I contanti sequestrati dai Carabinieri
I contanti sequestrati dai Carabinieri
Cronaca

Arresto De Benedictis, ecco il fiume di denaro: oltre 1 milione di euro

Trovati dai Carabinieri a casa del figlio dell'avvocato Chiariello. Erano nascosti in tre zaini

Il caso del giudice Giuseppe De Benedictis, di Molfetta, trovato in possesso - emerge dall'indagine - di una tangente di 6mila euro che poco prima aveva ricevuto dall'avvocato Giancarlo Chiariello, entrambi arrestati dai Carabinieri, e che si era improvvisamente dimesso dalla magistratura, svela numerosi altri retroscena.

Nel corso delle perquisizioni eseguite stamattina, contestualmente all'esecuzione dei provvedimenti di custodia cautelare in carcere nei confronti del giudice De Benedictis, magistrato in servizio presso l'Ufficio GIP di Bari, e dell'avvocato Chiariello, del Foro di Bari, i Carabinieri del Nucleo Investigativo hanno sequestrato nell'abitazione del figlio dell'avvocato, Alberto, anche lui indagato, in tre zaini nascosti in un divano e in un armadio circa 1 milione e 200mila euro in contanti.
3 fotoArresto De Benedictis, ecco il fiume di denaro: oltre 1 milione di euro
Arresto De Benedictis, ecco il fiume di denaro: oltre 1 milione di euroArresto De Benedictis, ecco il fiume di denaro: oltre 1 milione di euroArresto De Benedictis, ecco il fiume di denaro: oltre 1 milione di euro


Sono in corso, da parte dei militari baresi, accertamenti per verificare la provenienza del denaro che si aggiunge ai 6mila euro, la somma in contanti sequestrata nella disponibilità di De Benedictis. Nell'abitazione del magistrato, invece, a Molfetta, nascoste in alcune prese per le derivazioni elettriche sono state sequestrate numerose mazzette di denaro per importi variabili tra i 2mila e 16mila euro (per un totale di circa 60mila euro), ritenute dagli inquirenti frutto della corruzione.

Nell'immediatezza dei fatti il giudice De Benedictis, condotto in carcere, ha rilasciato a verbale dichiarazioni spontanee con le quali ha ammesso di aver ricevuto poco prima dall'avvocato Chiariello la somma in questione «per il disturbo» e di «volersi dimettere dalla magistratura per la vergogna». L'inchiesta non è finita.
  • Giuseppe De Benedictis
Altri contenuti a tema
De Benedictis resta in carcere, rigettata l'istanza dell'ex Gip di Bari De Benedictis resta in carcere, rigettata l'istanza dell'ex Gip di Bari Ritenute attuali le esigenze cautelari: l'ex magistrato è un collezionista di armi e quindi potrebbe reiterare il reato
Arresto De Benedictis: chiusa l'inchiesta, 11 indagati Arresto De Benedictis: chiusa l'inchiesta, 11 indagati Nei loro confronti sono ipotizzati, a vario titolo, 4 episodi di corruzione
Trovate altre armi di De Benedictis. A Molfetta rinvenuti assegni e sterline Trovate altre armi di De Benedictis. A Molfetta rinvenuti assegni e sterline I poliziotti della Squadra Mobile di Bari li hanno scovati nelle prese elettriche della propria abitazione
Arsenale di De Benedictis: trovate in masseria altre armi da guerra Arsenale di De Benedictis: trovate in masseria altre armi da guerra Nell'abitazione dell'ex giudice, a Molfetta, sono state sequestrate sterline e assegni
Arsenale sequestrato, De Benedictis: «Mie solo alcune di quelle armi» Arsenale sequestrato, De Benedictis: «Mie solo alcune di quelle armi» Il magistrato di Molfetta, interrogato a Lecce, ha negato qualsiasi rapporto con la criminalità organizzata
Arresto bis De Benedictis: «Indagati pericolosi per la collettività» Arresto bis De Benedictis: «Indagati pericolosi per la collettività» Lunedì gli interrogatori: il magistrato di Molfetta risponderà alle domande della Gip di Lecce
Arresto bis De Benedictis. Il sospetto: «Armi custodite per i clan» Arresto bis De Benedictis. Il sospetto: «Armi custodite per i clan» Custodiva un «arsenale degno di una cosca mafiosa», ma il timore è che lo facesse per conto dei clan
1 De Benedictis: «Le armi illegali le ho buttate in mare a Molfetta» De Benedictis: «Le armi illegali le ho buttate in mare a Molfetta» Le dichiarazioni del magistrato sono uno stralcio dell’interrogatorio fatto in carcere il 29 aprile
© 2001-2021 MolfettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
MolfettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.