Agricoltura
Agricoltura

Il peso del Covid anche sulle aziende agricole pugliesi: in crisi una su cinque

Lo stop alla ristorazione sta mettendo in difficoltà anche questo settore

Su quasi una azienda agricola su cinque (18%) pesa la riduzione della domanda di prodotti provocata soprattutto dal crollo del turismo e dal taglio degli acquisti da parte dei 20mila bar, ristoranti e pizzerie costretti alla chiusura in Puglia. Questo è quanto emerge dall'analisi della Coldiretti sui dati Istat relativi al periodo compreso tra il 2020 e il 2021.

"Per noi è importante aver ottenuto il taglio del costo del lavoro, ma occorre rafforzare le misure di sostegno all'agricoltura nei settori che hanno avuto perdite più rilevanti come quello dell'allevamento, dell'agriturismo, del vino e del florovivaismo ma anche promuovere l'economia circolare a favore del biogas" afferma Savino Muraglia, presidente di Coldiretti Puglia. La Coldiretti ha chiesto anche la proroga della sospensione delle rate di mutui bancari ed ha formulato al Ministero delle Politiche Agricole una proposta per il riparto del fondo filiere, a favore dei settori più danneggiati.

Tra le preoccupazioni – sottolinea la Coldiretti regionale - emerge anche l'impatto dell'aumento dei costi di produzione (7,5%) che riguarda le materie prime, dai prodotti energetici agli alimenti per il bestiame, mentre il 6,9% segnala la mancanza di liquidità per fare fronte alle spese correnti. Uno scenario preoccupate con il 9,5% delle aziende agricole che ritiene che non sia possibile tornare alla situazione antecedente all'emergenza Covid.

"Nonostante le difficoltà durante la pandemia – precisa Coldiretti Puglia - più di quattro aziende agricole su dieci (40,8%) non hanno ricevuto secondo l'Istat alcun tipo di sostegno economico statale, europeo o altre forme di aiuto. Le aziende agricole – continua - non hanno comunque mai smesso di lavorare per garantire la continuità delle forniture alimentari sugli scaffali di negozi e supermercati e consentire quindi alle famiglie di fare la spesa, con quasi 100mila aziende agricole e stalle che garantiscono l'approvvigionamento alimentare in Puglia con responsabilità e dedizione, oltre all'impegno per la tutela del paesaggio, lo sviluppo economico del Paese, la sicurezza e la salute delle persone attraverso la produzione di cibo".

"Stiamo vivendo una situazione emergenziale straordinaria sia sul fronte sanitario che economico – insiste il presidente Muraglia - con l'intera filiera alimentare impegnata in prima linea a garantire il cibo necessario alle famiglie pugliesi, uno sforzo importante anche di responsabilità che rende merito ad un sistema agricolo e agroalimentare evidentemente robusto che sta tenendo testa con fatica alla crisi, ma che va supportato con adeguate misure di sostegno e incentivanti".

L'agroalimentare può offrire 100mila posti di lavoro green entro i prossimi 10 anni in Puglia con una decisa svolta dell'agricoltura - conclude Coldiretti Puglia - verso la rivoluzione verde, la transizione ecologica e il digitale, ma anche un nuovo welfare in campagna, come previsto dal Piano nazionale di ripresa e resilienza Next Generation Italia, con l'opportunità storica del Recovery Plan per cui Coldiretti ha elaborato e proposto per tempo progetti concreti immediatamente cantierabili.
  • Coronavirus
Altri contenuti a tema
L'Associazione Nazionale Bande da Giro studia un protocollo per la ripartenza post Covid L'Associazione Nazionale Bande da Giro studia un protocollo per la ripartenza post Covid Il presidente Benedetto Grillo: «C'è voglia di recuperare il tempo perduto»
Il Comune di Molfetta autorizza la riapertura di "altre attività paramediche indipendenti" nei centri estetici Il Comune di Molfetta autorizza la riapertura di "altre attività paramediche indipendenti" nei centri estetici Accolte dal sindaco le istanze: sì a idroterapia, massaggi curativi, chiropodia e chiroterapia
Covid, anche oggi in Puglia i guariti superano i nuovi contagi: il bollettino Covid, anche oggi in Puglia i guariti superano i nuovi contagi: il bollettino Nelle ultime 24 ore 1.180 casi e 24 decessi
Dipendenti positivi al Covid: chiusi nel pomeriggio gli uffici di Lama Scotella Dipendenti positivi al Covid: chiusi nel pomeriggio gli uffici di Lama Scotella Oggi la sanificazione. Domani sede comunale regolarmente aperta
Emiliano scrive a Speranza: «Si valutino riaperture dal 26 in Puglia. Tensione sociale crescente» Emiliano scrive a Speranza: «Si valutino riaperture dal 26 in Puglia. Tensione sociale crescente» Il presidente della Regione scrive al ministro della Salute
Covid, la Puglia seconda in Italia per occupazione di ricoveri (50%) e terapie intensive (49%) Covid, la Puglia seconda in Italia per occupazione di ricoveri (50%) e terapie intensive (49%) Nella giornata di ieri un lieve calo dei posti letto occupati
Covid, la Puglia resterà zona rossa fino al 30 aprile. C'è l'ordinanza Covid, la Puglia resterà zona rossa fino al 30 aprile. C'è l'ordinanza Il documento però precisa: «Salvo una nuova classificazione»
Medici USCA in campo anche a Molfetta per le cure in casa dei positivi al Covid Medici USCA in campo anche a Molfetta per le cure in casa dei positivi al Covid Unità mediche dotate di un nuovo kit dalla Asl Bari
© 2001-2021 MolfettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
MolfettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.