I Carabinieri
I Carabinieri
Cronaca

Guerriglia urbana a Capodanno: ecco la risposta dello Stato, 5 arresti. I NOMI

Sono di Molfetta e hanno un'età tra i 21 e i 26 anni: sarebbero loro i responsabili degli atti vandalici di piazza Vittorio Emanuele

È arrivata la risposta dello Stato dopo la guerriglia urbana dell'ultimo Capodanno a Molfetta: il 21enne Daniele De Pinto, i 22enni Felice Allegretta e Massimiliano Squeo, il 23enne Stefano Cormio e il 26enne Antonio Gigante sono finiti in manette per le scene di devastazione e paura avvenute in piazza Vittorio Emanuele.

I Carabinieri della locale Compagnia hanno eseguito un'ordinanza cautelare da parte del giudice per le indagini preliminari del Tribunale di Trani, Ivan Barlafante, su richiesta del sostituto procuratore della Procura della Repubblica di Trani, Marco Gambardella, nei confronti dei cinque molfettesi, tutti residenti in città, verso i quali «sono emersi gravi indizi di colpevolezza in relazione ai vari episodi di guerriglia urbana attuati in occasione dei festeggiamenti per il Capodanno 2024».

Secondo gli atti dell'inchiesta, i cinque, «in concorso e previo accordo tra loro, unitamente» a tre minorenni «ed a numerosi altri soggetti non identificati, al fine di suscitare tumulto o pubblico disordine, facevano esplodere lungo la pubblica via numerosi ordigni artigianali di rilevante intensità, esplosi nei pressi delle private abitazioni e utilizzati per danneggiare» una Renault Clio, «dapprima ribaltandola e poi facendo esplodere sulla stessa numerosi ordigni esplosivi», ed una Audi.

Le scene, immortalate in alcuni video registrati dai giovani presenti e diventate virali sui social network, sono state trasmesse dalle maggiori testate nazionali. Le stesse ritraevano un gruppo di vandali che, «approfittando dei festeggiamenti, si rendevano responsabili di gravi condotte, seminando il panico tra le vie cittadine, capovolgendo e vandalizzando anche un'auto in sosta (la Renault Clio), colpita dal lancio di numerosi petardi ed ordigni artigianali nel tentativo di incendiarla».

Momenti di grande tensione durante i quali «l'euforia per i festeggiamenti ha lasciato il passo ad azioni criminali incontrollate da parte di un manipolo di soggetti che, senza remora, avevano ripreso le loro gesta, compiacendosene mentre le divulgavano sui social». Le indagini dei militari del capitano Danilo Landolfi, fra la disamina dei vari filmati registrati dagli impianti di video-sorveglianza e dall'analisi degli stessi video circolati sul web, hanno consentito di chiudere il cerchio.

Un'indagine lampo, a quindici giorni da quei fatti, ha consentito di arrestare i cinque maggiorenni della devastazione di piazza Vittorio Emanuele: a loro, (quattro finiti in carcere, uno ai domiciliari), è stato contestato il reato di pubblica intimidazione con uso di ordigni e materiale esplodente, introdotto dal decreto Caivano.

Custodia cautelare in carcere:

  1. Allegretta Felice, nato a Molfetta il 21/02/2001, ivi residente;
  2. De Pinto Daniele, nato a Molfetta il 06/05/2002, ivi residente;
  3. Gigante Antonio, nato a Terlizzi il 27/06/1997, residente a Molfetta;
  4. Squeo Massimiliano, nato a Bisceglie il 26/09/2001, residente a Molfetta.

Custodia cautelare agli arresti domiciliari:

  1. Cormio Stefano, nato a Molfetta il 12/12/2000, ivi residente.
  • Arresti Molfetta
  • Arresti Carabinieri
Altri contenuti a tema
Guerriglia di Capodanno, la Gip sui minori: «Spiccata pericolosità sociale» Guerriglia di Capodanno, la Gip sui minori: «Spiccata pericolosità sociale» Secondo il magistrato «il grave rischio di una facile recidiva può cogliersi nelle modalità concrete con cui i giovani hanno agito»
Guerriglia di Capodanno: tre minorenni affidati a comunità rieducative Guerriglia di Capodanno: tre minorenni affidati a comunità rieducative Un 14enne, un 16enne e un 17enne sono stati destinati alle strutture su disposizione del Tribunale per i Minorenni di Bari
Guerriglia di Capodanno: l'obiettivo «era quello di appropriarsi della piazza» Guerriglia di Capodanno: l'obiettivo «era quello di appropriarsi della piazza» Per il gip Barlafante la volontà era quella di «attentare alla sicurezza pubblica», ma soprattutto «di incutere timore»
Furti in appartamento e ricettazione: 8 arresti. Due colpi a Molfetta Furti in appartamento e ricettazione: 8 arresti. Due colpi a Molfetta I raid, solo tentati, risalgono al 2021. Al vertice dell’organizzazione c'era, per l’accusa, Giovanni Cassano, fratellastro di Antonio
5 Capodanno violento a Molfetta, ma le vittime non hanno denunciato per paura Capodanno violento a Molfetta, ma le vittime non hanno denunciato per paura Lo sottolinea il giudice Barlafante nell'ordinanza: nessuna querela, «verosimilmente per il timore di possibili ritorsioni»
Arresti a Molfetta, ieri gli interrogatori. C'è chi ha risposto alle domande Arresti a Molfetta, ieri gli interrogatori. C'è chi ha risposto alle domande Si sono svolti ieri tra il carcere di Trani e Molfetta: gli avvocati proveranno a mettere in discussione la qualità delle immagini
13 «Identificati grazie a telecamere e social». Le parole del capitano Landolfi «Identificati grazie a telecamere e social». Le parole del capitano Landolfi I cinque indagati sono stati ripresi dai video, da loro stesso postati e divenuti virali. Oggi si terranno gli interrogatori di garanzia
«Butta le bombe». Le frasi degli indagati nel VIDEO di Capodanno «Butta le bombe». Le frasi degli indagati nel VIDEO di Capodanno Le voci dalla piazza: «Abbiamo provato, ma non prendeva fuoco». Ed ancora: «Ora era buono a tirare un'altra bomba»
© 2001-2024 MolfettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
MolfettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.