Un'aula del Tribunale
Un'aula del Tribunale
Cronaca

Inchiesta "All Black": chiesto il processo per un 41enne di Molfetta

Si terrà il 14 giugno l’udienza per discutere il rinvio a giudizio scaturito dall’operazione che portò a 13 arresti

C'è anche un 41enne di Molfetta fra le persone coinvolte nell'indagine "All Black" svolta dalla Procura della Repubblica di Lecce su un presunto traffico illecito di rifiuti dalla terra dei fuochi al Salento con 600 tonnellate di spazzatura che sarebbero state stoccate tra Lecce e il tarantino, per poi essere bruciate o interrate.

Complessivamente sono 44 gli indagati, residenti per l'intero stivale italiano, per i quali il pubblico ministero della Direzione Distrettuale Antimafia di Lecce, Milto Stefano De Nozza, che ha seguito le indagini da ben 3 anni assieme ai Carabinieri del Nucleo Operativo Ecologico e alla Guardia di Finanza di Taranto, ha chiesto il processo per tutti. Tra gli accusati, oltre al 41enne di Molfetta, vi sono anche un 60enne di Modugno, un 39enne di Capurso e un 37enne di Castellana Grotte.

L'indagine fu avviata nel 2018. Nel mirino finirono un gruppo di persone, tra Taranto ed il Salento: queste avrebbero creato ad hoc delle società, fittizie così come fittizie erano le autorizzazioni in loro possesso. Le ditte, dotate di portali online, offrivano servizi di smaltimento di rifiuti tramite un'altra società piemontese che avrebbe funto da intermediatrice. Furono 28 i conferimenti illeciti accertati: si trattò di 600 tonnellate, di cui 142 di rifiuti pericolosi, tra fanghi, gomme e fanghi.

Scarti che, una volta giunti a destinazione, venivano poi stoccati in capannone e dati alle fiamme. In altri casi, invece, sotterrati tra terreni e cave del territorio. Ora per i 44 indagati, nessuno escluso, è stato chiesto il rinvio a giudizio. Si attende per il prossimo 14 giugno l'udienza preliminare in cui verrà discussa la richiesta.
  • Rifiuti Molfetta
Altri contenuti a tema
Fototrappole per scovare gli incivili: 130 multe in 4 mesi Fototrappole per scovare gli incivili: 130 multe in 4 mesi 15 i dispositivi della Polizia Provinciale: gli sporcaccioni immortalati sono stati identificati
Campagne trasformate in discariche: l'allarme di Coldiretti Puglia Campagne trasformate in discariche: l'allarme di Coldiretti Puglia Chiesto il potenziamento del controllo sul territorio da parte della Polizia Locale
Vernici, plastica e ossa di animali: discarica abusiva a Serra Nicola Vernici, plastica e ossa di animali: discarica abusiva a Serra Nicola La scoperta delle Guardie Ecozoofile Protezione Ambientale a ridosso della strada statale 16 bis
Nel 2020 nuovo impianto per i rifiuti a Molfetta. Già inserito in un piano regionale Nel 2020 nuovo impianto per i rifiuti a Molfetta. Già inserito in un piano regionale L'opera è già nell'elenco delle opere pubbliche da realizzare nel 2020
Pezzi di auto rinvenuti a pochi metri dalla strada statale 16 bis Pezzi di auto rinvenuti a pochi metri dalla strada statale 16 bis A scoprirli, nel corso della quotidiana attività di controllo, le Guardie Ecozoofile Protezione Ambientale
Plastica, eternit, anche un motocarro a tre ruote. Scoperta una nuova discarica abusiva Plastica, eternit, anche un motocarro a tre ruote. Scoperta una nuova discarica abusiva Scoperto dalle Guardie Ecozoofile Protezione Ambientale un sito, in località San Pancrazio, in cui si trovano rifiuti di ogni tipo
L'arenile di Molfetta ridotto a discarica: 3 denunciati. Elevati anche 5 verbali L'arenile di Molfetta ridotto a discarica: 3 denunciati. Elevati anche 5 verbali L'attività, tra cala San Giacomo e Torre Calderina, porta la firma della Guardia Costiera, le cui telecamere hanno incastrato coloro che scaricavano i rifiuti
Via Corato 6 mesi dopo, i tappeti dei campi sportivi sono ancora lì Via Corato 6 mesi dopo, i tappeti dei campi sportivi sono ancora lì A dicembre scorso, le Guardie Ecozoofile Protezione Ambientale avevano segnalato la loro presenza
© 2001-2022 MolfettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
MolfettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.