Anziano
Anziano

Budget di sostegno ai caregiver familiari: c'è il bando della Regione Puglia

Prevista una quota di 1000 euro presentando domanda entro il 21 luglio

Approvato con determinazione dirigenziale n. 611 del 9/06/2022 il nuovo avviso pubblico per accedere al budget di sostegno al caregiver familiare di euro 1.000,00 (una tantum) e destinato al caregiver della persona in condizione di gravissima disabilità (art. 3 DM FNA 2019).

Il budget di sostegno viene riconosciuto al caregiver familiare per lo svolgimento del suo ruolo di cura e assistenza di soggetti in condizioni di gravissima disabilità non autosufficienza.
Chi è il caregiver familiare che può presentare domanda

Il caregiver familiare, come definito dall'art. 1, comma 255, della L. 30 dicembre 2017 n. 205, è "la persona che assiste e si prende cura: del coniuge; dell'altra parte dell'unione civile tra persone dello stesso sesso o del convivente di fatto ai sensi della legge 20 maggio 2016, n. 76, di un familiare o di un affine entro il secondo grado, ovvero, nei soli casi indicati dall'articolo 33, comma 3, della legge 5 febbraio 1992, n. 104, di un familiare entro il terzo grado che, a causa di malattia, infermità o disabilità, anche croniche o degenerative, non sia autosufficiente e in grado di prendersi cura di se', sia riconosciuto invalido in quanto bisognoso di assistenza globale e continua di lunga durata ai sensi dell'articolo 3, comma 3, della legge 5 febbraio 1992, n. 104, o sia titolare di indennità di accompagnamento ai sensi della legge 11 febbraio 1980, n. 18".

Non sono ammessi alla misura del "budget di sostegno al caregiver familiare":
  • i caregiver di disabili beneficiari di progetti "Dopo di Noi" (annualità 2020-2021)
  • i caregiver familiari di persone con disabilità gravissima non autosufficienza ricoverati presso strutture residenziali sociosanitarie e/o sanitarie assistenziali.
Le risorse disponibili sono € 6.013.666,43. Le domande potranno essere presentate a partire dalle ore 12 del giorno 21 giugno 2022 fino alle ore 12 del giorno 21 luglio 2022. La domanda può essere presentata esclusivamente attraverso la piattaforma telematica presente accessibile dal link bandi.pugliasociale.regione.puglia.it.

Ai fini della corretta trasmissione della domanda, gli utenti dovranno essere provvisti di credenziali SPID Livello 2 e Attestazione ISEE ordinario in corso di validità necessari al fine di generare il proprio Codice Famiglia. Gli utenti in possesso di codice famiglia creato nel corso degli anni precedenti, dovranno procedere comunque a generare un nuovo codice famiglia.
  • regione Puglia
Altri contenuti a tema
Caro gasolio, tre milioni di euro per le marinerie in Puglia. Ok dalla Regione Caro gasolio, tre milioni di euro per le marinerie in Puglia. Ok dalla Regione Nei giorni scorsi proteste anche tra i marittimi di Molfetta
Eurostat: la Puglia tra le 5 regioni europee con minor tasso di occupazione Eurostat: la Puglia tra le 5 regioni europee con minor tasso di occupazione Il dato regionale è pari al 46,7% mentre la media UE è del 68,4%
La Regione Puglia cerca personale: bando per oltre 700 unità La Regione Puglia cerca personale: bando per oltre 700 unità Termine per presentare la domanda il 27 gennaio
Covid@casa, il progetto della Regione Puglia per assistere i positivi in casa Covid@casa, il progetto della Regione Puglia per assistere i positivi in casa Lopalco: «Importante garantire sostegno anche nel periodo post guarigione»
La Regione Puglia stanzia 2,7 milioni di euro per i centri diurni La Regione Puglia stanzia 2,7 milioni di euro per i centri diurni Indetto l'avviso pubblico per enti gestori pubblici e privati
La Regione Puglia approva l'Agenda di Genere per la lotta alle disparità La Regione Puglia approva l'Agenda di Genere per la lotta alle disparità Emiliano: «Questo documento è un punto di partenza»
Regione Puglia, il molfettese Paolo Francesco Garofoli direttore del dipartimento Ambiente Regione Puglia, il molfettese Paolo Francesco Garofoli direttore del dipartimento Ambiente I nuovi incarichi sono stati sanciti ieri dalla Giunta regionale
Da marzo SPID e PagoPa obbligatori per l'accesso ai servizi digitali Da marzo SPID e PagoPa obbligatori per l'accesso ai servizi digitali Le novità in vigore da questo mese
© 2001-2022 MolfettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
MolfettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.