Campagne al veleno. Risuona l'allarme eternit
Campagne al veleno. Risuona l'allarme eternit
Cronaca

Campagne al veleno a Molfetta. Risuona l'allarme eternit

Individuato dalle Guardie Ecozoofile, lungo la strada provinciale 22, un cimitero di rifiuti pericolosi

Torna alla ribalta la problematica dell'avvelenamento da eternit nell'agro di Molfetta. È la denuncia delle Guardie Ecozoofile Protezione Ambientale che, all'esito di specifiche indagini condotte in materia di tutela ambientale, si sono imbattute dinanzi ad un raccapricciante deposito illegale di rifiuti.

Lungo la strada provinciale 22, infatti, quella che collega Molfetta a Corato, conosciuta in passato col nome di strada vicinale Coppe 23, il personale molfettese ha individuato un accumulo di rifiuti come lastre di ondulina oltre a numerosi manufatti, serbatoi e vasche di cemento-eternit, abbandonati in modo illegale sul suolo e dunque esposti all'azione degli agenti atmosferici con grave rischio di dispersione.

Un ammassamento di eternit, in cattivo stato di conservazione e quindi molto pericoloso per l'inquinamento ambientale che produce. «Si tratta - fanno sapere - di una situazione di estrema pericolosità proprio perché più discariche abusive ci sono e maggiori sono i rischi per la salute pubblica». Sul suolo, poi, i volontari hanno constatato la presenza di altre lastre di eternit deteriorate, e quindi altamente insidiose e nocive.

Oltre ai pericoli filamenti sottili, anche rifiuti speciali ed i soliti ingombranti, come mobili, materassi e stampanti. La notizia di reato è stata inoltrata alla Polizia Locale, mentre l'attività investigativa prosegue. Per il momento l'accusa è contro ignoti, ma sono in corso indagini volte all'individuazione dei responsabili.
7 fotoCampagne al veleno. Risuona l'allarme eternit
Campagne al veleno. Risuona l'allarme eternitCampagne al veleno. Risuona l'allarme eternitCampagne al veleno. Risuona l'allarme eternitCampagne al veleno. Risuona l'allarme eternitCampagne al veleno. Risuona l'allarme eternitCampagne al veleno. Risuona l'allarme eternitCampagne al veleno. Risuona l'allarme eternit
  • Rifiuti Molfetta
  • Associazione Gepa
Altri contenuti a tema
Strage dei treni, la Gepa si costituisce parte civile contro Ferrotramviaria Strage dei treni, la Gepa si costituisce parte civile contro Ferrotramviaria La richiesta è stata accolta dal Tribunale di Trani nella seduta di ieri. Si tratta di un'assoluta novità nel panorama giuridico
1 Chiazza d'olio a Torre Calderina: la Gepa scrive all'Arpa e al Ministero Chiazza d'olio a Torre Calderina: la Gepa scrive all'Arpa e al Ministero Le guardie ecozoofile hanno rilevato la presenza di una macchia oleosa. Rinvenuti anche rifiuti in plastica
Vuoi diventare una guardia zoofila? La G.E.P.A. organizza un corso Vuoi diventare una guardia zoofila? La G.E.P.A. organizza un corso Partirà il 18 maggio il corso per guardie zoofile organizzato dall'associazione di Molfetta
Pezzi d'auto nei campi: a scoprirli le Guardie Ecozoofile Protezione Ambientale Pezzi d'auto nei campi: a scoprirli le Guardie Ecozoofile Protezione Ambientale Operazione degli agenti in località San Giacomo: rinvenuto un accumulo di rifiuti derivanti dalla rottamazione di auto
La Gepa potrà operare anche nella provincia Bat La Gepa potrà operare anche nella provincia Bat Le Guardie Ecozoofile Protezione Ambientale hanno ottenuto l'estensione del decreto prefettizio
Bloccato l'aumento della "spazzatura" in tutta la Regione Bloccato l'aumento della "spazzatura" in tutta la Regione Accordo tra Regione, Ager e gestori delle discariche private
Gestione e tasse dei rifiuti, Sindaci in protesta Gestione e tasse dei rifiuti, Sindaci in protesta La nota dell'Anci
Una città usata come discarica: «Portano i rifiuti da Andria e Canosa» Una città usata come discarica: «Portano i rifiuti da Andria e Canosa» Via Ruvo sotto assedio: campagne strapiene di rifiuti ingombranti, come vecchi mobili e carcasse di elettrodomestici
© 2001-2019 MolfettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
MolfettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.