Coralli
Coralli
Territorio e Ambiente

Febbre da “corallo” a Molfetta, tra biodiversità e il possibile ritorno turistico

Si valutano progetti per salvaguardare e valorizzare il prezioso fondale

Nonostante la grande rilevanza data alla notizia della scoperta (qui nel dettaglio) di coralligeni a Molfetta e nonostante l'importante pubblicazione del Dipartimento di Biologia dell'Università di Bari circa le rilevazioni fatte a Monopoli, gli esperti del settore continuano a minimizzare e ad affermare che tutto ciò era noto da molto tempo. E' di questo parere anche il dott. Gaetano Matrofilippo, molfettese e ricercatore del Dipartimento di Biologia Marina dell'Università di Napoli: «Non possiamo certamente parlare di scoperta eccezionale – ha commentato – ma tuttavia tale interesse potrebbe servire per spostare magari l'attenzione sul modo più idoneo di preservare tali biodiversità, messe continuamente a rischio dai comportamenti umani». Dunque se da un lato l'uomo è così affascinato da tali microrganismi, dovrebbe essere a sua volta interessato alla sua conservazione: «E' esattamente così – ha proseguito – in quanto molto spesso si tende a distruggere quanto madre natura crea in modo favoloso. Ben vengano le proposte di creare una nuova area marina protetta». In Puglia le aree marine protette sono al momento tre: quella di Torre Guaceto, delle Isole Tremiti e quella di Porto Cesareo. «Creare nuove aree marine protette – ha concluso il ricercatore – permetterebbe, al contrario di quanto si possa pensare, anche alla piccola pesca di svilupparsi, rendendo le acque più ricche di specie marine».

Intanto l'interesse suscitato dalle foto, realizzate soltanto qualche giorno fa da Daniele Marzella del Nucleo Sub Molfetta con una semplice go-pro a 11 metri di profondità, ha mosso qualcosa in città. Sarebbero già due le strutture ricettive di Molfetta ad aver ricevuto negli ultimi giorni quasi inaspettate prenotazioni nel mese di giugno da parte di un'associazione di Genova dedita ad immersioni subacquee: «In realtà mi sono trovato dinanzi a domande inaspettate – ha commentato il proprietario di uno dei b&b della città – in quanto mi ero letteralmente perso la notizia della scoperta di questi coralli. Inizialmente ho addirittura pensato che si fossero sbagliati o che avessero letto tipiche fake news da web. Da cittadino molfettese quello che si sta sviluppando intorno a questa scoperta non può che riempirmi di gioia, visto il disprezzo manifestato anche dai nostri stessi concittadini nei confronti del nostro mare».
  • mare
Altri contenuti a tema
Molfetta, premiati i pescatori locali per il progetto "Fishing for litter" Molfetta, premiati i pescatori locali per il progetto "Fishing for litter" Iniziativa legata alla raccolta differenziata dei rifiuti presenti nel nostro mare
Ferragosto a Molfetta, tu cosa fai? Ferragosto a Molfetta, tu cosa fai? Il tempo incerto ha rimescolato i programmi dei molfettesi. La campagna vince la sfida quest'anno
1 Dopo cento anni chiude la dogana a Molfetta Dopo cento anni chiude la dogana a Molfetta Restano operative quelle a Gallipoli e Otranto
1 Quello non è più il mio lido Quello non è più il mio lido Era l’estate del 1996, avevo 20 anni, capelli lunghi ondulati, e un mucchio di sogni nel cassetto.
Concorso "A.A. Mezzina" settima edizione Concorso "A.A. Mezzina" settima edizione Il tema scelto: “Il Mediterraneo”
"Il Mare racconta. Storie ed esperienze per tutti i sensi" approda a Molfetta "Il Mare racconta. Storie ed esperienze per tutti i sensi" approda a Molfetta A partire dalle 11, domani, corso Umberto si trasforma
Tra mare e campagna, il Ferragosto molfettese Tra mare e campagna, il Ferragosto molfettese In campagna alle prese con la "fornacella" o al mare il molfettese sa quasi sempre cosa fare
Avverte un malore in mare. E muore Avverte un malore in mare. E muore Forse un infarto la causa del decesso
© 2001-2019 MolfettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
MolfettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.