consiglio comunale
consiglio comunale
Politica

Consiglio comunale, la maggioranza risponde alle opposizioni: «Solo fango e faziosità»

La nota congiunta: «Comportamento grave da parte anche di Amato come presidente dell'assise»

Arriva la replica dei consiglieri di maggioranza dopo la nota congiunta diffusa ieri a firma dei consiglieri di opposizione:

"A seguito dell'ultimo Consiglio Comunale, registriamo che ci sono gruppi politici che al solo fine di colpire il primo cittadino non hanno paura di attivare a comando la macchina del fango contro le persone, anche nei luoghi istituzionali. Se abbiamo deciso di commentare solo in forma privata gli attacchi social ai danni di una consigliera di maggioranza, non possiamo restare in silenzio quando le istituzioni vengono abusate ed utilizzate come megafono per lanciare vere e proprie illazioni infondate. Fatto ancora più grave è che tali comportamenti siano posti in essere con il benestare del presidente del consiglio comunale il quale, nonostante conoscesse minuziosamente il contenuto della comunicazione che i gruppi di minoranza hanno spacciato come "fatto grave", ha concesso comunque la parola al consigliere Spaccavento a nome delle minoranze".

"Vieppiù, senza la mozione d'ordine proposta dal Sindaco e approvata dal consiglio comunale, la comunicazione per fatto grave avrebbe avuto precedenza persino sulla ricostituzione dell'organo consiliare che ha permesso l'avvicendamento dei consiglieri della lista Cuore Democratico. Ricordiamo al presidente Amato che la comunicazione per "fatto grave" ex art.14 del regolamento del consiglio deve rispondere alle caratteristiche della novità, della attualità, e della gravità. Amato ha ignorato del tutto questi requisiti, ed infatti ha autorizzato una comunicazione che riguardava un procedimento avviato e concluso diversi mesi fa, il cui iter amministrativo è stato ampiamente pubblicizzato sull'albo pretorio comunale, come da normativa vigente in tema di trasparenza e di contratti pubblici. Il fatto pertanto non era ne' nuovo, ne' attuale ne' grave. Amato in spregio del regolamento ha acconsentito che un giudizio meramente politico, strumentalmente venisse proposto alla massima assise cittadina come un "fatto grave" e quindi privando l'assise di qualsivoglia diritto di replica. Al presidente contestiamo l'uso discrezionale, scorretto e fazioso del suo potere".

"Lo stesso in tale occasione ha tradito la principale funzione assegnata alla presidenza del Consiglio: essere garanzia assoluta dei regolamenti e dei diritti dei consiglieri. Gravissime peraltro le parole proferite da Amato nella riunione dei capigruppo. È parso che i diritti di informazione dei singoli consiglieri sulle istanze di intervento per fatto grave presentate dai propri colleghi mutino a seconda della collocazione politica del presidente, che invitiamo con forza a chiarire pubblicamente, unitamente alla forza politica che ha permesso la sua elezione. Ci teniamo a far emergere ciò che è già chiaro a coloro che non si riconoscono nella cultura del sospetto. Il Cons. Spaccavento ha letto un intervento contenente solo speculazioni politiche ed elucubrazioni tese a rilanciare i comunicati dai toni accusatori pubblicati a più riprese nei giorni passati. Preso atto delle dichiarazioni del dirigente che conferma la legittimità dell'operato del suo ufficio in merito alla questione sollevata, porgiamo la nostra solidarietà sia agli uffici che alla consigliera De Palma".

"Ricordiamo che il Presidente del consiglio è organo super partes al di là della propria collocazione politica che, alla luce di quanto accaduto, è parsa parecchio equivoca. Amato ha ridotto il consiglio comunale a megafono delle illazioni infondate delle minoranze e per questo dovrebbe rassegnare le proprie dimissioni da presidente del consiglio e cedere il passo ad altri che meglio potrebbero tutelare l'istituzione del Consiglio Comunale. Bene ha fatto il sindaco a sottolineare la inopportuna faziosità del presidente."

I deleganti:

INSIEME PER LA CITTA':
de Gioia Onofrio
de Pama Francesca
Germano Carmela
Ginosa Elena
Lanza Girolamo
Petruzzelli Annalisa
Salvemini Giacomo

CUORE DEMOCRATICO
Facchini Giovanni
Minervini Leonardo

ALA DEMOCRATICA
Crocifero Antonia
Paparella Vito

MOLFETTA IN AZIONE
Ancona Antonio

PATTO COMUNE
Fiorentini Angelo
  • Politica
Altri contenuti a tema
"Zona 30" in centro a Molfetta. Il centrodestra: «Siamo molto scettici» "Zona 30" in centro a Molfetta. Il centrodestra: «Siamo molto scettici» Le riflessioni sul tema: «Non sarebbe corretto far cassa sulla pelle dei cittadini»
Guerra in Israele, il consigliere Gagliardi chiede un appello per la pace Guerra in Israele, il consigliere Gagliardi chiede un appello per la pace Depositato un ordine del giorno finalizzato a chiedere al Consiglio comunale di pronunciarsi in merito
Molfetta Popolare: «Il sindaco si circonda solo di chi asseconda le sue scelte» Molfetta Popolare: «Il sindaco si circonda solo di chi asseconda le sue scelte» La nota del gruppo: «Chiediamo da tempo un cambio di passo e un maggiore coinvolgimento»
Gruppo territoriale M5S Molfetta: «No all’autonomia differenziata» Gruppo territoriale M5S Molfetta: «No all’autonomia differenziata» Venerdì 9 febbraio una delegazione ha presi parte alla manifestazione di Cgil e Uil Puglia
Polemica dalla maggioranza, arriva la replica del presidente del Consiglio comunale Polemica dalla maggioranza, arriva la replica del presidente del Consiglio comunale Robert Amato risponde all'attacco dei giorni scorsi
Nuovo PSI di Molfetta: «Non condividiamo il modo di fare del Sindaco» Nuovo PSI di Molfetta: «Non condividiamo il modo di fare del Sindaco» La nota: «L'ultimo Consiglio comunale conferma le nostre perplessità»
Le opposizioni di Molfetta: «Dal Sindaco ancora ostruzionismo sui lavori alla scuola "Cozzoli"» Le opposizioni di Molfetta: «Dal Sindaco ancora ostruzionismo sui lavori alla scuola "Cozzoli"» Nota congiunta del centrosinistra e del centrodestra dopo l'ultimo Consiglio comunale
"Molfetta che vogliamo" replica al Sindaco: «Basta vittimismo» "Molfetta che vogliamo" replica al Sindaco: «Basta vittimismo» La nota stampa: «Da Minervini solo timore nel dire la verità»
© 2001-2024 MolfettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
MolfettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.