I Carabinieri
I Carabinieri
Cronaca

Coronavirus, la Procura chiede i decreti di condanna. Volpe: «Priorità assoluta»

Il procuratore di Bari: «Le denunce sono tante. Chiederemo una condanna ad una pena pecuniaria»

Elezioni Regionali 2020
Sono decine i decreti penali di condanna che la Procura della Repubblica di Bari sta trasmettendo all'ufficio del giudice per le indagini preliminari per la violazione dell'articolo 650, cioè l'inosservanza dei provvedimenti dell'Autorità.

In questo caso si parla del decreto sui divieti di assembramento per l'emergenza Coronavirus e anche per la violazione degli articoli 495 e 496 del codice penale, cioè i reati di false attestazioni o dichiarazioni a pubblico ufficiale e false dichiarazioni sulla identità. «Le denunce sono tante - spiega Giuseppe Volpe - e stiamo facendo decine di richieste di decreto penale da mandare ai giudici per le indagini preliminari subito, con priorità assoluta».

«Chiederemo una condanna ad una pena pecuniaria - continua il procuratore di Bari - e poi bisognerà aspettare le eventuali opposizioni e in quel caso si faranno i giudizi di opposizione quando sarà possibile». Intanto, però, la Procura sta procedendo con le richieste di decreti penali di condanna. Ad occuparsene è l'ufficio Pronta Definizione, al quale vengono trasmesse quotidianamente le denunce di coloro che vengono trovati in giro senza una valida motivazione.

Stando ai dati forniti dalla Prefettura di Bari, sono state denunciate 1.901 persone sulle ben 31.441 controllate dall'11 al 20 marzo scorsi, per verificare il rispetto delle norme emanate dal Governo per il contenimento del Coronavirus.
  • Carabinieri Molfetta
  • Polizia Locale Molfetta
Altri contenuti a tema
«Nessuna bambina sottratta, il provvedimento sarà impugnato» «Nessuna bambina sottratta, il provvedimento sarà impugnato» Lo scrive l'avvocato Tedeschi, legale del padre della minore: «L'atto del Tribunale non è fondato su quanto realmente accaduto»
Auto rubate e cannibalizzate nascoste tra gli uliveti di Molfetta Auto rubate e cannibalizzate nascoste tra gli uliveti di Molfetta Si tratta di una Volkswagen e di una BMW ritrovate dai Carabinieri in contrada Maiorana
1 Covid-19, anche a Molfetta controlli con le forze dell'ordine Covid-19, anche a Molfetta controlli con le forze dell'ordine Un protocollo d'intesa è stato sottoscritto tra la Regione Puglia e la Prefettura di Bari
Capre sulla litoranea: disagi al traffico tra Giovinazzo e Molfetta Capre sulla litoranea: disagi al traffico tra Giovinazzo e Molfetta Momenti concitati questa mattina, pronto l'intervento della Polizia Locale
Nuovi cinque agenti di Polizia Locale presto assunti a Molfetta Nuovi cinque agenti di Polizia Locale presto assunti a Molfetta La selezione dalla graduatoria del concorso svolto a Ferrandina
2 Presentato il Comandante della Polizia Locale di Molfetta Cosimo Aloia Presentato il Comandante della Polizia Locale di Molfetta Cosimo Aloia Incontro questa mattina con il sindaco Minervini, l'assessore Ancona e i dirigenti comunali
Colpi d'arma da fuoco in via Cormio, individuato il "pistolero": è un 47enne Colpi d'arma da fuoco in via Cormio, individuato il "pistolero": è un 47enne L'uomo, un pregiudicato, è stato denunciato dai Carabinieri. Ma non era solo: gli spari al culmine di una lite
Segnalati colpi di pistola: nessun bossolo trovato, è mistero Segnalati colpi di pistola: nessun bossolo trovato, è mistero L'episodio in via Cormio. Sono in corso i rilievi dei Carabinieri per ricostruire quanto denunciato al 112
© 2001-2020 MolfettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
MolfettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.