La liberazione di una tartaruga
La liberazione di una tartaruga
Cronaca

Gli rubano i suoi strumenti, l’appello di Salvemini: «Aiutatemi»

Il colpo ieri. Un ladro si è introdotto nel suo Citroen Jumpy arraffando bisturi, metal-detectors ed una pinza

Ieri sera un ladro è entrato nel suo Citroen Jumpy e gli ha portato via una borsa di cuoio ed una in carta contenente bisturi e metal-detectors, nonché una pinza e numerose targhette per marcare le tartarughe marine, gli strumenti di Pasquale Salvemini.

Un furto avvenuto nell'area di rifornimento Esso, lungo la strada provinciale 112, da parte di un bandito solitario poi fuggito a bordo di una Mercedes Classe C in direzione Terlizzi. Un'azione portata a termine per sottrarre al dirigente molfettese del WWF Puglia, mentre faceva rifornimento alla pompa di benzina, le proprie attrezzature, che costituiscono per il responsabile del centro di recupero tartarughe marine una fondamentale parte della propria attività.

Disperato, quindi, dopo aver presentato denuncia ai Carabinieri della Stazione di Molfetta, che nelle prossime ore visioneranno le immagini delle telecamere di videosorveglianza nella speranza di risalire quanto prima all'autore del furto, e aver allertato la Polizia Locale e le Guardie Campestri, adesso lancia un appello: «Ciò che mi è stato rubato non ha valore, il ladro difficilmente riuscirà a rivenderlo».

«Chiedo quindi a chi me li ha rubati - prosegue ancora Salvemini - di farmeli riavere in qualche modo, oppure se qualcuno dovesse trovarli abbandonati nell'agro molfettese prego di avvisare i Carabinieri della Compagnia, la Polizia Locale o le Guardie Campestri». L'animalista molfettese, per colpa di questo furto, rischia infatti di compromettere la propria attività: «Mi sono sentito ferito, violentato nell'intimo», confessa.

«Non pensavo di poter provare un dolore così intenso, senza quegli strumenti non posso più operare - continua -. La pinza, ad esempio, viene prodotta da una società americana e, anche a causa delle ferie estive, andrà via davvero parecchio tempo prima ottenerne una nuova».
  • pasquale salvemini
  • Furti Molfetta
  • Carabinieri Molfetta
  • WWF Puglia
  • Centro recupero tartarughe marine Molfetta
Altri contenuti a tema
Furti in appartamento, indagini a una svolta? Furti in appartamento, indagini a una svolta? I Carabinieri potrebbero aver ottenuto risultati dopo alcuni colpi messi a segno a Molfetta
Arrestato per una rapina del 2015: deve scontare oltre 4 anni Arrestato per una rapina del 2015: deve scontare oltre 4 anni L'uomo, di 34 anni, consentì l'ingresso di due suoi complici in un compro-oro. Trasferito in carcere
Oltre 100 mila euro per il centro recupero tartarughe marine di Molfetta Oltre 100 mila euro per il centro recupero tartarughe marine di Molfetta Serviranno a rendere funzionale l'ex casa del custode al "Vespucci"
1 Lite in famiglia e colpo di pistola, per fortuna nessun ferito Lite in famiglia e colpo di pistola, per fortuna nessun ferito Una lite sarebbe degenerata e, uno dei due contendenti, ha fatto partire il colpo da un'arma
1 Colpo d'arma da fuoco in pieno giorno: nessun ferito Colpo d'arma da fuoco in pieno giorno: nessun ferito L'episodio in via don Piacente, sul posto i Carabinieri. La scena potrebbe essere stata ripresa dalle telecamere
Tartaruga d'acqua dolce gettata in mare: salvata dal WWF Puglia Tartaruga d'acqua dolce gettata in mare: salvata dal WWF Puglia L'animale, che non è adatto a vivere in acque salate, vagava in preda al panico
1 Stuprata dal branco a 14 anni. Condannati anche tre minorenni Stuprata dal branco a 14 anni. Condannati anche tre minorenni I fatti accaddero nell'aprile del 2012 nell'anfiteatro di Ponente: stralciata la posizione di un quarto ragazzo
Anche con la borsa schermata i ladri non sfuggono a Sicuritalia Anche con la borsa schermata i ladri non sfuggono a Sicuritalia Dopo aver colpito nel Nike Factory Store, un malvivente è stato messo in fuga
© 2001-2018 MolfettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
MolfettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.