Luci su Vieste
Luci su Vieste

Cento luminarie per cento notti a Vieste: l'idea del molfettese Elio Colasanto

La città garganica sarà illuminata fino al 2 ottobre

Un monumento luminoso ha invaso le strade di Vieste con una magia di luce e colori quale potente simbolo di rinascita e speranza, per l'evento "Luci su Vieste" che vede come protagonista assoluta la luminaria, un classico simbolo della tradizione pugliese, reinterpretato da giovani creativi. L'evento è promosso da Rossella Falcone, assessore al turismo del Comune di Vieste e ideato dal molfettese Elio Colasanto, regista teatrale e attore.

L'antichissima cittadina garganica, capitale indiscussa del turismo in Puglia, è stata avvolta da una magia di bagliori nel pieno centro della città. Migliaia di luci sono state installate su ben cento luminarie, storico simbolo dell'arte pugliese, che illuminano le più importanti vie del centro della perla del Sud. Per cento notti, fino al 2 ottobre, le installazioni artistiche illuminano viale XXIV Maggio, corso Fazzini, viale Marinai d'Italia, piazza V. Emanuele II e altri angoli incantevoli del centro storico di Vieste.

Le luminarie, testimonianza secolare dell'artigianalità caratteristica della Puglia, esportate e ammirate in tutto il mondo, protagoniste di importanti manifestazioni pubbliche e, da qualche tempo, ricercatissime per esclusive feste private, tornano ad essere protagoniste delle estati pugliesi in questo evento unico in Italia. "Un evento del genere era impossibile da immaginare fino solo a qualche settimana fa, ma la speranza che tutto potesse ripartire era più forte", commenta con orgoglio Elio Colasanto, direttore creativo di "Luci su Vieste". "Ho fortemente voluto che il tema focale del nostro evento fosse il simbolo delle nostre feste patronali, la luminaria pugliese esportata ovunque nel mondo. Dal momento che tutte le feste patronali sono ferme da ben due anni mi sembrava un messaggio essenziale e doveroso, c'è fermento e tutti abbiamo voglia di ripartire, e la creatività degli artisti coinvolti nel progetto è esplosa dando nuova vita ad un classico della tradizione che va valorizzato prima di tutto in patria, visto che all'estero già ammirano e copiano le nostre opere".

Per l'evento "Luci su Vieste" le luminarie sono state ripensate e disegnate da dieci giovani artisti: Maria Paola d'Amato e Claudia Inglese, Letizia Bagnato, Chiara Ventrella, Veronica Condello, Luca Desiderato, Daniela Colasanto e Asia Consueto, Davide Scassillo e Margherita Valente, che ispirandosi a cento nazioni nel mondo colpite dal Covid hanno ridisegnato e reinterpretato secondo lo stile, l'estro e l'esperienza di ognuno, uno dei simboli più importanti e riconosciuti dell'arte pugliese che rinasce in una nuova veste. Infine, ma non ultimo, un nome di particolare lustro: Matthew Watkins, artista anglo-canadese che ha disegnato la luminaria più grande di tutte, definita dallo stesso artista ''UncontainableArt'', arte senza confini. Poter tornare a credere nella bellezza attraverso la condivisione dell'arte, viverla, sprigionare nuove energie positive aiutando l'uomo a superare il disorientamento e le paure, esattamente il cuore del progetto "Luci su Vieste". Ad ispirare i dieci designer bellezze di luoghi, caratteristiche dei popoli, tradizioni e leggende, profumi e odori, ricordi e immaginazione, la magia del viaggio diventa opera d'arte in nome della rinascita.

"Nell'estate della rinascita siamo felici di ospitare l'evento che ha già in sé la caratteristica della luce, simbolo che è bello pensare anche in senso figurato quale segno di speranza, di nuova vita", sottolinea l'assessore il vice sindaco Rossella Falcone. "In questa prima estate di semi normalità abbiamo il piacere di ospitare un evento che per primo in Italia riporta tra le piazze il simbolo per eccellenza del tempo della festa in Puglia, esportato e amato in tutto il mondo. Le feste patronali sono ripartite in tutta Europa ma non Italia e Vieste, da sempre regina del turismo in Puglia, ha creduto in questo progetto che speriamo possa dare impulso anche alle altre città".

La mostra collettiva è anche un concorso, si potrà votare infatti la luminaria preferita, o tutte, collegandosi al sito www.lucisuvieste.com e votare la propria opera preferita e premiare in maniera simbolica tutta l'umanità che ha saputo riprendersi con forza e tenacia da un evento imprevisto ed ha avuto la forza e la voglia di ricominciare. Il più votato si aggiudicherà il premio "Luci su Vieste".
  • luminarie
Altri contenuti a tema
A dicembre Molfetta si illumina per le feste A dicembre Molfetta si illumina per le feste Dieci chilometri di luminarie e punti luminosi nelle piazze
Entro sabato le luminarie nel quartiere Madonna dei Martiri Entro sabato le luminarie nel quartiere Madonna dei Martiri Il Comitato Feste patronali rassicura i residenti del quartiere
Molfetta illumina Hoboken Molfetta illumina Hoboken Nel New Jersey tutto è pronto per The Feast of Madonna dei Martiri
In viaggio le luminarie che Molfetta regala ad Hoboken In viaggio le luminarie che Molfetta regala ad Hoboken Hanno preso il largo sulla scia lasciata dai bastimenti
Presentato negli States il progetto “Illuminiamo la tradizione” Presentato negli States il progetto “Illuminiamo la tradizione” Continua il crowdfunding per sostenere l’iniziativa. Cake Boss prepara la torta
Luminarie in Corso Dante, che figuraccia Luminarie in Corso Dante, che figuraccia Problemi elettrici rovinano la festa. I giochi d'acqua restano accesi per pochi minuti, poi si spengono
Un pezzo di luminarie sarà donato alla comunità molfettese di Hoboken Un pezzo di luminarie sarà donato alla comunità molfettese di Hoboken L’iniziativa, voluta da Oll Muvi (I love Molfetta) è stata accolta dall’amministrazione
© 2001-2021 MolfettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
MolfettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.