Alberi da frutto fioriti in Puglia
Alberi da frutto fioriti in Puglia

Dall'inverno alla primavera in una settimana: Coldiretti lancia l'allarme

Dopo il maltempo weekend soleggiato. Ma nei prossimi giorni di nuovo il freddo

L'aumento improvviso delle temperature fino ai 18 gradi in Puglia risveglia la natura con mandorli, peschi e prati fioriti che confermano i cambiamenti climatici in atto con il moltiplicarsi di eventi estremi, dal gelo al caldo improvviso. E' quanto emerge da un monitoraggio della Coldiretti Puglia sugli effetti dell'anticipo di primavera con temperature molto più alte della norma per l'arrivo dell'anticiclone di matrice sub-tropicale per tutta la prossima settimana.
"E' una finta primavera in Puglia, un fenomeno che ormai si ripete ogni anno, con mandorli e peschi fioriti prima del tempo, assoggettati a sbalzi termici improvvisi che spesso causano la perdita dei frutti. Prati e piante mediterranee come il rosmarino in fiore, a pochi giorni da nevicate e gelate intense, la dicono lunga sul clima pazzo che mette a rischio le produzioni agricole. Il rischio è che gli alberi da frutto, impossibilitati a vivere appieno la fase di quiescenza, possano subire un 'risveglio' anticipato, con fioriture anomale registrate già a partire da gennaio. A nulla vale più la programmazione degli orticoltori che in Puglia raccolgono broccoli, cavoli, sedano, prezzemolo, finocchi, cicorie, bietole, che maturano contemporaneamente con un evidente effetto anche sull'offerta", afferma Savino Muraglia, presidente di Coldiretti Puglia.
Con la natura sconvolta a preoccupare è il possibile prossimo ed improvviso abbassamento della temperatura sulle piante in fiore con effetti disastrosi sulla raccolta dei frutti primaverile ed estiva. Se prima della fine dell'inverno - continua la Coldiretti regionale - ci sarà un brusco abbassamento della colonnina di mercurio al sotto dello zero sarà inevitabile una moria di gemme con i raccolti compromessi.
Siamo di fronte in Puglia alle conseguenze dei cambiamenti climatici con una tendenza alla tropicalizzazione e il moltiplicarsi di eventi estremi con una più elevata frequenza di manifestazioni violente, sfasamenti stagionali, precipitazioni brevi e intense, siccità e alluvioni ed il rapido passaggio dal freddo al caldo che ha fatto perdere - insiste la Coldiretti Puglia - oltre 3 miliardi di euro in un decennio, tra cali della produzione agricola nazionale e danni alle strutture e alle infrastrutture nelle campagne.
La tropicalizzazione del clima incide anche sui frequenti fenomeni siccitosi, dove in Puglia le aree a rischio desertificazione sono pari al 57% del territorio regionale - aggiunge Coldiretti Puglia - con le carenze infrastrutturali e le reti colabrodo che contribuiscono a far perdere l'89% della pioggia caduta. Uno spreco inaccettabile per un bene prezioso anche alla luce dei cambiamenti climatici che - continua la Coldiretti regionale - stanno profondamente modificando la distribuzione e l'intensità delle precipitazioni anche sul territorio nazionale.
Servono interventi di manutenzione, risparmio, recupero e riciclaggio delle acque, campagne di informazione ed educazione sull'uso corretto dell'acqua e un piano infrastrutturale per la creazione di invasi che raccolgano tutta l'acqua piovana che va perduta e la distribuiscano quando ce n'è poca. Gli agricoltori - la Coldiretti Puglia- stanno facendo la loro parte con un impegno per la diffusione di sistemi di irrigazione a basso consumo, ma anche ricerca e innovazione per lo sviluppo di coltivazioni a basso fabbisogno idrico.
  • Coldiretti Puglia
Altri contenuti a tema
È stato un Natale con zero sprechi a tavola. L'indagine di Coldiretti È stato un Natale con zero sprechi a tavola. L'indagine di Coldiretti Spesi 1,8 miliardi di Euro. Rispetto al 2019 calo del 31%
«Far west in campagna con furti di olive e mezzi agricoli» «Far west in campagna con furti di olive e mezzi agricoli» Recrudescenza del fenomeno a nord di Bari, l'allarme è di Coldiretti Puglia
Furti di mandorle: l'allarme di Coldiretti Puglia Furti di mandorle: l'allarme di Coldiretti Puglia Gli agricoltori si sono trasformati in vigilantes. Campagna 2020: mandorle poche, ma di straordinaria qualità
Pioggia e grandine, Coldiretti conta i danni nelle campagne di Molfetta Pioggia e grandine, Coldiretti conta i danni nelle campagne di Molfetta Colpite colture all'aperto ma anche nelle serre
Sciami di moscerini Suzukii devastano l'agricoltura: è allarme Sciami di moscerini Suzukii devastano l'agricoltura: è allarme C'è allarme per l'agricoltura della Puglia: invasione di sciami di moscerini Suzukii e cimici asiatiche
Invasione di pappagalli a Molfetta. Interviene Coldiretti Invasione di pappagalli a Molfetta. Interviene Coldiretti L'associazione di categoria attribuisce il fenomeno alla «tropicalizzazione del clima. Si sono adattati all'habitat pugliese»
Maltempo, continua la primavera maledetta» nelle campagne di Molfetta Maltempo, continua la primavera maledetta» nelle campagne di Molfetta Coldiretti stima oltre 2 milioni di danni in tutta la Regione
Maltempo, le campagne di Molfetta in ginocchio. La denuncia di Coldiretti Maltempo, le campagne di Molfetta in ginocchio. La denuncia di Coldiretti Monitoraggio in corso: danni a strutture e colture
© 2001-2021 MolfettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
MolfettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.