Giusy Tangari
Giusy Tangari

Da Molfetta a Milano per lavorare con Dolce & Gabbana: il sogno di Giusy Tangari

La molfettese si è diplomata nel settore moda dell'Istituto "Vespucci"

Grande soddisfazione per la molfettese Giusy Tangari, ex studentessa dell'IPSIAM "Vespucci" di Molfetta diplomata nel settore moda. Dopo aver studiato tanto nel settore Fashion & Design, si è trasferita a Milano per studiare presso l'Accademia del Lusso, scuola di moda e design per chi vuole entrare da protagonista in questo mondo e ha così avuto l'occasione di avere un contatto diretto con il brand di Dolce&Gabbana.

Ha preso forma così il suo grande sogno di entrare, dalla porta principale, nel mondo della moda. "Questo è un traguardo che hai meritato grazie ai sacrifici, allo studio e alla passione che ti hanno sempre contraddistinto" ha scritto sui social la scuola dove Giusy si è formata a Molfetta prima di spiccare il volo: «La mia passione per la moda nasce fin da quando ero piccola - spiega - essendo mia nonna sarta, mia zia impegnata con riparazioni d'abito e mia madre appassionata nel creare piccoli gioielli. Grazie a mia nonna ho imparato a cucire e le mie prime cavie sono state le bambole delle barbie».

«Alla scuola "Vespucci" ho potuto formarmi e capire ancora di più quanto questa fosse la mia strada - aggiunge - infatti durante gli anni di scuola superiore ho preso parte a un evento nazionale di moda a Bergamo dove mi sono classificata quarta. Ho iniziato ben presto a lavorare con piccole collaborazioni su richiesta, prima di trasferirmi a Milano dove ho deciso di continuare gli studi, iscrivendomi all'Accademia del Lusso, in Fashion Design, dove a luglio mi sono laureata con il massimo dei voti. Per me è stata una bellissima soddisfazione dopo tanti sacrifici in questi anni».

«Ho fatto anche un concorso in accademia, dove ho vinto il primo premio, e in seguito ho avuto la possibilità di fare due colloqui con Dolce&Gabbana. Ho mostrato loro il portfolio con tutti i miei lavori e hanno scelto di darmi questa grande opportunità che non ho esitato a cogliere, nel loro settore di sartoria. Sono molto emozionata di questo risultato e, avendo appena iniziato, posso dirmi già entusiasta di questa avventura» specifica Giusy.

«Molfetta mi manca e spero un giorno di poter tornare nella mia Puglia per dare seguito magari al brand che già ho creato in questi anni e che, mi auguro, un giorno possa permettermi di proseguire con questo lavoro anche nella mia terra. Purtroppo, soprattutto al termine degli studi scolastici, il Sud non offre grandi possibilità per chi ama questo settore e per questo ho dovuto fare la scelta di spostarmi a Milano. Ma chissà, in futuro un ritorno non è da escludere, mi farebbe tanto piacere» conclude.
  • molfettesi emigrati
Altri contenuti a tema
Il molfettese Nicolò Ayroldi porta in teatro a Roma la storia di Peppino Impastato Il molfettese Nicolò Ayroldi porta in teatro a Roma la storia di Peppino Impastato Opera scritta, diretta e interpretata dall'attore che da anni lavora nella capitale
Molfettesi via da Molfetta: la città segue il triste trend della Puglia Molfettesi via da Molfetta: la città segue il triste trend della Puglia I dati confermano l'andamento degli ultimi anni
don Giuseppe de Candia: «La religiosità è il collante per i molfettesi sparsi nel mondo» don Giuseppe de Candia: «La religiosità è il collante per i molfettesi sparsi nel mondo» Il sacerdote ha viaggiato per anni nelle comunità di Australia e Stati Uniti
3 Rosa dall’Argentina e Antonio dall’Australia sempre con Molfetta nel cuore Rosa dall’Argentina e Antonio dall’Australia sempre con Molfetta nel cuore La festa della Madonna dei Martiri momento di ritrovo per tanti molfettesi nel mondo
Associazione molfettesi nel mondo, 36 anni al fianco degli emigrati Associazione molfettesi nel mondo, 36 anni al fianco degli emigrati Amato: «è proprio vero che i molfettesi stanno in ogni parte del mondo»
© 2001-2022 MolfettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
MolfettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.