corso (ad oggi ben 60000 bombe sono state rimosse!) e se ancora non è stata messa la prima pietra sul versante dei servizi portuali?

E ancora, come si fa dichiarare ciò, con un'indagine ancora in corso riguardante 40000 tonnellate di materiale non conforme utilizzato per costruire la principale opera di messa in sicurezza del porto, ovvero il molo di sopraflutto? Questo senza dimenticare gli impatti ambientali, tutti da valutare, di uno scenario di questo tipo. Insomma ancora una volta il Sindaco dimostra di essere affetto da annuncite grave, mentre i problemi della città languono irrisolti.

Per questo, come collettivo Rifondazione comunista/Compagni di strada/Più di così non ci associamo alla schiera di quanti credono acriticamente e religiosamente che il porto possa essere la panacea del sottosviluppo strutturale della nostra città, né ci stancheremo di chiedere chiarezza e lungimiranza affinché quest'opera non diventi l'ennesima occasione buttata al vento per l'incapacità di una classe politica megalomane e sganciata dai bisogni reali delle persone.
  • Giovanni Infante
Altri contenuti a tema
Infante: «Iniziati i lavori a Lama Martina. Dubbi sul risultato finale» Infante: «Iniziati i lavori a Lama Martina. Dubbi sul risultato finale» Il consigliere comunale: «Un polmone verde non può diventare un parco urbano»
Infante: «Su capodanno nessuno dell'amministrazione si è assunto le proprie reponsabilità» Infante: «Su capodanno nessuno dell'amministrazione si è assunto le proprie reponsabilità» Il consigliere comunale: «Ho ritenuto necessario proporre la mozione di sfiducia per l'assessore Roselli»
Infante: «Rimozione amianto dal PalaFiorentini. Zero risposte dal Comune» Infante: «Rimozione amianto dal PalaFiorentini. Zero risposte dal Comune» Il consigliere comunale: «Continuerò a fare battaglia su questo tema e non solo»
Infante: «La copertura del PalaFiorentini è sempre più compromessa» Infante: «La copertura del PalaFiorentini è sempre più compromessa» Il consigliere comunale: «Vane, fin qui, le promesse dell'amministrazione»
Infante: «Ospedale di Molfetta senza reagenti per alcuni esami fondamentali» Infante: «Ospedale di Molfetta senza reagenti per alcuni esami fondamentali» Il consigliere comunale: «Serve calendarizzare un Consiglio comunale anche sul nostro nosocomio»
Infante: «Sono passati più di 7 mesi dalla petizione per rimuovere l'amianto dal PalaFiorentini» Infante: «Sono passati più di 7 mesi dalla petizione per rimuovere l'amianto dal PalaFiorentini» Il consigliere comunale ha presentato un'interpellanza per conoscere il motivo del ritardo nei lavori
Infante: «A Molfetta stato pessimo del verde pubblico» Infante: «A Molfetta stato pessimo del verde pubblico» Il consigliere comunale: «Non basta aver recuperato il parco Baden Powell»
Infante: «Piazza Cappuccini, altro "capolavoro" di questa amministrazione» Infante: «Piazza Cappuccini, altro "capolavoro" di questa amministrazione» Il consigliere comunale: «Opera appaltata nel lontano 2020 e ancora incompiuta»
© 2001-2024 MolfettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
MolfettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.