Un'aula del Tribunale
Un'aula del Tribunale
Cronaca

Arresti nell'Arma, domani l'incidente probatorio in videoconferenza

Il gip Galesi ha accolto la richiesta della Procura di Bari per cristallizzare le dichiarazioni degli indagati

Finalmente è arrivato il giorno del faccia a faccia, nell'inchiesta sui militari dell'Arma dei Carabinieri arrestati a Giovinazzo. Uno di questi, Domenico Laforgia, è di Molfetta. Il gip del Tribunale, Marco Galesi, ha accolto la richiesta di incidente probatorio della Procura per cristallizzare le dichiarazioni degli indagati.

Nella mattinata di domani, a Bari, collegati in videoconferenza dalle rispettive case circondariali, gli appuntati Antonio Salerno e Domenico Laforgia, reclusi nel carcere militare di Santa Maria Capua Vetere, il referente del sodalizio Mario Del Vecchio, trasferito presso l'istituto penitenziario di Badu 'e Carros, a Nuoro, e il commerciante Gerardo Giotti, rinchiuso dietro le mura di Borgo San Nicola, a Lecce, racconteranno - davanti al gip, al pm e agli avvocati - la loro versione.

L'incidente probatorio, in cui le dichiarazioni rese saranno acquisite come una prova, assunte alla presenza delle parti ed in contraddittorio tra di loro - sarà un faccia a faccia importante - servirà a cristallizzare non solo le dichiarazioni degli arrestati, accusati, a vario titolo, di concorso esterno in associazione mafiosa, corruzione in atti giudiziari e rivelazione del segreto d'ufficio, ma anche quelle di Michele Giangaspero che con le sue dichiarazioni ha dato il via alle indagini.

L'attività è stata condotta dai Carabinieri del Nucleo Investigativo di Bari, sotto il coordinamento del sostituto procuratore della Direzione Distrettuale Antimafia Federico Perrone Capano, e stando a quanto emerso dalle indagini, per anni i due militari, in servizio presso la Stazione di Giovinazzo, avrebbero ricevuto 1.000 euro al mese, somma in contanti ridotta a 500 euro e, uno dei due, anche regali e persino l'indebito risarcimento del danno per un falso incidente stradale.

I due appuntati, secondo le indagini, si sarebbero fatti consegnare questi beni da alcuni uomini vicini al clan mafioso Di Cosola, per il tramite del commerciante. In cambio i due militari avrebbero rivelato informazioni sulle operazioni di polizia giudiziaria, indagini in corso o provvedimenti restrittivi da eseguire nei confronti di affiliati all'articolazione cittadina del clan Di Cosola, fornendo, in alcune occasioni, registrazioni e verbali con le dichiarazioni dei collaboratori di giustizia.

All'incidente probatorio, che si svolgerà davanti al gip Marco Galesi, parteciperanno il pm Federico Perrone Capano e i legali Mario Malcangi per Antonio Salerno, Massimo Roberto Chiusolo e Tiziano Tedeschi per Domenico Laforgia, Massimo Roberto Chiusolo per Mario Del Vecchio e Maurizio Masellis e Mario Mongelli per Gerardo Giotti.
  • Tiziano Tedeschi
  • Domenico Laforgia
  • Massimo Roberto Chiusolo
Altri contenuti a tema
Arresti nell'Arma, l'appuntato Laforgia lascia il carcere: va ai domiciliari Arresti nell'Arma, l'appuntato Laforgia lascia il carcere: va ai domiciliari Era in cella, con Salerno, dal 18 giugno scorso. Il gip Galesi ha accolto le richieste di attenuazione delle misure cautelari
Arresti nell'Arma, il giorno della verità: Giangaspero davanti al Gip Arresti nell'Arma, il giorno della verità: Giangaspero davanti al Gip Il 39enne, personaggio cardine di tutta l'inchiesta, è stato ascoltato nell'incidente probatorio
Soldi per pilotare le indagini. In silenzio davanti al Gip: restano in carcere Soldi per pilotare le indagini. In silenzio davanti al Gip: restano in carcere Ieri gli interrogatori: si sono tutti avvalsi della facoltà di non rispondere, nessuna istanza di attenuazione della misura cautelare
Lottizzazione abusiva, la sentenza appesa alla Corte Europea? Lottizzazione abusiva, la sentenza appesa alla Corte Europea? Torna in aula il processo D1.1, in attesa della Grande Camera. I pareri degli avvocati de Gennaro, Mastro, Mongelli e Tedeschi
© 2001-2021 MolfettaViva è un portale gestito da InnovaNews srl. Partita iva 08059640725. Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Trani. Tutti i diritti riservati.
MolfettaViva funziona grazie ai messaggi pubblicitari che stai bloccandoPer mantenere questo sito gratuito ti chiediamo disattivare il tuo AdBlock. Grazie.