Bottega
Bottega

Avviso pubblico della Regione Puglia per il riconoscimento delle attività storiche

Le domande si potranno inviare dal 18 luglio sul portale regionale

Un avviso per manifestazione di interesse destinato alle attività che, avendo i requisiti previsti dalla L.R. n. 30/2021, intendano avere il riconoscimento di negozio storico, bottega artigiana storica o locale storico ed essere così inserite nell'apposito albo regionale. A presentare l'avviso questa mattina in conferenza stampa l'assessore regionale allo Sviluppo economico, Alessandro Delli Noci, insieme alla dirigente di Sezione alla promozione del commercio, artigianato e internazionalizzazione delle imprese, Francesca Zampano, e alla presenza di Francesco Sgherza di Confartigianato, Maria Concetta Malorzo di CNA, Salvatore Sanghez di Confesercenti e Alessandro Ambrosi di Confcommercio.

"Sostenere quello che per noi è il cuore del tessuto produttivo pugliese – ha dichiarato Delli Noci – è la finalità di questo avviso che nasce a seguito dell'approvazione di un'apposita Legge regionale su cui tanto abbiamo lavorato e che è frutto della collaborazione con le associazioni di categoria, che ringrazio. Le attività storiche e di tradizione meritano una particolare attenzione perché rappresentano la nostra storia, le nostre tradizioni e anche quella creatività pugliese amata e apprezzata in tutto il mondo. La tutela da un punto di vista legislativo ne riconosce centralità e valore e ci mette nelle condizioni di mettere in campo tutte quelle azioni concrete in grado di preservare questo patrimonio, valorizzarlo e tramandarlo alle generazioni future".

Sono tre le attività storiche riconosciute dalla Legge e che, attraverso l'avviso, saranno inserite nell'albo regionale: i negozi storici, vale a dire unità locali che svolgono attività di commercio al dettaglio in sede fissa o all'interno dei mercati su aree pubbliche; le botteghe artigiane storiche, unità locali artigianali che svolgono la produzione, la vendita diretta al dettaglio di beni o servizi e i locali storici, unità locali esclusivamente o prevalentemente dedite alla ristorazione o alla somministrazione di alimenti e bevande. In ragione delle loro specifiche caratteristiche, ciascuna delle tre tipologie di attività storiche e di tradizione è a sua volta suddivisa in tre categorie che prevedono, tra gli altri requisiti, un'anzianità rispettivamente di trenta, quaranta e settant'anni di attività.

Le attività storiche, riconosciute con marchio identificativo e iscritte nell'Elenco Regionale delle Attività Storiche e di Tradizione della Puglia, potranno beneficiare di numerosi interventi tra cui contributi a fondo perduto ai titolari delle attività, agevolazioni per l'accesso al credito, agevolazioni, premialità o riduzioni per tributi regionali, imposte e tariffe comunali, supporto per i contratti di apprendistato per l'ingresso delle giovani e dei giovani nel mondo del lavoro, premialità nella promozione di bandi regionali per la tutela delle imprese territoriali, promozione dell'Elenco Regionale nei circuiti turistici, promozione di percorsi formativi specifici per titolari e dipendenti per tutelare l'identità delle attività delle imprese storiche e di tradizione del territorio pugliese.

"Abbiamo sviluppato tre simboli diversi per identificare le diverse tipologie di attività storiche della Puglia: negozi, locali e botteghe – ha concluso Delli Noci –. Tre loghi che derivano dalla scomposizione dello stemma regionale e dalla combinazione dei simboli contenuti nello stemma e degli elementi dell'urbanistica pugliese. Un marchio carico di significati che parla della Puglia e delle sue eccellenze". Per richiedere il riconoscimento, a partire dal 18 luglio prossimo, il titolare dell'attività potrà rivolgersi a un Centro di Assistenza Tecnica (CATA/CAT) promosso dalle associazioni di categoria dell'artigianato o del commercio e autorizzato dalla Regione Puglia.
  • regione Puglia
Altri contenuti a tema
Paesaggio rurale, contributi dalla Regione Puglia per le ristrutturazioni Paesaggio rurale, contributi dalla Regione Puglia per le ristrutturazioni Minervini: «Sollecito chi ha i requisiti a partecipare al bando»
Dalla Regione Puglia fondi per valorizzare i paesaggi rurali: c'è il bando Dalla Regione Puglia fondi per valorizzare i paesaggi rurali: c'è il bando Candidature aperte fino al 29 luglio
Budget di sostegno ai caregiver familiari: c'è il bando della Regione Puglia Budget di sostegno ai caregiver familiari: c'è il bando della Regione Puglia Prevista una quota di 1000 euro presentando domanda entro il 21 luglio
Caro gasolio, tre milioni di euro per le marinerie in Puglia. Ok dalla Regione Caro gasolio, tre milioni di euro per le marinerie in Puglia. Ok dalla Regione Nei giorni scorsi proteste anche tra i marittimi di Molfetta
Eurostat: la Puglia tra le 5 regioni europee con minor tasso di occupazione Eurostat: la Puglia tra le 5 regioni europee con minor tasso di occupazione Il dato regionale è pari al 46,7% mentre la media UE è del 68,4%
La Regione Puglia cerca personale: bando per oltre 700 unità La Regione Puglia cerca personale: bando per oltre 700 unità Termine per presentare la domanda il 27 gennaio
Covid@casa, il progetto della Regione Puglia per assistere i positivi in casa Covid@casa, il progetto della Regione Puglia per assistere i positivi in casa Lopalco: «Importante garantire sostegno anche nel periodo post guarigione»
La Regione Puglia stanzia 2,7 milioni di euro per i centri diurni La Regione Puglia stanzia 2,7 milioni di euro per i centri diurni Indetto l'avviso pubblico per enti gestori pubblici e privati
© 2001-2022 MolfettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
MolfettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.