I rilievi dei Carabinieri
I rilievi dei Carabinieri
Cronaca

Furti in appartamento, indagini a una svolta?

I Carabinieri potrebbero aver ottenuto risultati dopo alcuni colpi messi a segno a Molfetta

Sono arrivate probabilmente ad una svolta le indagini sui furti in appartamento, quelli tentati e quelli portati a termine, a Molfetta, nella zona che va dalla chiesa San Domenico a piazza Paradiso.

I Carabinieri della locale Compagnia, agli ordini del capitano Vito Ingrosso, hanno stretto il cerchio intorno ai presunti componenti della banda che imperversa in città. L'ultimo episodio qualche sera fa, in via Santo Stefano, il penultimo in via Annunziata. Ed anche se si cerca di non creare allarmismi c'è chi ha cominciato a preoccuparsi e la notizia è finita ben presto sulla bocca di tutti.

La tensione, nella piazza virtuale dei social network, è andata crescendo negli ultimi giorni, mentre gli abitanti hanno persino pensato ad una sorta di autotutela. Anche i militari dell'Arma hanno intensificato la loro presenza. Sono state sentite molte persone, visionate immagini registrate dagli impianti di videosorveglianza e raccolti elementi che probabilmente sono tornati utili nell'economia delle indagini.

Anche in terra di Bari, l'industria dei furti in appartamento appartiene alle mafie straniere, che gestiscono ladri dappertutto. Ed a contendersi il territorio sembra ci siano proprio bande organizzate provenienti dall'est Europa, in particolar modo dalla Georgia. Nelle prossime ore, ad ogni modo, si attendono sviluppi.
  • Furti Molfetta
  • Carabinieri Molfetta
Altri contenuti a tema
Banchina San Domenico, aggressione con coltello: ferito un 19enne Banchina San Domenico, aggressione con coltello: ferito un 19enne I Carabinieri indagano su quanto accaduto ieri sera: il ragazzo è finito al pronto soccorso del don Tonino Bello
1 Stalking, la perseguita e danneggia la sua auto: preso grazie al "Codice Rosso" Stalking, la perseguita e danneggia la sua auto: preso grazie al "Codice Rosso" L'uomo, un noto professionista, è stato fermato dai Carabinieri: non potrà più avvicinarsi alla vittima. È il primo caso a Molfetta
Rubano cavi di rame da un'azienda della zona Asi: arrestati 4 rumeni Rubano cavi di rame da un'azienda della zona Asi: arrestati 4 rumeni I quattro sono stati intercettati perché stavano cambiando una ruota alla loro auto, dopo aver rubato quella di scorta da un altro veicolo
Il ministro Lamorgese ai Prefetti: «Più vigilanza nelle aree di spaccio» Il ministro Lamorgese ai Prefetti: «Più vigilanza nelle aree di spaccio» Il giro di vite disposto da una circolare del Viminale inviata alle 103 Prefetture italiane
Farmaci a ruba anche nell'ospedale di Molfetta: un affare per la criminalità? Farmaci a ruba anche nell'ospedale di Molfetta: un affare per la criminalità? Casi in aumento, ma mai nessun arresto. Le medicine destinate ai pazienti italiani rubate e vendute oltre i confini
Operazione "Ghostbusters", svolti gli interrogatori: presentate due istanze di scarcerazione Operazione "Ghostbusters", svolti gli interrogatori: presentate due istanze di scarcerazione Attesa la decisione del gip di Trani sul caso dei due molfettesi, zio e nipote, che provvedevano a ricettare sul mercato nero la merce rubata
«Erano i ricettatori della banda dei furti». In manette zio e nipote di Molfetta «Erano i ricettatori della banda dei furti». In manette zio e nipote di Molfetta 14 i fermati dai Carabinieri, fra cui Francesco Grosso e suo nipote Peter De Bari. 12 gli arrestati, i colpi anche a Molfetta
1 Banda dei furti in casa, 12 arresti. Anche uno zio e un nipote di Molfetta Banda dei furti in casa, 12 arresti. Anche uno zio e un nipote di Molfetta 9 ordinanze in carcere, 3 ai domiciliari: eseguiti anche 2 obblighi di dimora
© 2001-2019 MolfettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
MolfettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.