L'intervento di Carabinieri e Polizia Locale
L'intervento di Carabinieri e Polizia Locale
Cronaca

Calci e pugni in strada: ubriaco dà in escandescenza, fermato un 19enne

Il giovane è stato arrestato dai Carabinieri: è accusato di resistenza e oltraggio a pubblico ufficiale

Una stupida lite tra volti noti alle forze dell'ordine, degenerata per l'abuso di alcol, è finita con l'arresto di un 19enne. Ad arrestare il giovane, che dovrà rispondere di resistenza e oltraggio a pubblico ufficiale, sono stati i Carabinieri della locale Compagnia che lo hanno fermato nel centralissimo corso Umberto.

L'episodio è avvenuto ieri sera, alle ore 19.30: le urla, la lite a suon di calci e pugni - le cui ragioni rimangono ignote - infine le sirene, quelle dei militari dell'Aliquota Radiomobile. La vicenda, di per sé, non è delle più gravi, ma in qualche modo ha fatto molto rumore perché avvenuta davanti alla chiesa del Sacro Cuore di Gesù, in pieno centro cittadino: una situazione che rischiava di degenerare, tanto che sul posto sono subito arrivate anche due volanti della Polizia Locale.

I Carabinieri, non senza difficoltà, hanno fermato il 19enne, in preda ai fumi dell'alcol. C'è stata evidente difficoltà nel bloccare il giovane, sempre più agitato e che ha anche opposto una energica resistenza. E quando finalmente ci sono riusciti, grazie alla professionalità e alla freddezza, l'hanno portato in caserma. Qui, poi, ha continuato a creare problemi. Il giovane, un molfettese già noto alle forze dell'ordine, è stato arrestato per resistenza e oltraggio a pubblico ufficiale.

Intanto, le indagini vanno avanti. I militari sono ora al lavoro per cercare di identificare tutti i partecipanti alla lite: non è chiaro quante persone si sono picchiate, a suon di calci e pugni. Il più esagitato di tutti, di 19 anni, è finito in manette. Gli investigatori hanno acquisito i filmati degli impianti di videosorveglianza.
  • Risse Molfetta
  • Arresti Molfetta
  • Carabinieri Molfetta
  • Arresti Carabinieri
Altri contenuti a tema
2 Ladro tenta la fuga in mare, ma a riva lo aspettano i Carabinieri Ladro tenta la fuga in mare, ma a riva lo aspettano i Carabinieri Dopo il colpo alla Caritas un 49enne si è gettato in acqua. Arrestato, è stato subito rimesso in libertà
Arresti nell'Arma, il processo inizia con un rinvio Arresti nell'Arma, il processo inizia con un rinvio Slitta al 18 maggio l'udienza preliminare per consentire alle difese di avanzare richieste di riti alternativi
Furti nei negozi, arrestato un 47enne. Era l'incubo dei commercianti Furti nei negozi, arrestato un 47enne. Era l'incubo dei commercianti Tre gli episodi contestati dai Carabinieri: l'uomo, già arrestato lo scorso 19 marzo, è stato individuato dopo una serrata indagine
Carabinieri, il luogotenente Dante ad Andria. È stato per 13 anni a Molfetta Carabinieri, il luogotenente Dante ad Andria. È stato per 13 anni a Molfetta Di origini napoletane, dal 1995 al 2005 ha ricoperto l'incarico di comandante del Nucleo Comando
Si allontanano da una comunità: scomparse due minori di Molfetta Si allontanano da una comunità: scomparse due minori di Molfetta Le sorelle Melania e Simona Sigrisi dal 9 aprile non hanno fatto più ritorno nella struttura Legàmi e Talenti
Pirati-rapinatori a Molfetta. Assalto ad un motopeschereccio Pirati-rapinatori a Molfetta. Assalto ad un motopeschereccio L'episodio nel porto: rubate le attrezzature di bordo. Sul caso stanno indagando i Carabinieri
Ladri in trasferta a Trani: padre e figlio arrestati dalla Polizia Ladri in trasferta a Trani: padre e figlio arrestati dalla Polizia I due, di 47 e 18 anni, sono stati fermati dopo una serie di furti nei negozi: riconosciuti grazie alla videosorveglianza
Ai domiciliari, aveva 19 dosi di hashish in casa. Ed è di nuovo in arresto Ai domiciliari, aveva 19 dosi di hashish in casa. Ed è di nuovo in arresto Nei guai un 23enne di Molfetta. Controllo mirato dei Carabinieri e la scoperta su un mobile della cucina
© 2001-2021 MolfettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
MolfettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.