La porta forzata della sede dell'Anmil
La porta forzata della sede dell'Anmil
Cronaca

Forzano l'ingresso e devastano la sede dell'Anmil: danni ingenti

Presa di mira l'associazione di via Marconi: sull'episodio indagano i Carabinieri

Danni alla struttura, ma nessun furto: brutta sorpresa per i soci dell'Associazione Nazionale fra lavoratori Mutilati e Invalidi del Lavoro nel prendere atto, questa mattina, dell'irruzione da parte di ignoti malintenzionati. Significativi i danni all'interno della sede che sorge in via Marconi.

I ladri si sono introdotti nottetempo forzando la porta d'ingresso esterna e successivamente quella interna, per poi - non trovando nulla di interessante da rubare - mettere a soqquadro gli uffici e abbandonarsi infine al completo danneggiamento della sede. Un gesto vile, ancora più grave in questo periodo di emergenza, perpetrato nei confronti di una associazione che assiste e tutela la categoria dei lavoratori mutilati e invalidi del lavoro da oltre 75 anni.

Un'associazione che promuove iniziative tese a migliorare la legislazione in materia di infortuni sul lavoro e di reinserimento lavorativo, offrendo numerosi servizi di sostegno personalizzati in campo previdenziale e assistenziale. Inoltre è impegnata a sensibilizzare l'opinione pubblica su vari temi, con particolare riferimento alla prevenzione degli infortuni e alle politiche per la sicurezza. L'episodio, stamane, è stato regolarmente denunciato ai Carabinieri.

Elementi importanti per il prosieguo delle indagini potrebbero arrivare dall'analisi delle telecamere presenti in zona. I militari della locale Stazione sperano che in quei filmati sia stato ripreso chi ha forzato le due porte d'ingresso e successivamente danneggiato la sede dell'Anmil.
  • Furti Molfetta
Altri contenuti a tema
3 Una scarica di botte al Queens. Aggrediti per un panettone Una scarica di botte al Queens. Aggrediti per un panettone Titolare e dipendenti picchiati selvaggiamente da due uomini: serrate indagini dei Carabinieri
Rubano olive, ma un agricoltore li vede e chiama il 112: arrestati Rubano olive, ma un agricoltore li vede e chiama il 112: arrestati Furto sventato, nel giorno dell'Immacolata, catturati tre ladri di 20, 24 e 48 anni. Recuperata la refurtiva: 5 quintali
Molfetta in agricoltura: furti in campagna, la risposta del Consorzio Molfetta in agricoltura: furti in campagna, la risposta del Consorzio Olive nel mirino, gli agricoltori chiedono aiuto. Forze dell'ordine al lavoro, ma molti preferiscono non denunciare
Da anni scippava anziani, colpi anche a Molfetta: arrestato un 51enne Da anni scippava anziani, colpi anche a Molfetta: arrestato un 51enne L'uomo, di Barletta, è stato fermato all'alba dai Carabinieri: a lui vengono attribuiti almeno 12 scippi e rapine
Ai domiciliari i due molfettesi accusati del tentato furto al Twenty Two Ai domiciliari i due molfettesi accusati del tentato furto al Twenty Two Oggi si è svolto il processo per direttissima: i due sono accusati di tentato furto aggravato, oltraggio e resistenza a pubblico ufficiale
Di notte in caffetteria, cliente chiama il 112. Due in arresto Di notte in caffetteria, cliente chiama il 112. Due in arresto Un 18enne ed un 20enne sono stati sorpresi dai Carabinieri a forzare la porta del Twenty Two
Rubò attrezzi agricoli, riconosciuto dai Carabinieri: arrestato un 54enne Rubò attrezzi agricoli, riconosciuto dai Carabinieri: arrestato un 54enne L'uomo, di Terlizzi, è finito in carcere: prima il furto di un'auto a Bisceglie, poi il raid a Molfetta. Recuperata la refurtiva
Scatta l'antifurto nebbiogeno: intervengono i Vigili del Fuoco Scatta l'antifurto nebbiogeno: intervengono i Vigili del Fuoco L'episodio alle ore 02.00, quando il gas ha invaso l'agenzia Izi Play. Indagini in corso
© 2001-2021 MolfettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
MolfettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.